Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Pablo Casariego de Córdoba
Neurologia

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

I rischi di benzodiazepine e il morbo di Alzheimer

Un recente studio pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica British Medical Journal (BMJ), collega l'uso di benzodiazepine (BDZ) con Alzheimer Neurologia.

 

Alzheimer Si tratta di uno studio a Quebec City, Canada. Tale ricerca è chiamato caso-controllo, vale a dire, due gruppi di persone con più di 66 sono confrontati. In questo caso, 1.796 persone affette da Alzheimer analizzati rispetto a 7.184 casi di controllo (persone senza demenza) e come sono stati esposti a benzodiazepine. Questo tipo di farmaco aiuta il sistema nervoso centrale che fornisce effetti sedativi, ipnotici e ansiolitici.

 

Studio del trattamento di Alzheimer

Lo studio è stato condotto in pazienti da dieci a cinque anni prima della diagnosi del morbo di Alzheimer, considerando le dosi di BDZ e perché stabilito: ansia, depressione o insonnia. In seguito all'inchiesta, i risultati sono stati davvero preoccupante: l'uso cronico di BDZ è legata ad un aumentato rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, a prescindere di soffrire di ansia, depressione o insonnia. Inoltre, nessuna associazione è stata trovata se meno di 91 dosi di BDZ è preso per meno di tre mesi di esposizione. Si noti che l'associazione aumenta a dosi comprese tra 91 e 180, con il tempo da tre a sei mesi, e ascendiéndola a oltre 180 gradi, più di sei mesi di funzionamento. Inoltre, l'associazione è maggiore se l'emivita (durata del farmaco nel sangue) è lunga.

 

Risultati dello studio

È importante sottolineare che i risultati di questo studio sono in linea con altri condotti precedentemente. Attualmente, non è noto quale sia il meccanismo attraverso il quale BDZ aumenta il rischio di Alzheimer. L'ipotesi è che riducono riserva cognitiva e il tempo quando il Azheimer comincia a danneggiare il cervello, non disponibile da altre reti neurali e la sostituzione del danneggiato.

Pertanto, anche se il BDZ sono alcune linee guida efficaci e chiare le droghe, persone con più di 66 non dovrebbe prendere BDZ più di tre mesi, perché se non cresce, tra il 43 e il 51%, il rischio di Alzheimer. Se si consumano BDZ (tranquillanti) cronicamente, nel nostro centro abbiamo la dotazione strumentale umano adeguate e di alternative e cerchiamo di permettere di eliminare o ridurre il loro consumo.

Neurologia a Madrid
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione