Lei soffre di narcolessia?

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 13/10/2017 17:38
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

La narcolessia è un disturbo neurologico caratterizzato dalla presenza di eccessiva sonnolenza diurna, cataplejías, allucinazioni nella transizione sonno-veglia e paralisi del sonno.

 

Cause di narcolessia

Esso non è nota la causa esatta di questo disturbo, ma ora tende ad essere considerata autoimmune, predisposizione genetica associata.

Gli specialisti in Neurofisiologia Clinica hanno osservato che i pazienti con narcolessia sono diminuite neurotrasmettitore ipocretina (o orexina), secreto dall'ipotalamo del cervello, e che è necessario per mantenere la veglia. Se non c'è ipocretina, sistema nervoso centrale permette la fase di intrusione di sonno REM (rapid eye movement) durante la veglia. Questa alterazione porterebbe a sonnolenza e disturbi del sonno diurno caratteristici della narcolessia.

 

I sintomi della narcolessia

  • sonnolenza diurna: è il sintomo principale. Deve essere presente in almeno 3 mesi prima della diagnosi di narcolessia; di solito intenso, apparendo in monotona e situazioni inappropriate (parlare, guidare, mangiare), e attacchi di sonno come incontrollati.
  • Cataplejías: sono disponibili in la forma di improvvisa crisi ipotonia muscolare (testa, ginocchia, mani), a volte gravi, causando cadute, senza il coinvolgimento dei muscoli oculari o respiratorie. Le crisi spesso innescati da forti emozioni (risate, rabbia, ecc.)
  • paralisi del sonno: i pazienti riferiscono episodi che soddisfano il corpo paralizzato, sono sveglio e non può muoversi.
  • Le allucinazioni nella transizione sonno-veglia sono indicati per le percezioni come irrealistiche (immagini, suoni) all'ingresso o all'uscita di sonno, di breve - durata. Altri problemi che spesso si verificano in pazienti con narcolessia sono: disturbi motori durante il sonno (comportamento agitato, comportamenti compulsivi, come il fumo, o fino a mangiare), episodi di intensa percezione onirica durante il giorno.

depressione

Per è necessaria la diagnosi di narcolessia polisonnografia notturna seguito da un test multipli latenza del sonno, con lo scopo di studiare la struttura del sonno alla notte, consecutivamente, misurando sonnolenza diurna.

 

Il trattamento della narcolessia

In primo luogo, occorre stabilire misure di igiene del sonno: il mantenimento di un programma di sonno regolare (7-8 ore di sonno una minime notturne) e, in alcuni casi, esso è necessario brevi sonnellini di linea (che il paziente percepisce come rinfrescante). Si dovrebbe anche evitare di alcol e sedativi o ipnotici senza controllo medico.

Per quanto riguarda il trattamento farmacologico, sono anfetamine e derivati ​​anfetaminici (modafinil, metilfenidato) per la sonnolenza diurna utilizzati, e in la presenza di cataplejías possono essere utilizzati alcuni antidepressivi (fluoxetina, venlafaxina) o farmaci come oxibato di sodio (erogazione ospedale).

 

Quali sono le conseguenze nella vita dei colpiti?

Dipende sul grado di progressione della malattia. In un primo momento di solito si verifica sonnolenza diurna, che aumenta con il passare del tempo, interferire con le attività della vita quotidiana del paziente, e che si manifesta tipicamente come è diminuito il rendimento scolastico (bambini o adolescenti con narcolessia si addormentano in classe) , con alterazioni della memoria e l'attenzione, e problemi emotivi.

Se c'è cataplejías, disturbi motori tali movimenti involontari nella zona periorale, braccia o gambe, con cadute occasionali si verificano.

La qualità del sonno spesso influenzato, essendo spesso riferimento pazienti affetti da narcolessia il suo sogno è insufficiente, e non riposato.

Neurofisiologia clinica a Madrid
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dra. Renata María Egatz Wozniak
Neurofisiologia clinica

Neurofisiologo clinico primo piano con oltre 15 anni di esperienza nel settore, specializzata nella patologia del sonno e ricercatore di numerosi studi clinici relativi Sindrome Insonnia e gambe senza riposo. Attualmente lavora come specialista Sueno Medicina in Scienze Neurologiche Unità Madrid.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.