TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dra. Àngels Bayés Rusiñol
Neurologia

specialista Neurologia con oltre 25 anni di esperienza. Egli ha concentrato la sua carriera e la ricerca per il trattamento e lo studio del morbo di Parkinson 's malattia, il morbo di Alzheimer e la demenza con corpi di Lewy. Lei è direttore dell'Unità di Parkinson e Disturbi del Movimento Teknon Medical Center.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

terapie complementari per il trattamento del Parkinson

Le terapie complementari sono spesso prescritti per il trattamento del morbo di Parkinson s ' e di altre malattie neurodegenerative, anche se non hanno una guida chiara e condivisa sulla metodologia.

Vi è , tuttavia, una crescente evidenza che il trattamento deve essere globale e multidisciplinare. Si dovrebbe anche cercare olistico tutti gli aspetti che riguardano lo stato di salute del paziente. Dopo aver ottenuto una corretta diagnosi della malattia e il trattamento farmacologico incanalati dovrebbero essere valutati:

  • funzionalismo del motore
  • carenze comunicative
  • la capacità di svolgere le attività della vita quotidiana
  • stato cognitivo e psicologico
  • qualità della vita
  • lo stato nutrizionale

Terapie complementari per applicare correttamente, dovrebbe tener conto delle circostanze particolari di ogni paziente e regola le eventuali controindicazioni.

immagine parkinson

Nel caso di Parkinson 's malattia, specialisti in neurologia consigliano:

  • Eseguire la fase di trattamento su cui è il momento migliore per controllare i sintomi motori, perché il farmaco sta funzionando.
  • Evitare l'affaticamento ed introdurre le pause quando necessario.
  • Utilizzando esercizi e strategie flessibili, su misura per le esigenze di ogni paziente.
  • I cambiamenti nello stile di vita a volte può aiutare a prevenire o ridurre la gravità delle alterazioni. Si può anche essere utile utile per mantenere una vita sociale attiva, migliorare la qualità del sonno e ridurre lo stress.

Tutte le terapie complementari obiettivo principale è quello di migliorare la qualità della vita dei colpiti, contribuendo alla loro indipendenza e reinserimento nella vita sociale e familiare.

Su l' un lato, la terapia fisica si propone di migliorare la capacità fisica in generale, attraverso esercizi di bodybuilding, la postura, andatura, mobilità fine o equilibrio, tra gli altri.

Attraverso la terapia del linguaggio, i pazienti diventano consapevoli delle loro difficoltà di comunicazione e di imparare le tecniche e le strategie per migliorare l'intelligibilità del parlato. Questo impedisce anche specialità e tratta disturbi della deglutizione.

La terapia occupazionale, nel frattempo, promuove la riabilitazione del paziente di accedere alla massima serie nel proprio ambiente. Mira a riqualificare in modo da migliorare le funzioni in perdita, riqualificare attraverso lo sviluppo di capacità residue e consigliare l'affetto e le loro famiglie sulle misure pratiche per promuovere l'integrazione della persona nelle loro soluzioni mezzo a noi.

La diagnosi ha un impatto sui pazienti e le famiglie, e l'adattamento al cambiamento non è facile. Psicologia, consulenza in grado di migliorare il comfort del paziente, ridurre il disagio emotivo del caregiver informali, favorire l'autonomia personale e standardizzare i diversi settori vitali.

L'obiettivo principale di riabilitazione cognitiva è di sviluppare strategie per migliorare il deficit cognitivo in un piano globale di riabilitazione. Questo può iniziare con la formazione delle funzioni cognitive e terminare con la risoluzione dei problemi. stimolazione cognitiva promuove la plasticità del cervello, facilita la crescita e induce neuronale riorganizzazione funzionale.

Infine, anche la pena notare terapie intensive. Vi è , tuttavia, una crescente evidenza che il trattamento deve essere globale e multidisciplinare. molto recenti pubblicazioni dimostrano che se è anche intensiva, i benefici possono durare diversi mesi.

 

A cura di Noelia García Pino

 

Neurologia presso Barcelona
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Noelia Pino García

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione