TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.
 Redacción de Topdoctors

Redacción de Topdoctors
Immunologia

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Un passo nella lotta contro l'AIDS

Il vaccino contro l'AIDS sembra ormai un po 'più vicino. I ricercatori della Oregon Health & Science University (OHSU) negli Stati Uniti, hanno scoperto un vaccino curativo contro l'AIDS, ma finora non è stato testato negli esseri umani, il suo successo nelle scimmie disegna uno scenario di speranza per questo vaccino, Ha testato negli esseri umani presto.

Il direttore associato del vaccino e Gene Therapy Institute dell'università, Louis Picker, ha detto che "con questa strategia, si 'insegnare' il corpo delle scimmie per essere meglio preparati le loro difese e combattere le malattie". Potrebbe essere una rivoluzione nel trattamento dell'AIDS, poiché, come spiegato Selettore "è sempre stato pensato che infezioni da HIV e SIV, l'equivalente nelle scimmie, sono permanenti e che la migliore poteva monitorare la risposta al virus, ma questa è la prima volta che la ricerca dimostra che si può eliminare il virus che causa l'AIDS. "

Questa ricerca potrebbe essere un passo importante in avanti per l'AIDS di una malattia cronica curabile. Ricordiamo che oltre 34 milioni di persone soffrono di AIDS in tutto il mondo.

Lo studio su scimmie

L'indagine di questo vaccino contro l'AIDS è stata effettuata con i macachi e si basa sulla combinazione di citomegalovirus (CMV) con SIV. La scoperta è stata fatta quando hanno scoperto che CMV geneticamente modificato aiuta generare cellule T, che a loro volta sono responsabili per trovare e distruggere le cellule infettate da SIV.

Lo studio è stato avviato con un gruppo di scimmie che sono stati infettati con SIV, più letale del virus che colpisce gli esseri umani. Dopo due mesi hanno ottenuto il vaccino in questione e tre anni dopo la metà di loro non aveva più il virus.

Ora sta indagando perché solo un risultato positivo è stato raggiunto a metà le scimmie sono stati infettati e, naturalmente, resta da vedere fino a che punto questo studio contribuirà alla lotta contro l'AIDS nell'uomo. In ogni caso si tratta di un passo importante contro l'AIDS, che sono diventati eco prestigiose riviste scientifiche come Nature.

Pubblicato da: Top Doctors®

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione