TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dr. Luís Ignacio Fiter Gómez
Urologia

Dr. Fiter Gomez è un urologo leader della Comunità di Madrid. La sua vasta formazione ed esperienza nella comunità gli hanno fatto guadagnare a presiedere la Urological Society Madrileña, oltre ad essere autore di oltre un centinaio di pubblicazioni scientifiche. E 'socio fondatore della Clinica Androfiv, e collabora con altre cliniche di riproduzione assistita.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Si può prevenire il cancro alla prostata?

Il cancro della prostata è il tumore più comune tra gli uomini, esclusi i tumori della pelle. L'età media alla diagnosi è di 68, raramente compare prima dei 50 anni. Dal 1991, la mortalità è diminuita e, in generale, è molto bassi grazie alla diagnosi precoce con il test del PSA, anche se questo è un argomento discusso.

La stragrande maggioranza dei tumori della prostata sono chiamati adenocarcinomi, cioè, sviluppare dalle ghiandole della prostata. C'è una lesione precursore del cancro della prostata, che viene rilevata in biopsie tempi che prostatica neoplasia intraepiteliale è alto grado.

 

I fattori di rischio per il cancro alla prostata

Nello sviluppo del cancro alla prostata genetica e fattori ambientali influenza. Anche se non vi è alcun specifico gene coinvolto nel suo sviluppo, vi è una forte evidenza epidemiologica suggerisce che vi è una famiglia componente genetica. Il rischio di cancro alla prostata, se si dispone di un genitore o un fratello aumenta colpite da due a tre volte. Altri fattori coinvolti nel cancro della prostata possono essere infiammazione cronica e alcune infezioni come virus BK.

Altri fattori che sono stati implicati nel cancro della prostata sono in eccesso grassi saturi nella dieta o l'obesità. A differenza di altri tipi di tumore, non ha trovato una chiara associazione con tabacco o alcool.

il cancro alla prostata immagine

Cancro alla prostata: sintomi

Il cancro alla prostata di solito n o dà alcun sintomo fino a quando non è avanzato. Una volta che è avanzato, i sintomi possono essere secondaria ad una crescita locale (sangue nelle urine, il disagio urinaria o ritenzione urinaria) o di metastasi (dolore osseo o edema linfatico degli arti inferiori). Il più delle volte la diagnosi è fatta precocemente dopo una biopsia per un esame rettale digitale sospetto o PSA elevato. In tal caso, sintomi specifici di cancro.

 

biopsia della prostata

La biopsia della prostata si basa principalmente sulla la determinazione di un marcatore del sangue che secernono le cellule della prostata ed è elevata nei pazienti con questo tumore: PSA o PSA. È importante sapere che questo marcatore non è specifico per il cancro, ma alla prostata. Cioè, una prostata normale, soprattutto se ci iperplasia prostatica benigna o prostatite, possono causare alti valori di PSA.

E 'quindi essenziale per correlare il PSA con l'età del paziente, aumenta con l'età; con esplorazione rettale, che possono segnalare l'esistenza o meno è un nodo o la crescita benigna della prostata; e la dimensione della prostata. La conferma avverrà mediante biopsia ecoguidata. Nei casi in cui la diagnosi è incerta , o si sospetta nonostante precedenti biopsie negative, l'esecuzione di una risonanza magnetica parametrico e una fusione biopsia (utilizzando un software che integra le immagini di risonanza con gli ultrasuoni) identifica le aree sospette che dovrebbero essere sottoposte a biopsia.

 

Cancro alla prostata: Trattamento

Nel trattamento del tumore della prostata è essenziale per individuare caso per caso. In primo luogo, dobbiamo distinguere quello che viene chiamato ad alto rischio di cancro, rischio basso o moderato, in base a criteri biopsia, PSA, ecc. In secondo luogo, è importante considerare l'aspettativa di età e vita del paziente. Secondo questi criteri, nei pazienti di età superiore ai 70 anni con tumore a basso rischio, è meglio non provare, ma fanno quello che viene chiamato la sorveglianza attiva tramite determinazioni periodiche del PSA, DRE e anche ripetere la biopsia, se necessario. Questo è probabilmente tumori indolenti, che non metterebbe a rischio la vita del paziente nel corso dei prossimi dieci anni.

Alle opposte alta estreme - tumori a rischio si trovano in pazienti di età inferiore a 70 anni. In questi casi è indicato che il trattamento attivo, si è previsto un beneficio nella sopravvivenza cancro.

Il trattamento standard è la prostatectomia radicale, che comporta la rimozione chirurgica della prostata e delle vescicole seminali. La tecnica può essere eseguita da un intervento chirurgico convenzionale, laparoscopica o robotica. I risultati dipendono più sull'esperienza di specialista in urologia che la tecnica utilizzata, anche se laparoscopica e robotica permettono un recupero po 'più veloce. Altre alternative sono classici radioterapia esterna, cioè l'applicazione delle radiazioni sulla brachiterapia prostatica (impianto di semi radioattivi).

Il problema con la chirurgia è l'alto tasso di disfunzione erettile, soprattutto in prostatectomia radicale se i nervi dell'erezione camminare adiacente alla prostata non sono rispettati, e l'incontinenza (generalmente lievi e temporanei). La radioterapia provoca anche disfunzione erettile, anche se in misura minore; ma può avere altre complicazioni della vescica livello del retto (proctite) e (problemi della minzione, Radica cistiti), ecc

Per ridurre al minimo le complicanze e, grazie alle nuove tecniche di risonanza e la fusione la biopsia, che hanno identificato i fuochi del tumore, hanno iniziato ad utilizzare anche le terapie focali, come ad esempio la crioterapia (congelamento) , la terapia ad ultrasuoni (HIFU) o La terapia elettrica (elettroporazione).

Infine, localmente avanzato tumori o soggetti ad alto rischio, ma è anche necessario per associare un trattamento ormonale con farmaci che producono quello che viene chiamato un castrazione chimica e, di per sé, sono in grado di fermare la malattia per molti anni.

 

Si può prevenire il cancro alla prostata?

Il cancro della prostata è l'ormone dipendente , vale a dire, dipende dagli ormoni per la loro crescita. Questi ormoni sono androgeni, particolarmente testosterone e diidrotestosterone, che è il metabolita attivo. L'uso di farmaci che bloccano la conversione del testosterone in diidrotestosterone dimostrato di ridurre l'incidenza del cancro alla prostata verificarsi in circa il 25%. Lo svantaggio di questi farmaci è che possono produrre disfunzioni sessuali.

Urologia presso Madrid
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Top Doctors®

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione