La ricerca in neuroriabilitazione

Autore: Dr. Joan Vidal Samsó
Pubblicato: | Aggiornato: 17/10/2017
Editor: Top Doctors®

Nel campo della riabilitazione, (trauma cranico, ictus, lesioni del midollo spinale, neuropatie e altre malattie neurologiche), disturbi neurologici sono quelle che richiedono un maggiore numero di interventi e anche tipo intensivo (un sondaggio di recente negli Stati Uniti, pari al 80% dei ricavi per il trattamento di riabilitazione). A causa della necessità urgente di rispondere alla crescente domanda di cura, negli ultimi anni, il larehabilitaciónhaempezado per dare maggiore risalto allo sviluppo della ricerca traslazionale, concentrandosi sulla medicina basata sull'evidenza medicinade.

Negli ultimi anni, hanno sviluppato diverse strategie di coping nei trapianti di cellule sezione che hanno aperto nuove possibilità per migliorare i meccanismi di recupero delle lesioni del sistema nervoso centrale (SNC). lesioni del midollo spinale, come uno degli eventi più gravi che possono avere un personaa Inframmezzato tutta suvidadeuna bruscamente e senza preavviso rappresenta un buon modello per l'analisi di possibili mecanismosderecuperaciónneuronal.Los tre problemi fondamentali connessi con lesioni del midollo spinale sono morte neuronale secondario, formazione nella lesione di un ambiente rigenerazione assonale inibitoria e la formazione di una cicatrice gliale. Attualmente sono in fase di sperimentazione diverse strategie correttive al fine di ridurre i danni causati da lesioni secondarie (neuroprotezione) o per migliorare la capacità rigenerativa dei neuroni centrali feriti, cercando di ripristinare parzialmente le funzioni abolite dopo l'infortunio.

Nel corso degli ultimi due decenni, ci sono stati vari test preclinici su trapianto di cellule nel modello di lesioni del midollo spinale. Essi sono stati testati diversi tipi di cellule in base al loro potenziale di formazione della mielina, come promuovere la crescita assonale, o il modo di creare ponti che superano il focus di lesioni. Inoltre, si è visto che molte delle cellule sono in grado di secernere fattori trofici applicati con effetti neuroprotettivi, in grado di promuovere fenomeni di neuroplasticità in lamédula feriti. È chiaro che i potenziali effetti benefici di terapie cellulari sono multifattoriali e non possono essere attribuiti unicamente ad un unico meccanismo.

E 'stato rivisto in letteratura vari saggi pubblicati con trapianti di cellule, sia a livello di base, con animali da esperimento e nell'uomo, che hanno grande variabilità e le limitazioni, in quanto, oggi, non esiste ancora un consenso tra i diversi gruppi di ricerca sulla metodologia da utilizzare, il tipo di cellule, il profilo dei soggetti ad essere trapiantato, i benefici ei rischi della tecnica, etc.

La maggior parte dei trapianti utilizzati si basano sull'applicazione diretto al sito di lesione o accanto ad esso una piccola quantità di cellule sospese attraverso iniezioni multiple. Altre forme di somministrazione che sono stati testati sono l'introduzione di queste stesse cellule via intratecale o sistemica, con risultati, tuttavia, discutibile. Con poche eccezioni, nel modello di SCI in piccoli animali come i topi sperimentazione è stato trapiantato nelle fasi acute, durante la prima o la seconda settimana dopo l'infortunio, e poche ricerche in modelli croniche, dovute la difficoltà di mantenere in vita gli animali dopo una grave lesione del midollo spinale causa loro. A differenza di quanto accade negli esseri umani, in cui gli studi di fase I e II, sono prove in pazienti cronici con più di un anno di evoluzione e, di conseguenza, i potenziali benefici di queste tecniche sono più difficili da osservare.

Con trapianti di cellule, vediamo che i tipi più comuni sono: cellule di Schwann, cellule bulbo olfattivo, cellule progenitrici (adulte o embrionali) e le cellule mesenchimali. I vantaggi e gli svantaggi di ciascun impianto sono noti ed è probabile che alla fine, una miscela di differenti linee cellulari necessari per ottenere risultati buoni o accettabili. Per quanto riguarda le cellule di Schwann sono probabilmente i più studiati.

È le cellule del sistema nervoso periferico, di mielina, e si è trovato che non solo è in grado di remyelinate assoni dopo trapianto nel midollo spinale ma formano un substrato permette una certa rigenerazione assonale. gli effetti benefici dopo il trapianto in animali da esperimento sono ben noti; le prime indagini sono datate nel 1981 con l'opera di Duncan. Da allora fino ad oggi, la maggior parte della ricerca è stata condotta in topi adulti e si ritiene in considerazione per l'uso in combinazione con farmaci neuroprotettivi o fattori di crescita.

traduzione clinica umana di queste opere è ancora difficile e molte prove più preclinici dimostrano i potenziali benefici della tecnica, prima sono necessari test negli esseri umani. Ensheathing cellule del bulbo olfattivo hanno rappresentato una strada promettente di ricerca, anche se è noto che, a seconda della loro provenienza, nervo o mucosa, i risultati sono stati molto diversi, e in funzione delle condizioni di coltura. I risultati pubblicati a livello di sperimentazione di base, sono stati molto interessanti; tuttavia, replicato negli esseri umani è stato ampiamente messo in discussione.

In relazione a questa linea di ricerca, evidenziare il lavoro pubblicato dal gruppo di Lima in Portogallo, con miglioramenti neurologici presentati in 11 dei 20 feriti cronicamente (più di 18 mesi di durata). La critica ha ricevuto questo lavoro da gruppi di esperti indipendenti, insieme ai diversi risultati pubblicati in letteratura a un livello di base, rendono queste cellule, anche se essi rappresentano un buon modo di ricerca, si guarda con una certa cautela la sua trasferire agli esseri umani, date le differenze nei risultati e la difficoltà in ripetuta miglioramenti neurologici fatte da alcuni autori. Come possiamo vedere, basta avete pubblicato un lavoro con ensheathing cellule del bulbo olfattivo in pazienti con lesioni del midollo spinale cronica e più sono necessari per essere realmente in grado di dimostrare se sono sicuri ed efficaci.

Un altro approccio interessante è l'uso di cellule progenitrici, quehandemostrado una significativa capacità di integrarsi nel midollo spinale e ottenere nella maggior parte degli studi su roditori e animali più grandi, miglioramenti funzionali che rendono questi un buon modello di trapianto. La paura in queste linee cellulari è il rischio di generare formazione teratoma, tumori. A questo proposito, commentando che, per la prima volta, la FDA (Food and Drug Administration) ha approvato nel maggio 2008, il laboratorioamericanoGERON, un saggio in 8 pazienti con lesioni del midollo spinale acuta, fase I, le cellule embrionali derivate da precursori oligodendrociti. Il primo trapianto di cellule in un paziente con lesioni del midollo spinale acuta con questo tipo di cellule embrionali è stato effettuato a ottobre 2010. Purtroppo, l'inchiesta è stata sospesa lo scorso novembre a causa della mancanza di fondi, anche se si prevede che nel prossimo futuro, un altro gruppo di ricerca che lavora per recuperare questo percorso. Dei quattro pazienti che hanno ricevuto queste cellule, nessuno ha avuto gravi effetti avversi, ma nessuno di loro sia vissuto cambiamenti neurologici.

Infine, commentando il trapianto o l'utilizzo di cellule mesenchimali in pazienti con lesioni neurologiche gravi. cellule stromali, isolate dal midollo osseo dopo la separazione frazione ematopoietiche, hanno grandi proprietà sopravvivere, integrare e differenziarsi in cellule neurali in modelli di lesioni del midollo spinale. Tali trapianti, per i loro pochi effetti collaterali sono stati testati in diversi tipi di lesioni, trauma cranico, ictus e trauma del midollo spinale. Nella letteratura, molti posti di lavoro sono nella ricerca di base, sia nei roditori, maiali e primati, dove i risultati favorevoli sono presentati in molti di essi.

In relazione alle sue prospettive traduzionali, trapianto di cellule mesenchimali, alta sicurezza sono stati testati negli esseri umani, anche se i lavori sono in coorti alcuni casi, utilizzando miscele non caratterizzate e, in molti casi, studi non controllati. In breve, l'innesto è un tipo ampiamente studiato cellule, ma l'integrazione delle cellule nel sito di SCI è limitata, differenziazione non solo convinto in cellule neurali e, spesso, le culture abbiamo impianto contenente gran numero di sottopopolazioni di cellule mesenchimali.

La medicina rigenerativa, oggi, è uno dei più affascinanti per le linee ricercatori, in quanto rappresenta un grande potenziale per creare possibili ponti che attraversano il sito di danni neurologici e incoraggiare, a sua volta, la rigenerazione assonale. Il crescente interesse per l'efficacia dei trapianti di cellule staminali in tutte le parti del mondo è una realtà. I medici ed i pazienti a favore di un più rapido sviluppo della medicina transnazionale. Annunci e l'autorizzazione da parte della FDA per l'uso di cellule staminali embrionali in fase acuta di lesioni del midollo spinale hanno creato una grande attesa, ma, come sempre in questi casi, dobbiamo essere estremamente cauti e valutare i vantaggi e gli svantaggi che presenta l'utilizzo di queste tecniche.

Non sopravvivono?, Questi trapianti sono integrati nel sito di lesione o di migrare verso altre parti?, Come influenzano l'ambiente cellulare circostante la lesione? In assenza di qualsiasi provata nel campo della medicina rigenerativa che si è dimostrato utile per modificare la prognosi funzionale di un paziente con una lesione del sistema nervoso centrale, e tenendo conto dei numerosi tentativi che vengono effettuati in strategia diversa parti del mondo negli ultimi decenni, per trovare una soluzione efficace, soddisfare la domanda, aumentando, il gruppo colpito che spesso viene chiamato soluzioni "miracolo" di distanza dal rigore scientifico, spesso incoraggiata da informazioni impreciso e interessati, il ruolo che offriamo esperti clinici in neuroriabilitazione è quello di fornire una risposta basata sul rigore scientifico e l'impegno attivo per migliorare la traduzione di nuovi progressi nel campo dell'ingegneria cellulare applicata al trattamento delle lesioni del midollo spinale e lesione cerebrale acquisita al più presto possibile.

Infine, discutere il ruolo della ricerca neuroriabilitazione (specialità clinica dedicata a ripristinare, ridurre al minimo e / o compensare le alterazioni funzionali che è apparso dopo l'infortunio o la malattia del sistema nervoso). Questa disciplina si è intensificata la ricerca in due aree della scienza di base accettato dalla comunità scientifica come elementi essenziali nella comprensione di recupero funzionale: neuroplasticità (la capacità dei neuroni di adattare le proprie attività e anche i loro alterazioni morfologia ambiente e canali che utilizzate dopo una lesione del sistema nervoso centrale); recupero spontaneo neuronale funzionale e riparazione (interventi eseguiti su circuiti neuronali al fine di ripristinare, non spontaneo recupero funzionale).

Neuroriabilitazione ha un ruolo fondamentale nello studio delle possibili meccanismi coinvolti nella neuroplasticità attraverso la tecnologia neuroimaging non invasiva, studi neurofisiologici ymagnéticos potenziali elettrici, stimolazione cerebrale, etc.. Nel campo della riparazione neurale, neuroriabilitazione include tutte le terapie relative rigenerazione assonale, di trapianto cellulare e del tessuto per sostituire i neuroni persi e utilizzando neuroprótesis sostituire la funzione persa dopo una lesione o malattia del CNS.

Se analizziamo le pubblicazioni su riviste indicizzate in medicina, i termini "riabilitazione" e "medicina basata sull'evidenza" non compaiono negli articoli fino al 1994. Da allora fino al 2003, la sua coincidenza è aumentato di 25,5 volte. Il termine "neuroriabilitazione" è apparso solo in una media di 10 articoli l'anno fino al 1994; da questa data e fino al 2003, il numero annuo di articoli indicizzati nel Medlineaumentó 9,4 volte. Durante lo stesso periodo, il numero di articoli su "neuroplasticità" o "rigenerazione" e "riabilitazione fisica" aumentato 7,6 volte. Nel frattempo, in questi ultimi anni, l'industria tecnologica hamostrado grande interesse ad occupare il "mercato emergente" della neuroriabilitazione, con un aumento esponenziale dei brevetti, senza raggiungere per il momento, l'effetto osservato in altri campi della medicina, quali cardiologia, nefrologia, oncologia, ortopedia e imaging medicale.

I progressi tecnologici, integrati da medicina rigenerativa, avranno un ruolo chiave nella necessaria evoluzione di riabilitazione in un modello riabilitativo centrato sul paziente, personalizzato (per adattare le procedure alle caratteristiche e alle esigenze di ogni paziente), Ubiquitous ( l'integrazione di servizi di riabilitazione nella vita quotidiana del paziente), obiettivo (con tecnologie e servizi che aiutano il processo decisionale), sulla base di prove scientifiche (che combinano l'esperienza clinica con i risultati di una ricerca sistematica di base e clinica ), aperti ad imparare (che facilita la generazione di conoscenza), efficiente (che consente di mantenere il trattamento con sufficiente intensità durante il periodo di tempo necessario), più potente (che consente di aumentare il numero di pazienti che possono beneficiare di sistema) e sostenibile (che ci sia un equilibrio tra costi e le risorse di area di servizio s). SR

Medicina Fisica e Riabilitazione a Barcelona
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr. Joan Vidal Samsó
Medicina Fisica e Riabilitazione

Dr. Vidal Samsó è leader nella specialità di Medicina Fisica e Riabilitazione. Capo della ferita del midollo spinale Unità dell'Institut Guttmann di Barcellona, ​​e s esperto nel trattamento del dolore neuropatico e spasticità, comprese le pompe Baclofen. E 'specializzata anche nel sesso, la disfunzione erettile e tecniche di riproduzione assistita, l'adattamento fisiologico e cambiamenti metabolici nel midollo spinale danneggiato. E 'vice presidente della Società Spagnola di Paraplegia dal 2004 e rappresentante spagnolo nella Società Internazionale di Paraplegia dal 2006.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.