Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. José Manuel Trinidad Martín-Arroyo
Unità del dolore

Dr. Trinidad Martin-Arroyo è uno specialista in tecniche di gestione del dolore. Attualmente è Coordinatore dell'Unità Dolore dell'Ospedale Universitario Puerta del Mar di Cadice e direttore del + T Pain UD a Jerez Ospedale Puerta del Sur e l'Ospedale San Rafael. Si è laureato in medicina presso l'Università di Cadice e Specialista in Anestesia, Rianimazione e terapia del dolore. Attualmente, unisce l'attività medica con il ricercatore e insegnante. Professore Associato dell'Università di Cadice, coordina anche diverse strategie corsi di formazione per il trattamento del dolore. Come ricercatore, ha partecipato a più di 10 studi clinici internazionali di farmaci nel dolore. Ha inoltre partecipato a numerose presentazioni e pubblicazioni ed è stata premiata per le sue comunicazioni. Allo stesso modo, il Dr. Trinidad ha raggiunto la massima certificazione nella gestione del dolore, ha raggiunto di recente a Budapest Fellow di intervento Pain Practice, assegnato dal World Institute of Pain (International Institute of Pain).

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Nevralgia del trigemino, una delle più dolore intenso

Il nervo trigemino è il quinto dei dodici nervi cranici, così chiamato anche nervo cranico V. E 'diviso in tre rami:

  • - Oftalmica (V1)
  • - Mascellare (V2)
  • - Mandibolare (V3)

ramo oftalmico e mascellare avere componente sensoriale, mentre il mandibolare dispone anche di una funzione motoria (innervano il muscolo massetere). I tre rami hanno una comune origine Gasser ganglio, situato alla base del cranio.

Quando il nervo trigemino soffre di un disturbo, si verifica quello che viene chiamato nevralgia del trigemino, che colpisce soprattutto le persone tra i 60 ei 70 anni, soprattutto le donne, anche se può verificarsi anche nelle persone più giovani.

 

I sintomi della nevralgia del trigemino

Questa condizione si presenta come un dolore facciale molto acuto che dura un paio di secondi o un paio di minuti, in alcuni casi. Infatti, nel mondo di Pain unità , è considerato uno dei colori più intensi, in aggiunta a influenzare notevolmente la vita quotidiana di coloro che soffrono fallimento , causando alti gradi di invalidità.

Tipicamente, il dolore nella parte destra del viso e in alcuni casi innescato da attrito o da azioni come la deglutizione, parlando o la rasatura. I rami di solito interessate sono il 2 ° e 3 °.

Dal momento che questo sintomo può anche significare un tumore o vascolare patologia intracranica, o la sclerosi multipla, di solito è necessario una risonanza magnetica di disfarsi.

Il trattamento della nevralgia del trigemino

Una volta diagnosticata la malattia, la prima opzione è la terapia farmaco antiepilettico, antidepressivi o neuromodulatori e anche oppioidi. Il farmaco di prima linea è carbamazepina o oxcarbazepina. Tuttavia, questo trattamento è inefficace in alcuni pazienti, quindi dobbiamo ricorrere ad approccio interventista.

In questo campo, termocoagulazione convenzionale radiofrequenza di Gasser ganglio è il trattamento che di solito è raccomandata. E 'di accesso al nodo dal foro ovale (alla base del cranio) per via percutanea, sempre in sala operatoria e il monitoraggio completo.

Il paziente viene posto a faccia in su, sotto leggera sedazione e anestesia locale, e un ago di 2 cm della commissura orale è inserito. Sempre sotto guida fluoroscopica, l'ago tunnel-visione verso il foro ovale è collocato, controllando la profondità con vista laterale.

Una volta che il forame ovale è una stimolazione motoria e sensoriale è fatto per sapere dove posizionare definitivamente la punta dell'ago. Dopo aver ottenuto l'area nel ganglio di Gasser, il paziente è anestetizzato ed è compreso tra due e quattro danno termico sulle fibre nervose.

Dopo l'intervento chirurgico, il paziente si sveglia e viene inserito sotto osservazione per controllare che complicazioni a breve termine. Anche se la tecnica è sicura, si può sempre qualche rischio, tra i quali:

  • - Sanguinamento dalla puntura dell'arteria carotidea (0,2-2% di probabilità)
  • - La debolezza del muscolo massetere (10-24% di probabilità)
  • - Parestesie (5-26% di probabilità)
  • - Anestesia dolorosa (0,3-4% di probabilità)
  • - Paralisi dei nervi cranici (da 0,2 a 6,5% di probabilità)
  • - Paralisi oculare (0,5% di probabilità)

Altre complicazioni che possono avere sono la formazione di ematomi retrobulbare, ematoma facciale, cheratite, riflesso corneale alterata, problemi di udito o vasomotoria rinorrea.

Inoltre, il tasso è superiore immediato miglioramento del 95% e il sollievo del dolore totale si compie in circa 80% dei casi, anche in alcuni casi per rimuovere completamente il farmaco. Sebbene il 25% dei casi può ripresentarsi dolore, il paziente può ripetere il trattamento.

Unità del dolore a Cádiz
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione