Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. José Francisco Valderrama Marcos
Angiologia e Chirurgia vascolare

Rinomato specialista in chirurgia vascolare, il dottor Valderrama Marcos, è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Malaga dal 1997 e Dottore in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Granad dal 2002. Nel corso del 1998 e del 2002 è stato il andaluso Clinical Biochemistry servizio Salute. Chirurgo cardiovascolare è ora presso l'Ospedale San Antonio Park, il Servizio Sanitario andalusa e della sanità privata in loro propria clinica in ospedale Angelo e Sun Life & Clinic. Inoltre, è autore di numerosi articoli pubblicati in pubblicazioni a livello nazionale e internazionale. Nel corso della sua carriera, ha unito il suo lavoro professionale con l'insegnamento, l'insegnamento in vari corsi.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Vantaggi e rischi della chirurgia cardiovascolare minimamente invasiva

Chirurgia Cardiovascolare procedure cardiovascolari mini-invasive basate su accesso minimo. Specialisti utilizzano tecniche particolari per ridurre le dimensioni delle incisioni. Ecco perché a volte i singoli strumenti per facilitare le manovre sono necessari attraverso piccole incisioni.

Quali sono i vantaggi della chirurgia cardiaca minimamente invasiva?

Con diminuendo la dimensione delle incisioni si diminuisce anche cicatrici. Questo riduce la possibilità di infezione e sanguinamento, e la probabilità che la ferita aperta dopo l'operazione. Un altro vantaggio è che riducendo le dimensioni della ferita, il dolore dopo l'intervento chirurgico è più piccolo, più veloce e, di conseguenza, l'ospedale soggiorno recupero più brevi.

Quali sono i rischi di questo tipo di intervento?

I rischi della chirurgia minimamente invasiva sono inferiori a quelli della chirurgia convenzionale, a causa delle dimensioni più piccole della ferita. Tuttavia, nel caso in cui il professionista ha la necessità di migliorare la visibilità, è possibile espandere il campo di incisioni chirurgiche e trascorrere un intervento chirurgico accesso minimo al convenzionale, con tutti i suoi rischi.

Che cura dovrebbe seguire il paziente dopo l'intervento?

Paziente postoperatoria è la stessa di quella di qualsiasi chirurgia cardiovascolare. La differenza, come abbiamo detto, è la riduzione del dolore e degenza, poiché le ferite sono molto più piccoli. In realtà, è comune che il paziente può camminare passato solo 48 ore dopo l'intervento.

Angiologia e Chirurgia vascolare a Málaga
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione