TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dr. David Bayona Luna
Traumatologia

Dr. Bayona è il fondatore e Chief Medical Officer di Unitrauma e membro della Società Spagnola di Chirurgia Ortopedica e Traumatologia, membro della Società Internazionale AO Alumni. Inoltre, il dott Bayona è professore associato di pratiche di medicina del Universisdad Cattolica di Valencia.

 

 

 

 

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Sostituzione dell'anca

Il candidato per una protesi d'anca è un paziente con dolore all'anca a causa della distruzione della cartilagine articolare della stessa (che influenza significativamente la loro qualità di vita) che non risponde al trattamento conservativo medico-chirurgica e al quindi richiede una sostituzione di fianco ferito.

 

Complicazioni di una protesi dell'anca

Le principali complicazioni derivanti da una protesi dell'anca sono, primo, superficiali o profonde infezioni   che possono portare ad allentamento delle componenti protesiche, danni alle strutture vascolari e / o nervose, instabilità della protesi e, in alcuni casi, frattura del femore durante l'intervento chirurgico.

 

Posizionare la protesi

Per eseguire questa procedura regolarmente per l'anestesia epidurale viene utilizzato. La prima fase dell'operazione è di sezionare strutture morbide verso parti ossee.

Questo è seguito da tagli nel femore e macinazione o preparazione del canale midollare e preparazione dell'acetabolo. Il femore e l'acetabolo sono le aree dei rispettivi impianti protesici. Infine la fissazione di ciò che può essere cementati o viene eseguita non cementata.

A 24 ore postoperatoria iniziato mobilità passiva, per esempio, il paziente seduto in un seggiolone, e carico parziale progressiva dell'arto operato. Nel caso di protesi non cementate questo peso sarà più lenta nel non cementato.

Tra 3 e 5 giorni dopo l'intervento il paziente viene dimesso e può tornare a casa. Naturalmente, deve seguire un programma di riabilitazione specifico.

 

Raccomandazioni e suggerimenti

I pazienti con una protesi d'anca devono essere consapevoli che una protesi articolare non è naturale e quindi la vita media della protesi è strettamente legata all'uso e all'abuso che se ne fa nella vita quotidiana.

Quando protesi posto in pazienti più anziani, le cui attività quotidiane sono molto conservatore, è più facile incontrare la diligenza richiesta tale intervento.   

Tuttavia, nei casi in cui la protesi è posto in un giovane, è quando complicazioni possono apparire e, di conseguenza, più seriamente devono essere prese precauzioni. Dovrebbe camminare può salire le scale, fare moto e nuotare, ma sempre con moderazione.

Al contrario, non dovrebbero praticare sport che comportano un impatto sul fianco (salto, corsa etc.) o manipolare pesi, in quanto ciò riduce la durata.

Si consiglia di seduta sul seggioloni, senza movimenti estremi eseguiti con l'anca operata (torsione), per evitare lussazioni.

 

 

 

Traumatologia presso Valencia
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Top Doctors®

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione