Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. David Bayona Luna
Traumatologia

Egli è il fondatore e Chief Medical Officer Unitrauma. Egli è un membro a pieno titolo della Società Spagnola di Chirurgia Ortopedica e Traumatologia, membro della Società Internazionale AO Alumni. Professore Associato di pratiche di medicina del Universisdad Cattolica di Valencia

 

 

 

 

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Sostituzione dell'anca

Il candidato per una protesi d'anca è un paziente con dolore all'anca a causa della distruzione della cartilagine articolare della stessa (che influenza significativamente la loro qualità di vita) che non risponde al trattamento conservativo medico-chirurgica e al quindi richiede una sostituzione di fianco ferito.

 

Complicazioni di una protesi dell'anca

Le principali complicazioni derivanti da una protesi dell'anca sono, primo, superficiali o profonde infezioni   che possono portare ad allentamento delle componenti protesiche, danni alle strutture vascolari e / o nervose, instabilità della protesi e, in alcuni casi, frattura del femore durante l'intervento chirurgico.

 

Posizionare la protesi

Per eseguire questa procedura regolarmente per l'anestesia epidurale viene utilizzato. La prima fase dell'operazione è di sezionare strutture morbide verso parti ossee.

Questo è seguito da tagli nel femore e macinazione o preparazione del canale midollare e preparazione dell'acetabolo. Il femore e l'acetabolo sono le aree dei rispettivi impianti protesici. Infine la fissazione di ciò che può essere cementati o viene eseguita non cementata.

A 24 ore postoperatoria iniziato mobilità passiva, per esempio, il paziente seduto in un seggiolone, e carico parziale progressiva dell'arto operato. Nel caso di protesi non cementate questo peso sarà più lenta nel non cementato.

Tra 3 e 5 giorni dopo l'intervento il paziente viene dimesso e può tornare a casa. Naturalmente, deve seguire un programma di riabilitazione specifico.

 

Raccomandazioni e suggerimenti

I pazienti con una protesi d'anca devono essere consapevoli che una protesi articolare non è naturale e quindi la vita media della protesi è strettamente legata all'uso e all'abuso che se ne fa nella vita quotidiana.

Quando protesi posto in pazienti più anziani, le cui attività quotidiane sono molto conservatore, è più facile incontrare la diligenza richiesta tale intervento.   

Tuttavia, nei casi in cui la protesi è posto in un giovane, è quando complicazioni possono apparire e, di conseguenza, più seriamente devono essere prese precauzioni. Dovrebbe camminare può salire le scale, fare moto e nuotare, ma sempre con moderazione.

Al contrario, non dovrebbero praticare sport che comportano un impatto sul fianco (salto, corsa etc.) o manipolare pesi, in quanto ciò riduce la durata.

Si consiglia di seduta sul seggioloni, senza movimenti estremi eseguiti con l'anca operata (torsione), per evitare lussazioni.

 

 

 

Traumatologia a Valencia
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione