Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Carlos Luis Nebreda Clavo
Unità del dolore

Questo medico è parte del prestigioso Istituto Aliaga - Teknon Pain Clinic. Dopo 20 anni di esperienza è un anestesista esperto nel dolore. Ha una formazione supplementare negli Stati Uniti ed è autore di numerosi libri e articoli sull'argomento.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Vivere senza dolore è possibile

Il dolore cronico è passata da essere un sintomo di una malattia di grande complessità, che non riguarda solo il benessere fisico del paziente, ma che a sua volta interagisce in modo complesso con fattori psicologici e sociali. Il paziente non solo si sente il dolore; colpiti, subisce, vede la sua qualità di vita è alterata drammaticamente e come le loro attività quotidiane, anche il più semplice, sono interrotte. A livello sociale, l'ambiente soffre anche. Nel dolore da cancro che è aggravato dalla preoccupazione che il paziente ha la malattia.

Negli ultimi decenni, abbiamo fatto notevoli progressi nella comprensione dei meccanismi di base del dolore, e abbiamo ampliato enormemente, sia con nuove terapie farmacologiche analgesiche e tecniche interventistiche. Essi hanno sviluppato nuove tecnologie quali radiofrequenza, o sistemi di stimolazione del midollo spinale impiantabili (meccanici o elettronici), che aiuta a radiazione sono effettuate in modo accurato e sicuro, aumentando il numero di tecniche disponibili per controllare il dolore.

Farmacoterapia

Dal momento che le nostre prime pubblicazioni, con solo morfici derivati ​​in essere 30 anni fa, come la soluzione di Brompton o morfina a rilascio controllato per via orale, si è passati ad avere una vasta gamma di oppioidi su tutte le tracce, tra cui transdermico, buccale e nasale. Abbiamo anche oppioidi azione quasi immediate per dolore episodico e dei sistemi impiantabili per la somministrazione continua di oppioidi, da soli o con altri farmaci come gli anestetici locali o clonidina percorso spinale.

Tecniche interventistiche

C'è quello che viene chiamato tecniche interventistiche, cioè forature guidato immagine, per l'infiltrazione di un farmaco specifico per bloccare nervo causando l'interruzione del dolore. Essi sono molto utili quando il trattamento farmacologico fallisce, esempi sono il blocco del plesso celiaco nei tumori pancreatici; vertebroplastica in fratture vertebrali metastatiche; blocchi nervosi continui a plesso compressione o sistemi impiantabili spinali che permettono di gestire dosi molto inferiori di oppioidi direttamente nello spazio vertebrale, per cui si ottiene una maggiore analgesia con minori effetti collaterali.

Unità del dolore a Barcelona
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione