Voy a ser operado, ¿anestesia local o general?

Autore: Dr. Javier Arias Gallo
Pubblicato:
Editor: Anna Raventós Rodríguez

" Per essere o non a essere, questo è il problema. Che cosa è l'azione più degno della mente, la sofferenza penetranti scatti di una sorte crudele, oppure opporsi armi a questo torrente di calamità, e renderli così con la resistenza in grassetto? "E 'l'inizio di archimegaconocido monologo dal terzo atto dell'Amleto di Shakespeare. Sono venuto in mente pensando a un intervento chirurgico e, più specificamente, in anestesia, che è necessaria per un intervento chirurgico.

 

Quando una malattia richiede un intervento chirurgico il medico e il paziente devono affrontare un dilemma. Ovviamente ogni malattia ha le sue sfumature e ogni trattamento ha i suoi punti di forza e di debolezza. Quando si sceglie, si devono soppesare i pro ei contro. Ogni persona, medico e paziente, dà un peso diverso a ciascuno degli aspetti. Una delle prime cose da decidere è se l'intervento deve essere effettuato sotto anestesia locale o generale, una via di mezzo.

 

L'anestesia generale vs anestesia locale

L'anestesia generale generato molte polemiche e sentimenti contrastanti nei pazienti. Sono pazienti che temono la perdita di coscienza, perdita di controllo, la paura non svegliarsi, hanno complicazioni anestetiche. Altri pazienti hanno paura del dolore o del viso sveglio qualsiasi procedura invasiva. Nella chirurgia maxillo-facciale sono più sottili sfumature: il paziente si sente spesso che "stiamo operando a lui direttamente."

 

anestesia
L'anestesia generale generato molte polemiche e sentimenti contrastanti nei pazienti.

 

Nei procedimenti in anestesia locale il paziente in ogni momento sente "che operano contro di lui". Quando le operazioni sono effettuate senza anestesia generale nel resto del corpo, specialmente gli arti, il paziente può scollegare rapidamente dall'intervento. Il cervello umano, che interpreta le sensazioni degli organi di senso e costruisce "realtà" una volta i record che non ricevono informazioni sensoriali dalle aree anestetizzati e, molto spesso, interpreta l'arto operato appartiene anche. Questo facilita notevolmente la disconnessione sensoriale disconnessione emotiva e rende molto meno stressante esperienza chirurgica. Anche se il paziente sta visualizzando il campo chirurgico, è possibile vivere l'esperienza come qualcosa di staccato dal corpo.

 

In chirurgia facciale questo fenomeno di distacco sensoriale ed emozionale con l'anestesia locale è meno comune: il paziente "vede" in ogni momento che le attività chirurgiche sono dirette verso se stesso, verso il "centro di comando" sensoriale. Vision, olfatto, gusto, senso di equilibrio, tutto ciò che continua a ricordare cervello del paziente, che è il proprio corpo l'oggetto di un intervento chirurgico. Anche propriocezione collega il paziente con la chirurgia.

 

Che cosa è la propriocezione?

La propriocezione è il senso che informa il cervello della posizione e dei movimenti del corpo. Quando la chirurgia viene eseguita sul volto, ogni piccolo movimento del collo del paziente mantiene il contatto con la realtà, con il coltello, con il tavolo operatorio in sé. Quando la chirurgia è all'interno della cavità orale il cervello continua a registrare la posizione della mandibola e più potente sensazione di "realtà".

 

Pertanto la chirurgia faccia in generale e chirurgia del cavo orale , in particolare, sono una fonte comune di ansia in molti pazienti.

 

Quello che i medici possono fare per attenuare l'ansia causata da anestesia

  • La risposta ovvia è di utilizzare sedazione o anestesia generale. Attualmente, le tecniche di anestesia sono molto sicuri e forniscono un'esperienza chirurgica per il paziente è pari a zero, basso o irrilevante. L'utilizzo di procedure di anestesia che non includono l'intubazione endotracheale (vale a dire, la sedazione) dovrebbe, tuttavia, essere utilizzata con particolare cura quando il campo chirurgico è la parte posteriore del cavo orale e faringe. Così un metodo di sedazione che non è andato davvero controllato da un anestesista esperto può comportare ulteriori rischi che se, ad esempio, il paziente soffre da un sanguinamento letto fegato e non possono contribuire a consentire al chirurgo di accesso per trattenere il comfort sanguinamento. Pertanto, è molto importante che sia il chirurgo e anestesista hanno una vasta esperienza e il centro d'intervento in cui il conteggio effettuato con tutte le garanzie (preferibilmente un ospedale, dal mio punto di vista). Anche perché molto spesso è preferibile, più sicuro e più confortevole per il paziente, l'uso di anestesia generale, che ovviamente deve essere eseguita solo in un ospedale.
  • Il lieve sedazione con farmaci per via orale. L'uso di benzodiazepine e di altri sedativi può essere una scelta eccellente per i pazienti che hanno l'ansia di procedure minori. Spesso i nostri pazienti dovrebbero sedersi nella poltrona del dentista più volte nell'arco di diverse settimane o mesi. Abbiamo trovato che l'uso di routine di questo farmaco in ciascuna delle visite si riduce ansia anticipatoria del paziente, in modo che alla fine il paziente "impara" a sedersi nella poltrona del dentista è un'esperienza che non può essere lo stress o ansia, e utilizzare questo farmaco, infine, non è necessario. Al contrario, i pazienti che dicono "hold" senza farmaci sedativi e richiedono diverse visite "imparano" a sedersi su una poltrona è un'esperienza stressante, e sempre diventare più nervoso per le procedure di meno e meno invasive.
  • scollegare uditive e visive. L'utilizzo delle cuffie con la musica o rilassanti suoni per la scelta del paziente è una scelta eccellente ogni volta che i cavi o le cuffie stessi non ostacolano l'intervento. Piccole cuffie senza fili che sono tanto di moda oggi, almeno per questo, una soluzione molto appropriato (se il paziente non è perso sulla strada per l'ufficio, ovviamente). Chiedere al paziente di tenere gli occhi chiusi è un modo semplice per aiutare la disconnessione sensoriale. Ci sono pazienti che, in linea di principio, preferiscono tenere gli occhi aperti, di essere attenti ... "just in case". Se privilegiamo un ambiente di fiducia, essi possono chiudere gli occhi e migliorare la loro esperienza chirurgica. Tuttavia, chiudendo gli occhi del paziente con una garza o bende è più claustrofobica e deve essere evitato, a meno che il motivo è quello di proteggere gli occhi di uno durante l'intervento chirurgico.
  • somatosensoriale off. E 'la più difficile. Significa ridurre i movimenti del paziente al minimo, in modo che "input" sensoriali che informano il cervello della posizione delle parti del corpo sono ridotte. Tutti abbiamo sperimentato, nel silenzio della notte, a letto, dopo un tempo di immobilità è difficile conoscere la posizione dei membri, e è l'atto di gambe in movimento e armi che abbiamo ristabilire il contatto con il nostro corpo. Se abbiamo in programma l'intervento in modo che il paziente si muovono il meno possibile il collo e la mascella (con abrebocas che mantengono la posizione mandibolare senza testa inutile girare), in qualche modo ridurre la consapevolezza della propria testa del paziente. Questo può sembrare minore, ma è sostenuta da quasi 20 anni di ricerca sul trattamento del cervello delle informazioni sul corpo.

 

Infine, la decisione anestesia tasso di procedure "minori" possono essere condivise con il paziente, corredata delle informazioni necessarie. Se il paziente sente di avere un certo controllo su tale decisione, si può anche ridurre l'intervento chirurgico ansia associata. Perché ben gestito e la mano del medico che il paziente può fidare di informazioni, sempre si dispone di grande valore: può trasformarsi in conoscenza.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr. Javier Arias Gallo
Chirurgia Orale e Maxillofacciale

Dr. Arias Gallo è uno dei principali specialisti in chirurgia maxillo-facciale, con venti anni di esperienza, esperto in chirurgia estetica e funzionale del naso, chirurgia ricostruttiva e microchirurgia, la chirurgia pre-protesica e impianti dentali, tra gli altri. Attualmente è leader del team clinico Chirurgia Maxillo-Facciale dell'Ospedale Ruber Juan Bravo. Inoltre, egli ha unito il suo lavoro professionale con l'insegnamento corsi specifici condotti formazione chirurgica in microchirurgia e chirurgia implantare avanzata per i residenti e gli specialisti.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.