TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dr. Manuel Martínez Sarmiento
Urologia

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Valencia, il dottor Manuel Martinez Sarmiento è un medico specializzato in urologia. Attualmente lavora come urologo presso l'Ospedale di Valencia Casa Salute e membro del gruppo di uro-oncologia e laparoscopia Hospital dell'Università e del Politecnico La Fe di Valencia.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Anche se il cancro alla prostata è il tumore più comune del maschio adulto e la seconda causa di morte per cancro, solo una piccola parte di quelli con diagnosi di cancro alla prostata morirà da esso.

Prima dell'era del PSA (antigene prostatico specifico), solo il 30% dei tumori sono stati rilevati in una fase precoce, cioè in una fase in cui i tumori sono localizzati e potenzialmente curabile. Dalla sua introduzione, queste cifre sono cambiate drasticamente, e ora la maggior parte dei tumori sono diagnosticati quando si trovano.

Tuttavia, al contrario, la metà dei tumori diagnosticati attualmente alcun significato clinico sono tumori che non sarebbero mai stati diagnosticati se non avessero fatto un PSA, e che per la sua crescita molto lenta potrebbe mai dare sintomi molto meno la causa di morte per cancro alla prostata.

La parola "cancro" è un termine che genera, in molti casi, il rifiuto nei pazienti e le loro famiglie. Stiamo diventando più consapevoli del fatto che molti tumori non hanno alcun impatto sulla sopravvivenza del paziente, probabilmente non avrebbe dovuto essere diagnosticati, e non richiedono alcun trattamento.

La cosa importante non è se un tumore o cancro è presente, ma che è l'aggressività del tumore, cioè quale gruppo appartengono rischio (rischio alto, moderato o basso).

I tumori di rischio moderato o alto richiedono un trattamento, a volte nemmeno uno solo ma diversi. Tuttavia, i pazienti a basso rischio possono richiedere un trattamento, non richiedono o ritardare nel tempo, in modo che la presenza di effetti collaterali del trattamento, soprattutto i due più importanti sono anche i ritardi: impotenza e incontinenza.

 

Che cosa è la sorveglianza attiva

La sorveglianza attiva non è trattare immediatamente il paziente con prostata molto basso rischio di cancro, ma sottoporlo a chiudere esame, tra cui biopsie prostatiche ripetono ogni tanto, per offrire loro una terapia curativa (prostatectomia radicale o radioterapia ) viene rilevato se il tumore progredisce.

 

Indicazioni

C'è un parametri standard clinici, analitica (valore di PSA) e istologici (biopsia) caratteristiche (DRE) per la selezione dei pazienti prognosi buoni che sono candidati, se vogliono continuare a protocollo sorveglianza attiva. In generale, i criteri di inclusione sono:

Uno. PSA al momento della diagnosi meno di 10 ng / ml.

2. Non palpabile o DRE tumore localizzato.

Tre. Gleason (sistema che misura il grado di aggressività del tumore) uguale o inferiore a 6.

4. Massimo 2 cilindri (campioni di tessuto) con tumore alla biopsia.

5. Meno colpito il 50% dei cilindri interessati.

Tuttavia, non tutti i pazienti che soddisfano questi criteri sono disposti a seguire un protocollo per la sorveglianza attiva. In realtà, l'ansia che i pazienti e le loro famiglie a sapere che hai un tumore che non viene trattata, è una delle cause di abbandono di sorveglianza attiva.

 

Rischi di trattamento ritardare

Uno dei rischio teorico di monitoraggio attivo è la possibilità di diffusione del tumore e quindi la sopravvivenza dei pazienti sottoposti a sorveglianza attiva è inferiore a quella dei pazienti sottoposti a trattamento curativo immediatamente.

Tuttavia, tutti gli studi concordano sul fatto che i tassi di sopravvivenza dei pazienti con i pazienti a basso rischio o molto basse in fase di sorveglianza attiva sono simili rispetto al trattamento immediato.

Pertanto, la sorveglianza attiva è un'opzione di trattamento appropriato che sta diventando progressivamente in quanto non costituisce un potenziale rischio per i pazienti, evitando le complicanze del trattamento in una percentuale di pazienti non avrà mai bisogno, e se precisarlo, sono in ritardo nel tempo i possibili effetti collaterali del trattamento.

 

Esibizioni di paziente

È essenziale seguire i controlli clinici e raccomandazioni impostare il urologo. È probabile che in nessun momento non richiede interventi per la loro tumore, ma il monitoraggio rileva se il tumore progredisce e se è necessario un trattamento.

Sì, si consiglia vivamente di non aumento di peso e perdere peso se si soffre di obesità, è stato dimostrato di essere un fattore predisponente per il tumore progredisce. Si possono trovare utile il più possibile la dieta mediterranea con un elevato consumo di verdure ricche di antiossidanti, come i pomodori, zucca, uva, soia, ecc e di evitare cibi ad alto contenuto di grassi, soprattutto animali.

Urologia presso Valencia
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Top Doctors®

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione