FAQ incontinenza fecale

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 11/10/2017 05:03
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

L'incontinenza fecale è una malattia poco conosciuta tra la popolazione, anche tra i professionisti della salute. I pazienti hanno molte domande su questa malattia, tuttavia, essi sono incoraggiati a discutere di questo problema con il medico.

incontinenza fecale Le seguenti risposte alcune delle domande più comuni che i pazienti sviluppano esperti di Chirurgia generale per questa condizione.

Che cosa è l'incontinenza fecale?

L'incontinenza fecale, noto anche come l'incontinenza anale è l'incapacità di rimandare la defecazione tempestivo. Ci sono diversi tipi di incontinenza fecale come l'incapacità di tenere il gas, biancheria intima macchiata o incontinenza sensibile, che è quando il paziente è a conoscenza di sue fughe.

Fa incontinenza fecale ha una soluzione?

Sì, incontinenza fecale ha una soluzione. Prima di tutto, si tratta di uno studio completo della storia medica e chirurgica del paziente, conoscere i farmaci assunti e le vostre abitudini alimentari e la defecazione.

Dal primo momento possiamo migliorare la loro situazione e completare lo studio con una serie di semplici test per fornire la soluzione più appropriata.

Per trattare l'incontinenza fecale, hai bisogno di un intervento chirurgico?

Non sempre. Il trattamento medico-alimentare è una delle basi per trattare incontinenza fecale. In alcuni casi saranno trattati con una riabilitazione funzionale dello sfintere (biofeedback) e negli altri, sì, che avrà bisogno di un intervento chirurgico. Dopo lo studio, è necessario effettuare vari test per determinare la causa.

Che tipo di intervento si tratta?

Ci sono casi in cui è necessaria la riparazione dello sfintere anale (dopo un infortunio). Altre volte impiantare una piccola protesi nel canale anale ci aiuterà a ritrovare la continenza. Grazie all'introduzione di nuove terapie, come la neurostimolazione, oggi possiamo trattare grande tipo di incontinenza in cui non avevamo soluzione prima.

Cos'è la neurostimolazione?

La neurostimolazione è quello di stimolare i nervi che controllano la defecazione per ripristinare il coordinamento tra cervello e muscoli dello sfintere. Essa può essere effettuata per incontinenza lieve periferica (procedura ambulatoriale) o, il posizionamento preciso di un elettrodo nel canale sacrale (procedura eseguita in sala operatoria, ma non richiede entry).

La gente noterà che ho un dispositivo impiantato?

Non si nota nulla. Questo trattamento prevede l'impianto di un piccolo pacemaker per controllare la defecazione. L'apparecchio è posizionato per via sottocutanea e, pertanto, appena percettibile.

A seguito di una terapia di neurostimolazione, è possibile condurre una vita normale?

Sì, completamente. Si può andare a lavorare, fare sport, la balneazione, ecc. È come se si trattasse di un pacemaker cardiaco.

Ho bisogno di effettuare controlli dopo il trattamento neurostimolazione?

Dopo un trattamento di neurostimolazione è necessario effettuare controlli regolari. Questi controlli sono più o meno frequenti a seconda delle circostanze del caso.

Chirurgia generale presso Barcelona
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione
Dra. Laura Lázaro García

Dra. Laura Lázaro García
Chirurgia generale

Si è laureata in Medicina e Chirurgia dell'Università di Saragozza. Effettuare la specialità di Medicina di Famiglia presso l'Ospedale Clinico di Saragozza e poi la specialità di Chirurgia Generale presso l'Ospedale Universitario Mutua de Terrassa.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.