Chirurgia della tiroide

Autore: Dr.Prof. Antonio Martín Duce
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

La ghiandola tiroidea è un piccolo organo situato nel collo anteriore funzione ormonale. Le malattie più comuni sono infiammatorie stesso (tiroidite), quelli derivati dall'aumento di funzione ormonale (ipertiroidismo) o diminuire (ipotiroidismo) e tumori sia benigne che maligne (noduli tiroidei).

Nel complesso, entrambi Tiroidite e funzionali alterazioni e noduli benigni hanno piccola trattamento medico da un endocrinologo, indicando la chirurgia in alcuni casi specifici. In circostanze di crescita noduli, causando sintomi di compressione locale o aumentare ragionevole dubbio di malignità, la chirurgia è indicata. In tutti i casi di certezza di malignità è anche indicato come chirurgia opzione primo trattamento.

 

Il trattamento chirurgico sarà dipenderà dalla patologia di intervenire e può consistere nella rimozione di una parte o della tiroide lobo, destra o sinistra (emitiroidectomia) o ghiandola integralmente (tiroidectomia totale). A volte, per ridurre l'incidenza di complicanze è possibile lasciare alcuni alcuni piccoli resti della ghiandola (subtotale o tiroidectomia totale).

Nei risultati generale, e chirurgici, a medio-lungo termine, di tutti tiroide malattie sono molto soddisfacenti. Per quanto riguarda le complicanze nel periodo post-operatorio, l'avanzamento permanente della medicina e la frequenza di queste malattie ha portato ad una riduzione progressiva della mortalità chirurgica per abbassare figure di 1%. Per quanto riguarda la morbilità rimane principali quelli che sono la mancanza di funzione dei nervi ricorrenti coinvolti un cambiamento, temporanea o permanente, il timbro della voce e livelli di calcio in declino, di solito temporanea, per la mancanza di attività paratiroidi. L'insorgenza di tali complicazioni possono derivare da diversi fattori quali la dimensione della tiroide, storia pregressa chirurgia cervicale o la presenza di una lesione maligna. Un quarto fattore è l'esperienza del chirurgo, se presente, può essere ridotto al 50% del numero di casi, oltre a ridurre il tempo chirurgico. La complicanza più grave nel periodo postoperatorio è il sanguinamento nella regione cervicale colpita che può forzare un immediato intervento chirurgico per prevenire i sintomi di compressione tracheale. Anche se molto rara, la potenziale gravità richiede una stretta osservazione durante le prime 8-12 ore dopo l'intervento, essendo sospeso da 24 ore dopo l'intervento.

In conclusione, come per qualsiasi intervento chirurgico, un'analisi preoperatoria completa per valutare il paziente 's fattori di rischio, sia specifico e la loro patologia di intervenire, è la migliore prevenzione delle complicanze future. Chirurgicamente, l'esperienza del team medico determinerà la riduzione, non completa l'annullamento della stessa. Postoperatorio, stretto controllo clinico e analitico diagnosi precoce aiuterà la maggior parte di esse, che ridurrà al minimo ulteriori conseguenze che ne derivano.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr.Prof. Antonio Martín Duce
Chirurgia generale

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle la pubblicità relativa alle sue preferenze, nonché analizzare le sue abitudini di navigazione. L'utente ha la possibilità di configurare le proprie preferenze QUI.