Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Carlos Núñez Mora
Urologia

Lui è un esperto in chirurgia laparoscopica e robotica. Accumula oltre 15 anni di esperienza dopo i centri di formazione Spagna, Stati Uniti, Paesi Bassi e Francia, tra gli altri paesi. E ' attualmente membro di Urologia della Società Spagnola di Chirurgia Oncologica e tra la loro esperienza mette in evidenza il suo tempo come responsabile della Sezione di Chirurgia Mini-Invasiva Urologia Servizio dell'Ospedale Universitario de Getafe.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

La rivoluzione della chirurgia robotica in urologia

Il robot assistita chirurgia laparoscopica, più comunemente conosciuto come la chirurgia robotica , è una evoluzione della chirurgia laparoscopica. In questo modo, il robot viene eseguita attraverso piccole incisioni cutanee tra i cinque ei dieci millimetri per questo che introdurre strumenti di visualizzazione e di funzionamento.

Il grande vantaggio di questi approcci è che possono operare con una visione amplificata, molto più alto rispetto alla chirurgia tradizionale ci permette soprattutto di organi profondi, e porta i risultati migliori nella dissezione.

In chirurgia strumenti robotici e fotocamera sono montati su un braccio robotizzato, il chirurgo opera attraverso una console. I bracci robotici garantiscono un'eccellente mobilità degli strumenti, identico a quello ottenere la mano del chirurgo. Rimuovere anche qualsiasi grado di tremore, che insieme con il sopra diventa assoluta precisione in tutti i movimenti.

In urologia, viene utilizzato robotica nelle stesse condizioni in cui usiamo laparoscopia, cioè, in chirurgia oncologica e chirurgia ricostruttiva.

In chirurgia oncologica è una grande esperienza in chirurgia pelvica, soprattutto prostatectomia radicale e cistectomia radicale meno. In questi interventi buoni tassi di guarigione sono raggiunti riducendo le sequele in chirurgia aperta, soprattutto per quanto riguarda la conservazione di incontinenza urinaria e potenza sessuale.

Sicuramente è in tecniche ricostruttive come ureteropyeloplasty o ureterale reimpianto, dove robotica ha maggiori vantaggi in quanto combina i vantaggi dell'approccio laparoscopico per la visione con facilità di movimento necessaria per questo tipo di tecniche e coinvolge un limitazione per la chirurgia laparoscopica tradizionale.

La chirurgia robotica è quindi un utile e superiore in molti aspetti alternativa chirurgica agli approcci tradizionali aperte chirurgici.

Urologia a Madrid
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione