Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dra. Teresa Lluch Sebastián
Neurofisiologia clinica

Dr., Lluch è un esperto in neurofisiologia, e dirige il Laboratorio di Neuro fisiologia e Dream Murcia (LANFYSUM), un centro specializzato progettato per la diagnosi di varie malattie neuromuscolari o dormire, effettuando diverse prove con la più alta tecnologia . Dr. si è formata in diversi ospedali, per un soggiorno in Germania e partecipando anche a numerosi corsi e di ricerca, alcuni dei quali è l'autore. La sua brillante carriera lo rende un medico di prim'ordine.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

utility Neurofisiologia nella diagnosi delle malattie degli occhi

Neurofisiologici vari test per rilevare e differenziare le malattie degli occhi: retinopatia, maculopatia, neuropatie ottiche.

Neurofisiologia basato diagnostico ottenere segnali fisiologici, su richiesta, in generale, stimoli specifici, sia elettrici, audio o video, come nel settore in questione. La loro analisi fornisce informazioni importanti non essere fattibile ottenuto dalla visualizzazione macroscopica. In generale, si ottiene un segnale la cui forma d'onda di ampiezza o la latenza in grado di fornirci informazioni circa la velocità di conduzione dello stimolo fino a ricevere un organo o assonale rispettivamente densità.Come dicono gli esperti in Neurofisiologia Clinica , è importante sapere che questo tipo di segnali che forniscono i dati di grande rilevanza, a volte impossibile da soddisfare in caso contrario, e in grado di anticipare la diagnosi oculistica prima che sia visibile nel fondo .

considerazioni anatomiche oftalmici

Prima di tutto, e per una migliore comprensione, ci esaminare brevemente le caratteristiche della retina, e le cellule coinvolte, sia nella percezione dello stimolo e trasmissione.La luce entra nell'occhio attraverso la cornea, attraversa la camera anteriore, cristallino e vitreo e raggiunge la retina. Una volta qui, attraverso tutti i livelli di interagire finalmente con le cellule fotosensibili: coni ei bastoncelli.

 

 Nel centro della retina è una zona circolare, la papilla, che corrisponde al nervo ottico. La macula è una zona mal definita nel polo posteriore della dimensione superiore della papilla e si trova accanto a questo. La parte centrale della macula è la fovea e il centro, foveola.

 La retina, a sua volta, è costituito da diversi strati cui strato più interno sarebbe dell'epitelio pigmentato che collega direttamente alle aste e coni.

Le cellule epiteliali del pigmento sostengono cellule modificate dalla presenza di un pigmento che assorbe la luce senza partecipare alla visione, limitando la propagazione dei fotoni. I fotorecettori (coni e bastoncelli) hanno anche un altro pigmento, opsin, che non partecipano al meccanismo chimico della visione.

Nello strato plessiforme esterna, assoni (estensione dei neuroni specializzati nel condurre gli impulsi nervosi) del coni e bastoncelli sinapsi o connessione con i dendriti (rami del neurone) -Il primo cellulare neurone e con un bipolare cellule orizzontali. La cella bipolare collegato nello strato plessiforme esterna con il 2 ° neurone - cellule gangliari - e anche con le cellule amacrine. Gli assoni delle cellule gangliari formano lo strato di fibre nervose, attraverso il nervo ottico, raggiungere il corpo genicolato esterno dove sinapsi con neuroni assoni 3 ° attraverso radiazioni ottiche, raggiungendo la corteccia corticale.

Inoltre, si osserva che la distribuzione di coni e bastoncelli non è uniforme in tutta la retina. Quindi, noi differenziamo la retina maculare, coni densamente e retina periferica dove predominano aste. Questo è importante distinguere l'utilità delle diverse tecniche nello studio di malattie che maggiormente influenzano la retina periferica contro cui più incide sulla macula o malattie maculari.

tecniche di neurofisiologia per rilevare le malattie degli occhi

Elettroretinografia (ERG) a pieno campo o ganzfeld (GERG). Valuta le risposte generali delle aste retina e coni di differenziazione. È utile per la diagnosi della retinopatia.Elettroretinografia (ERG), con schema a scacchiera (PERG). Esso utilizza un modello di stimolo strutturato con quadrati bianchi e neri che invertire con una certa frequenza e selettivamente stimolano le cellule gangliari sono concentrate soprattutto nella zona maculare. Abbiamo usato per studiare la maculopatia.modello PEV. Come sopra, selettivamente stimolando le cellule gangliari, anche se la registrazione viene effettuata a livello della corteccia. È stato tradizionalmente usato per studiare le neuropatie ottiche, in particolare malattie demielinizzanti, anche se la sua diagnosi è limitato se c'è una maculopatia. E 'quindi consigliabile condurre modello simultaneo ERG e valorizzando il tempo di guida centrale tra la cornea e la corteccia visiva per differenziare una maculopatia neuropatia ottica.PEV Flash. A differenza del precedente, non necessita di collaborazione, che viene di solito eseguita in pazienti bambini e non conformi o simulatori. Tuttavia, il suo valore diagnostico è molto limitata e consente solo di affermare la continuità dello stimolo luce alla corteccia visiva.Elettroretinografia (ERG) multifocale. 30º valori fondamentali della retina topograficamente centrale in cui la macula è. Il suo utilizzo principale è nella diagnosi delle malattie maculari.Electro-oculogramma (EOG). Valuta l'integrità dell'epitelio pigmentato.

 

Neurofisiologia clinica a Murcia
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione