Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Álvaro Díaz de Liaño Argüelles
Chirurgia generale

Specialista riconosciuto in Chirurgia Generale, Dr. Argüelles Diaz de Liano è stato il capo della clinica di chirurgia Assistenza Unità esofagogastrica presso l'Ospedale di Navarra fino al 2012, oltre a Coordinatore Sezione Esofago Chirurgia - Lap dell'Associazione spagnola I chirurghi fino al 2014. nel corso della sua carriera ha unito il suo lavoro clinico con l'insegnamento, essendo professore a contratto del Dipartimento di Chirurgia presso l'Università Autonoma di Madrid e professore associato della Facoltà di Medicina dell'Università di Navarra (fino 2012). Autore di 60 pubblicazioni di cui 20 internazionali, e assistente e partecipante a numerosi convegni legati alla loro specialità che è stato relatore su 55 occasioni. Ha ricevuto borse di studio per soggiorni in ospedali stranieri: 10, di cui 6 in USA e due premi di comunicazione internazionale. Inoltre, è membro corrispondente estero della Società di Chirurgia della Uruguay e Paraguay Chirurgia Society, e Fellow della American College of Surgeons.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Il trattamento chirurgico del cancro esofageo

la chirurgia del cancro dell'esofago

I principali trattamenti per il cancro esofageo sono la chirurgia, sistemici (chemioterapia) e la radioterapia. Inoltre, la palliazione attiva è una parte importante e compreso stenting, shunt chirurgici e misure di sostegno. L'approccio di cancro esofageo richiede un approccio multidisciplinare.

Attualmente, al momento della diagnosi solo il 30-40% dei pazienti con diagnosi di malattia resecabile considerata (che può essere rimosso in toto), ottenendo una chirurgia R0 (mentre tumore apparentemente in vista e tatto) nel 70% dei casi.

 

La selezione dei candidati per il trattamento chirurgico

La corretta selezione dei pazienti da parte del chirurgo generale può ridurre l'incidenza di complicanze postoperatorie e mortalità dopo intervento chirurgico. La resezione chirurgica dovrebbe essere considerata in tutti i pazienti con accettabili generale, nei tumori resecabili e trova più di 5 cm al di sotto della malattia muscolare cricofaringeo.

Nei pazienti potenziali candidati per trattamento curativo (chirurgia o la riduzione del tumore (neoadiuvante) seguita da un intervento chirurgico) è essenziale per la valutazione dello stato nutrizionale, la funzione cardiaca e polmonare, la funzione renale e la funzione del fegato. Età sé non è una controindicazione assoluta anche se è stabilito l'età di 75 anni come misura per valutare questo tipo di trattamento. In alcuni casi con indicazione alto rischio viene regolato in base alla tecnica chirurgica da eseguire.

 

la cura pre-operatoria

Un aspetto fondamentale è la funzione respiratoria preoperatoria. La soppressione di tabacco e di fisioterapia respiratoria sono due fattori chiave per ridurre le complicanze respiratorie postoperatorie.

valutazione nutrizionale preoperatoria è molto importante. L'eccessiva perdita di peso, il numero di albumina bassa, o la presenza di alcuni fattori di rischio sono criteri di allarme che indicano la necessità di recupero nutrizionale dopo il trattamento chirurgico.

Secondo lo stato nutrizionale e la possibilità o meno di alimentazione per via orale supplementazione pre-operatoria breve tra 5 a 7 giorni di solito consigliato o 10-14 se la malnutrizione è grave, immuno orale o nasojejunal. Se la funzione intestinale non viene mantenuto, è indicato nutrizione per via endovenosa.

 

trattamento chirurgico radicale

Anche se i tumori dell'esofago, può essere adenocarcinomi o squamose, l'approccio terapeutico è simile per entrambi i tipi di tumori. Lo scopo della chirurgia è completa la resezione della malattia e locoregionali linfonodi e la ricostruzione del tratto digerente con complicazioni minime e sequele.

La tecnica chirurgica varia a seconda della posizione delle comorbidità tumore e del paziente (transtoracica o esofagectomia transiatale). tecnica esofagectomia transtoracica e l'unione nella cupola toracico o cervicale permette una migliore visualizzazione del campo operatorio e una migliore rimozione dei linfonodi (linfoadenectomia). Mentre i vantaggi, in termini di sopravvivenza, sono discussi in riferimento alla tecnica transiatale. Quest'ultimo permette di dissezione dell'esofago addominale e cervicale tramite un tecnicamente meno estesa linfoadenectomia e anastomosi cervicale. La ricostruzione ideale dell'organo tratto digestivo è lo stomaco tubulized. Il colon o digiuno possono essere usati in caso di precedente chirurgia gastrica o concomitante patologia gastrica.    Queste tecniche chirurgiche oggi sono realizzati sia chirurgia aperta (convenzionali) o minimamente invasivi approcci (laparoscopia o toracoscopia). la tecnica si sceglie è scelto, va osservato che le variazioni nei tassi di sopravvivenza potrebbero essere correlati alla maggiore incidenza di adenocarcinoma e l'uso della chirurgia per il trattamento. 

Quali sono i rischi?

Chirurgia del cancro esofageo è associata ad una mortalità di prendere in considerazione rispetto ad altre operazioni e ospedalieri soggiorni possono essere lunghi. La mortalità postoperatoria avviene entro 30 giorni dopo l'intervento chirurgico.

morbilità postoperatoria (incidenza di complicanze) è importante a causa delle caratteristiche della malattia, il paziente, i possibili effetti di precedenti trattamenti con chemioterapia e radioterapia e la difficoltà intrinseca della procedura chirurgica. complicanze respiratorie sono le più frequenti dopo esofagectomia e sono legati a fattori preoperatori (età, il fumo, la BPCO, lo stato nutrizionale), intraoperatorie (adeguati controlli di gestione sieri, la durata del blocco fase unipulmonar necessario per eseguire l'operazione) e post-operatoria (estubazione precoce e fisioterapia respiratoria). La complicanza più grave è apertura spontanea o guasto della giunzione esofageo (anastomosi), anche se la prognosi vari fattori quali la ragione per l'apertura o la posizione dell'influenza unione (a seconda del tipo di interventi disponibile) e trattamento appropriato anticipo .

    

Che tipo di raccomandazioni dovrebbe seguire il paziente dopo l'intervento chirurgico?

Dopo questi interventi sono il disagio comune durante i pasti. Questo perché lo stomaco, spesso formata in un tubo, si è spostato verso l'alto e collegata al piccolo esofago frammento restante. Questo significa che, dopo l'intervento chirurgico, lo stomaco svuotare il contenuto lentamente, come le contrazioni sono inefficaci aver risentito nervi che controllano. Ciò può causare nausea e vomito frequente.

Inoltre, dopo l'intervento del contenuto dello stomaco può facilmente salire nell'esofago che è perché il muscolo che normalmente controlla questo (sfintere esofageo inferiore) spesso è stato rimosso. Ciò può causare sintomi quali acidità. In questi casi, i farmaci antiacidi possono aiutare ad alleviare questi sintomi.

Pertanto è consigliabile pasti per non abbondante ma frequenti, masticare il cibo correttamente e mangiare lentamente, mantenendo la testa del letto elevata, evitare alcol e tabacco da fiuto e, talvolta, i controlli da un dietista. E 'importante spiegare al paziente, in modo da non scoraggiatevi, è probabile che la loro qualità della vita è buona e finito migliorare per 10 a 12 mesi dopo l'intervento chirurgico, che possono essere alimentati correttamente e con poche restrizioni dietetiche.

 

 

A cura di Roser Berner Ubasos.

Publicado por: Roser Bernés Ubasos

Chirurgia generale a Navarra
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione