Vitiligine, una sfida per il dermatologo

Autore: Patricia Pujante Crespo
Pubblicato: | Aggiornato: 12/10/2017 22:06
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

La vitiligine è una malattia della pigmentazione acquisita, caratterizzata dalla comparsa di macchie depigmentate, la pelle bianco latte e alle mucose. Ciò è dovuto alla distruzione dei melanociti, che sono cellule che sintetizzano e secernono melanina, il pigmento principale che dà colore alla pelle.

 

cause multifattoriali di vitiligine

La causa della vitiligine è sconosciuta, ma è considerata multifattoriale, in cui sono coinvolti fattori genetici, sistema immunitario compromesso, fenomeni citotossici all'interno del melanocita e anche i fattori neurologici. D'altra parte ci sono trigger, lo stress principale.

 

Macchie bianche sulla pelle, il primo sintomo della vitiligine

Macchie bianche possono apparire in qualsiasi posizione del tegumento pelle e sono il sintomo principale della vitiligine. La dimensione delle macchie varia da un qualche millimetro a qualche centimetro, e può raggiungere fondono, causando grandi aree di depigmentazione. I capelli possono anche essere influenzato, sbiancamento è. Gli spot sono asintomatici e si trovano soprattutto nella zona intorno agli occhi e la bocca, il dorso delle mani, avambracci, cuoio capelluto e zona genitale.

Vitiligine può essere stabile, in cui nessun cambiamento nel numero o le dimensioni dei punti per mesi o anni o, al contrario, il paziente può avere una vitiligine attivo con sbavature continuo.

 

Il trattamento per la vitiligine base al grado di coinvolgimento

La vitiligine è sempre stata una sfida terapeutica per lo specialista in Dermatologia. corticosteroidi Crema, gli inibitori della calcineurina: Quando vitiligine si trova o è leggermente ampliato, trattamenti topici vengono utilizzati. In genere sono i trattamenti a lungo termine e sono più efficaci in testa e del collo. La fototerapia è un'altra opzione di trattamento, sia PUVA (psoraleni più raggi ultravioletti A luce ultravioletta) o B a banda stretta, ma sono utilizzati nelle lesioni estese. Altre possibilità terapeutiche sono 308nm laser ad eccimeri o minigrafts pelle autologo.

Nel caso di beni o vitiligine stabile, i pazienti possono essere trattati con corticosteroidi orali con risultati simili. Recentemente è stato osservato che il trattamento con orale banda stretta aggiungendo UBV corticosteroidi, i migliori risultati si ottengono che solo corticosteroide.

 

A cura di Patricia Crespo Pujante

Dermatologia presso Alicante
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr. Manuel Moragón Gordon
Dermatologia

Moragón Dr. Gordon è uno dei maggiori esperti nel cancro della pelle, e l'attuale Capo di Dermatologia Ospedale di San Juan de Alicante. Inoltre, è docente della Facoltà di Medicina presso l'Università Miguel Hernández ed è stato capo del dipartimento di Dermatologia Ospedale di Elda. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Valencia nel 1977 e specializzata in dermatologia nel 1982. E 'membro delle principali società scientifiche specializzate in ambito nazionale e internazionale.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.