TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dra. Beatriz Castaño Monsalve
Psichiatria

eminente psichiatra, Dr. Brown Monsalve è uno specialista in un intervento psichiatrico in Neuroriabilitazione. Attualmente è Assistente medico presso l'Istituto Guttmann di Barcellona. Dottorato di Ricerca in Psichiatria presso l'Università Autonoma di Barcellona, ​​ha un diploma post-laurea in terapia coniugale e familiare dalla Fundació Vidal i Barraquer.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

"Non è più come prima"

Nel 1848 Phineas Gage, un ferroviere, ha avuto un incidente come risultato di un'esplosione. Un'asta metallica 6 kg, 1 m di lunghezza e 3 cm di diametro forato il cranio sulla guancia sinistra e fuori all'inizio dopo il passaggio attraverso la corteccia cerebrale. Dopo due mesi, il paziente è stato dimesso dal medico considerando che è stato completamente recuperato e visualizzato alcun danno fisico o la lingua.

Venti anni più tardi, il dottor Harlow, che aveva trattato il paziente, descritta in una rivista medica, "L'equilibrio o equilibrio tra i suoi docenti e animali propensioni intellettuali sono distrutti, girò irriverente, profano, impaziente e ostinata."

Dopo l'incidente, Phineas ha perso il lavoro e non è mai stato in grado di mantenere uno per un lungo periodo di tempo, in quanto sequestrati o abbandonati dai loro continui litigi con i coetanei. Il loro matrimonio è finito perché la moglie ha pensato che non era lo stesso di prima ed era diventato un uomo aggressivo. Dopo aver lavorato in diverse aziende, Phineas è stata esposta nel circo, dove ha insegnato il suo orgoglio ferito e la verga di ferro che ha causato. Morì a 38 anni a causa di crisi epilettiche. Sia il suo cranio sono conservati come la barra di ferro al Museo dell'Università di Harvard, dal momento che è stato uno dei primi casi nella storia della medicina in cui ha evidenziato il rapporto tra danno cerebrale e cambiamenti il comportamento.

Oggi la storia continua a ripetersi Phineas con nomi diversi e meccanismi di danno: cade da incidenti ponteggi, aggressioni, auto o moto, tra gli altri. Anche se è stato 162 anni ed è stato un grande sviluppo in medicina, purtroppo, ancora le conseguenze di un comportamento non può essere correttamente diagnosticata o trattata, lasciando l'individuo che soffre e le loro famiglie in una situazione di sovraccarico emotivo cronico e alterata qualità della vita.

 

Lobo frontale

Non si può parlare di disturbi comportamentali senza menzionare il lobo frontale, una zona del cervello situata nella parte più anteriore del cranio appena dietro la fronte, che è responsabile per le principali forme di attività mentale come l'intelligenza , la creatività, il ragionamento astratto e abilità concettuali. È anche ciò che ci rende umani, intelligente e sensibile e ci permette di imparare dalle esperienze e regoliamo il nostro comportamento a seconda della situazione.

Per avere un'idea della loro importanza nella umana, notare che il lobo frontale occupa il 33% del cervello, mentre la scimpanzé rappresenta il 15% e 3% gatti.

I lobi frontali collegati con le strutture cerebrali profonde e le aree del lobo temporale coinvolte nelle funzioni emotive, ormonali, viscerali, sensoriali e autonomiche. La corretta meshing di questi sistemi si verifica come conseguenza che l'individuo può regolare il loro comportamento in base ad ogni situazione, tenendo conto delle esperienze precedenti e può essere guidato da obiettivi e impegnarsi produttivamente in diversi aspetti dell'esperienza umana.

Così, un malfunzionamento di questo sistema normativo fa sì che la persona che soffre uno stato di disinibizione comportamentale e disturbi di emozioni, manifesta una tendenza a irritabilità, sbalzi d'umore, impulsività, comportamento inappropriato in campo aggressione sociale o familiare e, nei casi più gravi, verbale o fisica.

 

Cause di lesioni cerebrali acquisite

Non solo causa lesioni cerebrali trauma, anche ictus (sanguinamento o infarti dell'arteria cerebrale) tumori, encefaliti e encefalopatia anossica (mancanza di ossigeno al cervello). Basta tenere presente che queste lesioni differiscono da fattori come l'area del cervello o estensione della stessa; alcuni di essi sono localizzati, mentre altri interessano vaste aree o addirittura tutto il cervello. In questo senso, le manifestazioni, l'evoluzione e la prognosi tra i diversi tipi di danni cerebrali non sono paragonabili.

Infine, ci sono una serie di fattori specifici del paziente che possono influenzare negativamente l'evoluzione dei cambiamenti di comportamento. Questi fattori includono la storia del consumo regolare di alcol e tossico, gli anziani e la previa esistenza di disturbi psichiatrici, ritardo mentale, disturbi dello sviluppo o di apprendimento o di lesioni cerebrali.

 

Fasi di danno cerebrale

A seconda del momento esatto in cui il paziente è, vedremo una serie di modifiche o cambiamenti nel comportamento. I passi descritti di seguito non hanno una durata specifica e sono sempre presentati nello stesso ordine e manifestazioni possono variare a seconda del tipo di lesione cerebrale e in ciascun caso.

In generale, nei primi giorni o settimane il paziente non è in grado di comunicare, mostrano confusione e non riconoscere i familiari; disorientamento è luogo comune, tempo e anche di persona; può avere un discorso incoerente, presentando una grande inquietudine che a volte raggiunge agitazione o allucinazioni che generalmente sono orientate visivamente (vedere gli animali, morti, fuoco).

A volte, dalla prima fase è evidente uno stato di disinibizione, impulsività e sbalzi d'umore. Generalmente queste alterazioni sbiadiscono con il tempo e con i diversi trattamenti iniziati. Successivamente, vi è un subacuta o periodo di transizione in cui il paziente recupera, progressivamente, l'orientamento, il senso di sé, il riconoscimento delle persone e la coerenza nelle loro idee, in grado di recuperare in parte o completamente, le sue prestazioni precedente mentale.

Nelle fasi croniche, quando è stato molti mesi dopo la lesione, questi cambiamenti nel comportamento sono più evidenti e famiglia fanno commenti come "non è più lo stesso di prima". Questo è noto come manuali medici come disturbo organico o cambiamenti di personalità, definita come un cambiamento costante o persistente nelle caratteristiche precedenti dell'individuo che causano un danno relativo sociale, lavorativo, o. La frequenza di cambiamento di personalità in un grave trauma cranico può raggiungere l'80% dei casi.

 

I cambiamenti nel comportamento e le emozioni

Per una migliore comprensione, ho raggruppati in sindromi differenti sintomi comportamentali ed emotivi che possono presentare il paziente con lesioni cerebrali acquisite.

 

Alterazione di affetto

Nelle prime fasi di lesioni cerebrali è l'incontinenza emotiva molto comune con la stimolazione minima pianto. Può verificarsi anche labilità emotiva, è la difficoltà di controllare il riso o pianto che si verifica in genere in situazioni di stress o nervosismo.

Il paziente può passare attraverso un periodo di depressione, stato di disabilità reattiva, che a volte si manifesta dalla fase iniziale e, a volte si verifica quando il ritorno al loro ambiente e affrontare i cambiamenti nello stile di vita.

A lungo termine è caratteristica instabilità emotiva e affettiva con difficoltà di regolazione risposte emotive, presentando sbalzi di umore che possono essere minuti, ore o giorni. I pazienti possono alternarsi a fasi stati depressivi di euforia, a volte senza un trigger esterno.

Ci sono anche frequenti cambiamenti nell'espressione delle emozioni che la famiglia ha descritto come "più affettuoso di prima" o "indifferenti" ...

 

Perdita di controllo degli impulsi

Si tratta di un fallimento, istintive e di controllo motore meccanismi del comportamento che possono manifestarsi nella zona verbale. Sono insofferenza frequenti con l'incapacità di attendere, bassa tolleranza frustrazione, irritabilità e l'atteggiamento esigente.

Nel livello verbale, il paziente può fare l'espressione incontrollata di opinioni o sentimenti indiscrezioni, la perdita di vergogna e talvolta usando un linguaggio volgare. Inoltre, un atteggiamento troppo affettuoso, seducente e compiacente, ha bisogno di saluto, ringraziare o toccare altri può apparire. Possono anche esprimere disinibizione sessuale. E nella zona del motore, l'impulsivo paziente agisce sconsideratamente senza considerare le conseguenze delle loro azioni.

Il risultato di tutto questo può essere un comportamento non coerente con l'età del paziente e contenuti comportamento sociale.

 

Aggressività

Aggressività è anche il risultato di una perdita di controllo degli impulsi che è accompagnata da un senso di disagio e di rabbia da uno stimolo esterno o interno. La risposta può essere verbale, sotto forma di insulti o minacce, o fisica, contro oggetti, o nei confronti di persone con atti come la rottura, gettando le cose, spingendo, mordere, punzonatura e autolesionismo tra gli altri.

A differenza di disturbi psichiatrici secondari a danni cerebrali aggressività è reattiva e sproporzionato, in modo che si verifica a seguito di stimolazione minima non è pianificato e ha uno scopo, è molto forte nella sua presentazione, di solito dura un breve periodo di tempo e, una volta passato episodio, provoca dispiacere e disagio emotivo nel paziente.

 

Apatia

L'apatia è essenzialmente una mancanza di motivazione che si manifesta in aspetti comportamentali, cognitivi ed emotivi. C'è un calo di comportamento che può essere lieve, come il rallentamento per i diversi compiti della vita quotidiana, la vita o gravi, causando l'incapacità di avviare o mantenere la maggior parte delle attività.

Tipicamente, il paziente non ha piani o idee e mostra una diminuzione dell'espressione di sentimenti, in modo che sembra indifferente e molto reattiva agli eventi nell'ambiente, sia positivi che negativi.

L'apatia è spesso una delle principali preoccupazioni per la famiglia e non per l'interessato perché il paziente di solito ha un senso di calma e di indifferenza.

 

Altre manifestazioni

L'auto-consapevolezza di solito colpiti, in modo che il paziente con danno cerebrale potrebbe non essere consapevoli dei loro deficit, il che complica notevolmente qualsiasi intervento terapeutico. Inoltre, rigidità cognitiva rende il paziente è mostrato ostinato, egoista e sconsiderato delle persone intorno a loro.

In alcuni casi, i sintomi paranoici che si verificano con diffidenza esagerata, la gelosia patologica, temono che altri possono fare del male e altre idee irrealistiche sono presentati. Queste idee sono spesso accompagnate da cambiamenti nel comportamento.

I cambiamenti descritti sono il risultato diretto di lesioni cerebrali organici e sono presentati con le loro proprie reazioni a chiunque passa attraverso un periodo di malattia, come la comparsa di aspetti regressivi, che hanno bisogno di attenzione e cura da loro amato caro; così, dobbiamo considerare che non tutti i comportamenti sono riconducibili a lesioni cerebrali.

 

Urto

Disturbi del comportamento e delle emozioni può passare inosservato in un primo momento, soprattutto per le persone che non conoscono il paziente prima di danno cerebrale; tuttavia, il comportamento alterato può cambiare completamente il rapporto di una coppia o famiglia membri e causare la separazione.

L'impatto dipende essenzialmente da fattori quali la frequenza e la gravità delle alterazioni che il paziente e il grado di contatto con il paziente.

Negli ospedali e centri di riabilitazione, disturbi comportamentali possono disturbare o impedire lo sviluppo di attività che incidono negativamente l'utilizzo della terapia e le prestazioni cognitive.

Tale comportamento è spesso alterata a causa del lavoro, disfunzione sociale e familiare. A lungo andare, provoca il rifiuto, stimma e crescente isolamento, particolare della persona che soffre, ma a volte anche la famiglia. Per le persone più vicine al paziente è sovraccarico di causa e sofferenza emotiva.

 

Farmacoterapia

L'approccio di disturbi comportamentali ed emozionali dei pazienti con danno cerebrale dovrebbe essere fatto in modo interdisciplinare con neuropsicologia. E 'essenziale per il trattamento dei problemi cognitivi e di preparazione e modelli di educazione familiare di azione e controllo dei fattori ambientali che possono innescare situazioni di conflitto con il paziente.

Dal neuropsichiatria, uso di psicofarmaci è ampiamente giustificato come uno strumento per raggiungere un rapido controllo dei sintomi in gran parte dei casi, il che consente una maggiore partecipazione e collaborazione del paziente per il trattamento di riabilitazione e minori costi caregiver.

E 'importante sapere che le droghe psicoattive hanno una indicazione primaria e sono approvati per diverse patologie prima di noi, comunque, il suo uso nel trattamento di sequele cognitivo-comportamentale del danno cerebrale è supportata da approfonditi studi scientifici e informazioni. Ad esempio, anticonvulsivanti e antipsicotici atipici utilizzati per agitazione psicomotoria, irritabilità, mancanza di impulsi di controllo e come stabilizzatori dell'umore. Per migliorare la vigilanza, attenzione, accrescere l'iniziativa l'attività motoria e prescrivere alcuni antidepressivi, dopamina e psicostimolanti.

 

Raccomandazioni generali

Durante le visite è essenziale per parlare apertamente con il medico di disturbi comportamentali ed emotivi presentati dal paziente e che ha sentito il motivo per cui le viene prescritto un farmaco. Il paziente deve prendere questa decisione al fine di aumentare l'alleanza terapeutica con il medico e promuovere il rispetto. Così, il medico è responsabile per il monitoraggio e la valutazione periodica del trattamento, mentre il controllo e la corretta somministrazione di farmaci è la responsabilità della famiglia o di caregiver.

La maggior parte dei farmaci psichiatrici possono causare effetti indesiderati nei primi giorni, non dovrebbe persistere oltre una settimana; in tal caso, o se sono fastidiosi, deve contattare il medico per valutare la continuità del trattamento prima dell'arresto senza consulenza. Dovrebbe anche essere segnalati al medico circa i comportamenti che impediscono compliance farmaci del paziente, come i colpi errati diminuisce l'efficienza e causano scarso controllo dei sintomi.

Alcol e altre sostanze è controindicato con l'uso di questi farmaci, in quanto comporta rischi come stato alterato di coscienza, cambiamenti comportamentali e convulsioni.

Nel nostro ospedale è previsto un approccio interdisciplinare, sia dei pazienti neurologici e delle loro famiglie, integrando la fisica, neuropsicologico e trattamento neuropsichiatrico per un migliore controllo dei postumi di lesioni cerebrali acquisite.

Psichiatria presso Barcelona
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Top Doctors®

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione