monitoraggio intraoperatorio: quello interventi chirurgici vengono utilizzati e quali parametri possono controllare

Autore: Dra. Teresa Lluch Sebastián
Pubblicato: | Aggiornato: 24/02/2020
Editor: Patricia Pujante Crespo

Intraoperatorio monitoraggio neurofisiologico (MNIO) è una sottospecialità della specialità di Neurofisiologia Clinica dedicata a valutare continuamente l'integrità delle strutture neurologiche del paziente in anestesia durante l'intervento chirurgico, avviso se vi è prova del danno per cercare di correggere il fattore causale e, se non possono prevenire danni, documento quando è successo. Nel complesso, ha ridotto la morbilità post-operatoria in quello che si riferisce al deficit neurologico e consentono l'esecuzione di interventi chirurgici più aggressivi che altrimenti non verrebbero fatte dal rischio. D'altro canto, permette la posizione delle strutture neurologici utilizzando tecniche di mappatura.

I progressi nelle tecniche di monitoraggio sono stati parallelamente allo sviluppo di altre tecniche per valutare il sistema nervoso e sono state applicate alle peculiarità che richiede un intervento chirurgico. Così, il monitoraggio della chirurgia spinale viene eseguito anni solo tecniche potenziale somatosensoriale valutano solo percorsi sensoriali e, come sono stati sviluppati studi di stimolazione magnetica transcranica inizialmente e successivamente transcranica stimolazione elettrica, potrebbe anche monitorare vie motorie, il cui coinvolgimento può avvenire in modo indipendente e non associati a quanto sopra. Le nuove tecnologie, come l'applicazione di treni stimoli rispetto singolo stimolo o sviluppo di monitoraggio neurologico più variabili multimodali monitorate consentire simultaneamente monitoraggio continuo dell'integrità del sistema nervoso.

Nonostante i progressi rappresentata in sicurezza chirurgica, queste tecniche non sono senza complicazioni, anche se non frequenti. Può produrre morsi della lingua o, quel che è peggio, la stessa intubazione tubo endotracheale, danni nel campo chirurgico a causa di stimolazione indotta, convulsioni, ustioni in luoghi in cui gli elettrodi o disturbi cardiovascolari movimento .

Tuttavia, la complicanza più importante non è quello di rilevare i danni a causa di non riconoscere tutte le circostanze che possono influenzare o non possono avere adeguatamente monitorato le variabili appropriate. Pertanto, come in tutto, queste tecniche si basano sulle competenze della persona che effettua e una buona interazione dei professionisti coinvolti nell'atto chirurgico.

 

Le tecniche utilizzate nel monitoraggio neurofisiologico intraoperatorio e quali interventi chirurgici sono usati

Sebbene il fondamento di ciò che costituisce motore monitoraggio MIO e potenziale sensoriale, vi sono molte altre tecniche neurofisiologiche comunemente applicate simultaneamente e dipenderanno sulla procedura chirurgica per essere eseguita. Citiamo alcune tecniche e la loro applicazione in diversi interventi chirurgici:

- Transcranica corticale SSEP. Essi rappresentano strutture corticali e subcorticali riproducibili attività elettrica dopo stimolazione di un nervo periferico (comunemente, nervo mediano o tibiale posteriore). un finale potenziali corticali noto per la sua latenza e la polarità sono ottenuti (rispettivamente N20 e P39). Valutati modo molto sensibile, soprattutto i lacci post-riores. Sono indicati nella chirurgia a rischio di danni meccanici diretto alla sensibile ad eventuali percorsi di livello e le procedure chirurgiche vascolari che mettono in pericolo percorso irrigazione. Essi sono molto utili nel monitoraggio ischemia. Tuttavia, è possibile che, a causa di irrigazione diversi anteriore e posteriore della colonna vertebrale, deficit motori possono verificarsi senza alterazione SSEP. D'altra parte, perché hanno una molto piccola ampiezza, è necessario unire la media tecniche, quindi non è possibile rilevare danni al momento esatto in cui si verifica.

- Motore transcranica potenziali evocati. PEM sono prodotti in l' inizio depolarizzante potenziale d'azione negli assoni di cellule piramidali in risposta alla stimolazione transcranially applicata. la stimolazione elettrica transcranica è realizzato con stimoli elettrici ad alta tensione di corto via sottocutaneo elettrodi. Le risposte registrate sono disponibili presso il livello spinale mediante elettrodi epidurali consistono onde e D (diretto) e una serie di onde I (indiretto) o anche a livello muscolare. I componenti muscolari delle risposte bifasiche PEM sono registrati sul ventre muscolare. lunghi percorsi valore del motore (via cortico-spinale) a qualsiasi livello centrale. Essi sarebbero stati dati in chirurgia che mettono in pericolo la corteccia motoria, i spinali motori cavi o qualsiasi parte del percorso tra i due posti. Sono molto sensibili per la valutazione della funzione motoria ed è accoppiato con l'onda D, essenziale per predire la prognosi in chirurgia endomidollare. Tuttavia, essi sono molto sensibili alle piccole variazioni di anestesia, e gas particolare alogenati e muscolo rilassanti, facendo piccole modifiche in essa può fallire monitoraggio. Inoltre, un singolo stimolo è in grado di produrli, quindi abbiamo bisogno di un treno di stimoli, provocando un certo movimento nel paziente che possono disturbare il chirurgo.

Altre tecniche a seconda del tipo di intervento chirurgico:- sopratentoriali Ambulatori: PEM e PESS stimolazione corticale diretta. In questi casi il monitoraggio condotta esclusivamente ipsilaterale alla lesione.- Ambulatori tronco cerebrale: PEM cortico-bulbare, riflesso di lampeggio (Blink Reflex), tronco cerebrale uditivo risposta (ABR), elettromiografia (EMG).- Ambulatori colonna con strumentazione. elettromiografia libero (free-running EMG) o la stimolazione di viti (triguered-EMG). Più di recente tecniche di stimolazione viaggio peduncolo dai treni di stimoli e la registrazione dei PEM nei muscoli distali. Riflessione lampadina-cavernoso (RBC).- Ambulatori endomidollare processi espansivi. Onda D.- Chirurgia dell'epilessia, chirurgia vascolare e la valutazione profondità dell'anestesia. Elettroencefalografia (EEG).

- Ambulatori sopratentoriale individuare precise aree della corteccia eloquente, sia del motore o la lingua (mappatura corticale), solco centrale pre (fase tecnica di inversione SSEP), posizione nella profondità delle vie motorie discendenti (mappatura sottocorticale) ...- gli ambulatori dei nervi periferici. mappatura dei nervi periferici.

 

Quali condizioni sono accurate per monitorare?

In generale, qualsiasi intervento chirurgico che coinvolge possibili lesioni neurologiche secondario, se di origine centrale come periferico. Queste lesioni non sono dovuti all'azione diretta della tecnica chirurgica, ma possono anche essere secondaria a posizionamento del paziente durante l'intervento chirurgico, disturbi vascolari e / o la temperatura del flusso di sangue e il corpo midollare.

 

 

Le differenze tra un paziente sveglio e uno anestetizzati

    È importante considerare i problemi in una sala operatoria sono completamente differenti da quelli della query.

La maggior parte anestetici influenzano monitoraggio, alterando sia sensoriale e risposte evocate così la scelta dei farmaci può essere limitata, in quanto influenzano in misura maggiore o minore potenziali evocati. Il regime anestetico che si è dimostrata più efficace è la combinazione di propofol (100-150 mg / kg / min) e remifentanil (1mg / Kg / h), con l'uso di miorilassanti ad azione breve durante l'intubazione solo. Inoltre, tenere a mente che si dovrebbe evitare la somministrazione di gas alogenati (per la sua performance a livello delle sinapsi centrali) e miorilassanti al di là del tempo di intubazione (per la sua caratteristica inattivazione delle sinapsi periferiche).

Gestione intraoperatoria include il mantenimento di condizioni fisiologiche stabili che coinvolgono parametri emodinamici set, il sangue reologico costante per favorire il corretto scambio di ossigeno, garantire una ventilazione ed evitare variazioni di temperatura.

La stretta collaborazione tra l'anestesista, chirurgo e neurofisiologo garantire il successo del MNI, e le lesioni neurologiche impedirà un cambiamento di approccio chirurgico prima che si verifichino.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dra. Teresa Lluch Sebastián
Neurofisiologia clinica

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito web utilizza cookie propri e di terze parti per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle la pubblicità relativa alle sue preferenze, nonché analizzare le sue abitudini di navigazione. L'utente ha la possibilità di configurare le proprie preferenze QUI.