Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Pedro Ensunza Lamikiz
Oncologia radioterapica

Esperto in Radioterapia Oncologica

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Domande frequenti su Mammografia

Che cos'è la mammografia?

La mammografia è una tecnica di imaging che consiste dello studio radiologico del seno con raggi X a bassa energia, ottenendo una immagine radiografica del seno, che viene utilizzato per la diagnosi di malattie del seno, e in modo particolare, per la diagnosi precoce del tumore al seno, ad esempio, per la diagnosi di cancro al seno nelle sue fasi iniziali.

Qual è il processo di mammografia?

Mammografie vengono eseguite su una base ambulatoriale dal tecnico (radiologia) personale adeguatamente qualificato, e in seguito saranno eseguiti da un radiologo esperto in patologia mammaria.

L'apparecchio utilizzato per effettuare la mammografia mammografia sono chiamati, e sono appositamente progettati per le unità mammografiche esclusivi.

Per eseguire mammografia, il tecnico posizionare il seno su una piattaforma di plastica, successivamente e per comprimere correttamente utilizzando un'altra piastra dello stesso materiale. In questo modo si procederà per ottenere immagini radiografiche del seno, da angolazioni (proiezioni) diverse, di solito un cranio-caudale (orizzontale) e uno-laterale proiezione obliqua di ciascuna mammella.

Sebbene la compressione del seno può talvolta provocare qualche dolore, è necessario fare per ridurre lo spessore della mammella, che viene migliorata la qualità delle immagini ottenute mentre riesce a ridurre la dose di radiazioni depositato in tessuto mammario.

La procedura per ottenere una mammografia del seno tende a durare circa 20 minuti.

Perchè viene eseguito il test?

Mammografia viene utilizzato per la diagnosi di malattie del seno, ma dove svolge un ruolo importante in programmi di screening (diagnosi precoce) di cancro al seno nelle donne asintomatiche.

Ci sono numerosi studi che dimostrano che la diagnosi precoce del cancro al seno riduce i tassi di mortalità nelle donne che si sottopongono a questi programmi di screening. Gli studi dimostrano che le donne oltre 40 anni il tasso di mortalità si riduce del 29-45%.

L'American College of Radiology consiglia di iniziare a 40 anni di mammografie annuali di età.

L'obiettivo dei programmi di screening è quello di diagnosticare piccole lesioni, di solito meno di 1 cm. diametro.

Con i programmi per la diagnosi precoce del tumore al seno sarà rilevato 6-10 tumori al seno per 1.000 donne in prima scansione, e 2-4 tumori per 1.000 donne nelle seguenti scansioni.

Oltre al suo utilizzo per la diagnosi precoce del tumore al seno, la mammografia ha un ruolo molto importante nei pazienti che sono stati diagnosticati e trattati in precedenza il cancro al seno di monitoraggio.

Quali sono i vantaggi per il paziente?

Il vantaggio principale di eseguire la mammografia è la diagnosi precoce del tumore al seno in donne asintomatiche, che si traduce in una notevole riduzione dei tassi di mortalità dal seno (29-45%), il cancro.

Inoltre, la diagnosi precoce del cancro permette la realizzazione di trattamenti locali meno aggressivi, che manterrà il seno, impedendo amputazione, migliorando così la qualità della vita dei pazienti.

Quali sono i rischi di mammografie?

Il rischio principale da mammografia è l'uso di radiazioni (raggi X) e la dose di radiazione risultante assorbimento da tessuto mammario ionizzanti, con il rischio potenziale di indurre cancro al seno. Pertanto, non si deve ignorare questo potenziale rischio, ma è anche vero che il rischio deve essere valutato con il beneficio che si ottiene di eseguire la mammografia.

Il rischio stimato per l'insorgenza del cancro al seno con l'uso di raggi X a fini diagnostici è molto bassa rispetto al tasso di tumori individuati nei programmi di screening, e già menzionato vantaggio ottenuti nella riduzione della mortalità con programmi di screening.

Nessuna prova scientifica ha dimostrato che con le gamme esistenti di dosi somministrate al tessuto mammario nella mammografia facendo la comparsa di cancro al seno indotta.

Oncologia radioterapica a Vizcaya
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione