E 'possibile oggi per sapere se abbiamo il morbo di Alzheimer?

Autore: Dr. Pablo Casariego de Córdoba
Pubblicato: | Aggiornato: 10/10/2017
Editor: Top Doctors®

La malattia di Alzheimer (AD) è la malattia neurodegenerativa più comune e, nonostante tutto, è ancora difficile da diagnosticare. Anche se vi è una crescente evidenza / tecniche che ci aiutano nella diagnosi, senza essere aggressivo o meno di biopsia cerebrale. Nel nostro centro abbiamo i professionisti necessari per fare una diagnosi precoce e corretta pautar trattamento, il monitoraggio dell'intero processo.

 

La diagnosi del morbo di Alzheimer

Persona con Alzheimer In neurologia, la diagnosi di studio di Alzheimer si basa sulla storia del paziente, eseguire un test neuropsicologico per dimostrare un deficit cognitivo "tipico", siamo in grado di aiutare a differenziare il tipo di demenza; un esame del sangue e un test di imaging, idealmente un cervello risonanza magnetica (MRI) per escludere altre cause di demenza e del cervello atrofia sapere se c'è. Inoltre a volte la SPECT di perfusione cerebrale o PET con FDG cervello usati.

Sulla base di questi risultati, la probabilità diagnosi, diviso in due categorie: AD probabile e possibile AD e talvolta biopsia cerebrale sarebbe reso. Nonostante la realizzazione di tali tecniche di diagnosi non è del tutto affidabili, ma fortunatamente questa situazione sta cambiando.

Un altro metodo che ci aiuta è la puntura lombare (LP), che misura la quantità di alcune proteine ​​(beta-amiloide e tau) nel liquido cerebrospinale (CSF). Essendo un test fastidioso, anche se con poco rischio, è raramente eseguita, perché ha a che fare con il paziente è entrato in posizione ideale.

 

Gli sviluppi nella diagnosi del morbo di Alzheimer

Gli sviluppi nella diagnosi che appena arrivato in Spagna sono gli unici nuovi traccianti PET per EA. Questa procedura non è fissata cerebrale beta-amiloide, una proteina anomala nel cervello di pazienti con AD, ma non solo.

Se il risultato è negativo, è molto difficile per il paziente di avere un EA. Se è positivo, e il resto delle prove supportano anche la diagnosi, più è probabile che il paziente ha un EA, migliorare la specificità e la sensibilità della diagnosi ma non quantificata.

Nonostante i progressi, oggi non si può sapere con certezza assoluta se non siamo EA. La diagnosi precoce è importante, perché anche se oggi è una malattia che non ha cura, che ha un trattamento per ridurre la sua evoluzione.

E altrettanto importante come i precedenti, è riabilitazione cognitiva. Vale a dire, esercitazioni pratiche e specifica attività intellettuale e un sano stile di vita con il controllo dei fattori di rischio vascolare, come la pressione sanguigna, lo zucchero, il colesterolo, il tabacco da fiuto e l'esercizio quotidiano.

Neurologia a Madrid
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr. Pablo Casariego de Córdoba
Neurologia

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.