Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 18/10/2017 11:23
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Da una certa età, le parti del corpo con un sacco di degaste osso appena si manifesta come dolore e di condizionamento della vita del paziente. Per richiedere un intervento chirurgico, la scelta di un buon protesi è essenziale per il recupero della persona. Poi l'esperto in chirurgia ortopedica, Dr. Rafael Llopis, spiega tutti i dettagli circa la superficie di protesi d'anca.

superficie protesi d'anca

Lo scopo della superficie protesi d'anca è la conservazione della quantità massima possibile per le future parti ossee prodotti da usura. Il tipo più comunemente usato e studi di follow-up più alte più di 15 anni, si chiama protesi BHR (Birmingham Hip Resurfacing).

Questo tipo di protesi si rivolge a uomini di età inferiore ai 65 anni, con buona qualità dell'osso e che vogliono a praticare esercizio fisico. Ancora, va osservato un aumento del rischio di ioni liberi nel sangue e reazioni locali che possono verificarsi.

Per i pazienti con deformità ossee, necrosi avascolare, cisti ossee, malattia renale, allergia ai metalli, tra le altre malattie, dovrebbero essere considerati i pazienti non candidati resurfacing al fine di evitare potenziali problemi che possono causare metallo utilizzato.

 

Vantaggi e svantaggi

I principali vantaggi di questo sono conservazione osso dell'anca, riducendo l'usura e riducendo il grado di incidenza di dislocazione.

Viceversa, gli inconvenienti più importanti sono i derivati di attrito tra le due parti metalliche. Dopo indagini, abbiamo rilevato notevoli leghe cromo reazioni locali e cobalto utilizzati nella fabbricazione di protesi totali d'anca con coppia di attrito metallo-metallo. Convenzionali protesi metallo-metallo sono diventate obsolete e sono quasi ricordato. L'unica anca accettato, e cautamente, sono la superficie, poiché nessuna coppia di attrito alternativa.

 

Chirurgia e post-operatorio

L'inserimento di una superficie protesi d'anca è più laborioso che nel caso di protesi convenzionali. Riguardo a questo punto, si noti che il posizionamento corretto è essenziale per ottenere prestazioni ottimali.

Riguardo postoperatoria è simile alla protesi convenzionali. Reddito tra due e quattro giorni e il rischio di trasfusione è inferiore a quella convenzionale. Inoltre, l'uso di barre che si estendono tra due e quattro settimane e il recupero completo si verifica entro uno a tre mesi, a seconda di ogni paziente.

Traumatologia a Madrid
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr. Rafael Llopis Miró
Traumatologia

Dr. Llopis Miro è un pioniere nel nostro paese per lo sviluppo di nuove tecniche mini-invasive e l' impiego di nuovi biomateriali per il trattamento chirurgico dell'artrosi dell'anca e del ginocchio. Ha esperienza di lavoro e formazione nei migliori ospedali nazionali e internazionali. Attualmente è il direttore dell'Istituto di Locomotive a San Francisco de Asis de Madrid Hospital.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.