Prostata crioterapia, l'obiettivo di urologia s. XXI

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 15/10/2017 13:01
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Crioterapia permette uno degli obiettivi di Urologia nel XXI secolo: curare il cancro alla prostata prevenire l'incontinenza urinaria e impotenza sessuale.

Il cancro alla prostata è la più comune negli uomini e la seconda più mortale, dietro il cancro ai polmoni. Come accade in altri tipi di tumore, la diagnosi migliore e più accurata e l'evoluzione di trattamento è sempre la cura di questa malattia con un minor numero di effetti collaterali -Ogni tempo-. È pertanto necessario che il tumore è diagnosticato precocemente.

Grazie ad una migliore assistenza sanitaria e una consultazione urologica sempre più precoce, la maggior parte dei tumori della prostata diagnosticati negli ultimi anni sono tumori in fase molto precoce, che colpisce meno del 5% del volume della prostata .

In aggiunta, è sempre più frequente uso di multiparametrica risonanza magnetica (MRI), che identifica dove si trova il cancro alla prostata che può essere considerata aggressiva, e la biopsia diretto direttamente al sito del tumore.

La tendenza nella rimozione del tumore è ancora l'utilizzo progressivo di "trattamento crioterapia Focal". Questa tecnica comporta la distruzione del tumore congelando la zona interessata, lasciando intatto il resto della prostata. Si può fare senza reddito in Chirurgia Ambulatoriale o di scarico nelle prime 24 ore.

Grazie a queste tre premesse: biopsia della prostata negli stadi iniziali, una migliore posizione all'interno della prostata per MRI, e l'uso di nuovi trattamenti con meno effetti collaterali; la mortalità da cancro alla prostata è in diminuzione.

Urologia presso Madrid
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr. Carlos Hernández Fernández
Urologia

Urologo Prominent con oltre 30 anni di esperienza, un esperto nel trattamento del cancro urologico con tecniche mini-invasive. Dal 1993 è membro del Comitato di esperti sui tumori urologici della Comunità autonoma di Madrid, e dal 2009 è vice presidente dell'Associazione Spagnola di Urologia. Egli è anche l'ex presidente della Società di Urologia Madrid. Egli è l'attuale capo di Urologia presso l'Ospedale Gregorio Maranon di Madrid.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.