Domande frequenti su tossicodipendenza

Autore: Dr. Augusto Zafra Villena
Pubblicato:
Editor: Top Doctors®

Spesso, i membri della famiglia si chiedono come affrontare un caso di tossicodipendenza di un parente stretto. Dr. Zafra, una specialista in psichiatria e dipendenze, fornisce le risposte.

 

COME AGIRE UNA FAMIGLIA DI DROGA CASE PRIMA?

 

Per conoscere e capire che cosa una dipendenza e come trattare con questo, è essenziale includere la famiglia nel processo di recupero del paziente, che frequentano le sessioni tenute con altre famiglie in una situazione simile e includerli nel sedute di psicoterapia, insieme con il problema di dipendenza del paziente.

L'obiettivo è che le famiglie possono capire cosa succede, eliminare le emozioni tossiche generate dal rapporto con la persona dipendente e insegnare come fare un efficace sostegno emotivo e fornire il supporto necessario per ottenere la migliore prognosi e basso rischio di recidiva possibile il consumo sostanze o l'abuso di alcool.

linee guida sono destinate a continuare nella terapia. Si consiglia di evitare di codependency e comportamenti di controllo, in modo che capiscano che la dipendenza è la persona che deve assumersi la responsabilità di mettere la massima volontà e l'impegno per recuperare da questa malattia.

 

CHE COSA E 'IL PRIMO PASSO AVANTI?

 

Il primo passo, da parte della persona con problemi di dipendenza è di riconoscere l'esistenza del problema, che lascia aiutare a superare questa malattia e non abbiate paura di chiedere per aiuto.

Nello stabilire i primi cambiamenti, la motivazione gioca un ruolo importante, cioè quando il paziente è più ricettiva per ricevere informazioni e proporre soluzioni. La motivazione è uno stato emotivo dinamico che è una parte fondamentale dell'approccio terapeutico. Professionisti devono essere addestrati a questo tipo di terapia.

L'obiettivo di questo tipo di approccio è quello di mantenere il paziente sul lato della bilancia che ti fa decidere di rimanere astinenti, rispetto a mantenere il comportamento dei consumatori dai professionisti. Questo tipo di approccio motivazionale è la prova che il più alto tasso di astinenza sostenuto e psicologicamente mette il paziente nel fare le cose che toccano, come giocare e quando giocano.

 

 

COS'È IL TRATTAMENTO DI PAZIENTI CON recupero delle tossicodipendenze?

 

Esso rappresenta un processo dinamico che classicamente definito in quattro fasi, senza periodo di tempo definito, in quanto dipende dalle caratteristiche personali del paziente e alle condizioni ambientali.

La prima fase è disintossicazione in cui il paziente viene rilasciato medicalmente alcool o problemi di droga e il corpo e il cervello comincia a funzionare senza farmaci.

La seconda fase è il processo di cessazione in cui la persona si identifica abitudini tossiche e atteggiamenti alterati, e rendere il lavoro attivo di cambiare loro , al fine di migliorare la qualità della vita che favorisce la loro integrazione nella famiglia, il lavoro e l'ambiente sociale.

Dal momento della riabilitazione è la terza fase di ripresa ed è per recuperare perso o non eseguite dal paziente a causa di abilità di consumo, lo svolgimento di attività finalizzate a impulsi di controllo, migliorare le abilità sociali e ridurre l'ansia.

 

La quarta fase è la riabilitazione, che prevede la preparazione e il ritorno al paziente di loro ambiente familiare e sociale, con uno sviluppo standardizzato di vita e di monitoraggio medico e terapeutico più distanziato nel tempo, per realizzare pienamente l'obiettivo.

 

QUANTO TEMPO terapia di riabilitazione?

 

fase Detox è la prima. ha in genere un intervallo di tempo compreso tra 10 e 25 giorni, a seconda della gravità di alcolismo o l'intensità del disturbo di droga, la presenza di una doppia patologia e il personale, medici, familiari e sociali che si sono verificati durante il dipendenza attiva. Nelle altre fasi, il tempo non è un fattore limitante e deve soddisfare le specifiche esigenze di ogni persona e del loro ambiente.

In generale, è accettato che il primo passo è temporanea nei primi 4-6 mesi, che è quando ci può essere una percezione sbagliata di guarigione e di abbassare la guardia da parte del paziente, Cundo questo passaggio viene superato, la prossima tappa ritiro temporaneo è di 12 mesi. Quando il paziente è in grado di prendere 2 anni di distanza dalla dipendenza è quando in realtà il rischio di recidiva è ridotto al minimo, ma non diventa mai zero.

 

Quali raccomandazioni dovrebbe seguire il paziente dopo la fine del trattamento?

 

Si consiglia di iniziare le sessioni da ambulatorio, sia sessioni individuali o di gruppo, secondo il quale i membri della famiglia dei pazienti e continuare con follow medica e psicologica - fino a vedere come sta incorporando il paziente alla sua vita e se si incontrano i loro obiettivi dichiarati. Ciò significa consolidare il miglioramento, rafforzare nuove abitudini e mettere a fuoco le avversità insieme, anticipando le eventualità reali ed efficaci che possono sorgere modulo.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr. Augusto Zafra Villena
Psichiatria

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..