Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. José Antonio Heras Pérez
Neurologia

Dr. Heras è uno specialista in neurologia con oltre 25 anni di esperienza professionale. Specialista di riferimento e mal di testa di emicrania cronica, il medico è anche responsabile per l'Unità di emicrania della Clinica Ospedale Virgen de la Victoria di Malaga. Nel corso della sua lunga carriera, ha partecipato come ricercatore principale in diversi studi e test clinici, conoscere gli ultimi sviluppi nel trattamento del mal di testa.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Emicrania: definizione e trattamento

Il prestigioso Dr. Heras Pérez, specialista in Neurologia, spiega poi il trattamento per l'emicrania.

Quali sono Emicrania? Che tipi sono?

Emicrania o emicrania è un mal di testa (cefalea) più frequente nella popolazione, senza dubbio il maggiore impatto, sia il paziente che soffre come sociale e lavoro.

Essa colpisce circa il 12% della popolazione, con preferenza per la femmina e l'età generalmente lavorare, portando ad un notevole impatto economico e la qualità della vita.

I tipi più comuni di emicrania sono: emicrania senza aura, aura o emicrania con e senza aura, una miscela dei due.

 

Quali sono i sintomi? Perché a volte causare la perdita della vista o vertigini?

Emicrania solito provoca dolore intenso su un lato della testa (ma non sempre) con caratteristiche di "martellamento o pesante". Esso è accompagnato da nausea, vomito, soprattutto alla luce e la sensibilità al rumore, costringendo il paziente a sdraiarsi in una stanza buia e tranquilla, attività interferenti. A volte il dolore è preceduta o accompagnata da disturbi visivi (luci, flash, macchie, riduzione dell'acuità visiva, etc.), i sentimenti di "intorpidimento" o la perdita di forza di fronte o delle estremità, vertigini e anche disturbi del linguaggio, che noto con il nome di aura emicrania. Di solito sono transitori, scomparendo in meno di 60 minuti a causa di disturbi elettrici e circolatori che interessano alcune aree del cervello, a causa di emicrania.

 

Quali sono le cause?

L'origine dell'emicrania è nel sistema nervoso a causa di una certa anormale geneticamente risposta di certi nuclei cerebrali a vari stimoli. Questi possono essere interni, quali i cambiamenti ormonali o ambientale, avviando una cascata di eventi che comportano variazioni chimiche chiamati "neurotrasmettitori", a cui sarà indurre alterazioni nei vasi sanguigni dilatati e infiammazione della parete dello stesso generando così il dolore e sintomi associati.

 

Quando si soffre, come dovremmo agire per ammorbidire o momentaneamente fermarli?

Quando si avvia il dolore dovrebbe evitare di bere alcolici, stress e lo sforzo fisico o intellettuale. E 'conveniente per rilassarsi in un luogo buio e silenzioso, prendere un antinfiammatorio o un triptani presto (se possibile, nella prima ora di insorgenza) e cercare di dormire. Sonno ha un effetto benefico sulla emicrania.

 

C'è una soluzione? Quali sono i trattamenti?

Non possiamo agire sulla predisposizione genetica della persona che soffre di emicrania, ma in ogni caso in grado di prevenire e trattare il dolore, se appare, in modo da ottenere in modo appropriato.

Ci trattamenti preventivi che tentano di ridurre la frequenza e l'intensità della crisi, quando sono frequenti o grave e prolungata. I farmaci più comunemente usati sono chiamati beta-bloccanti (propranololo, nadololo), calcio-antagonisti (flunarizina), neuromodulatori (topiramato, valproato di sodio) e alcuni antidepressivi (amitriptilina).

Una menzione speciale dovrebbe essere chiamato emicrania cronica, in cui si verifica il dolore almeno 15 giorni al mese per più di 3 mesi. Molti pazienti soffrono ogni giorno e rappresenta un serio problema per il malato, sia che soffrono di dolore e perdita di giorni di lavoro o la qualità della vita e del tempo libero. In questi casi, è indicato e cervicale infiltrazione muscoli pericranici di tossina botulinica A (Botox).

In crisi le droghe per realizzare alleviare o eliminare il dolore vengono utilizzati quando si inizia. È importante utilizzare il farmaco appropriata a seconda dell'intensità del dolore, prendere una fase iniziale e le dosi efficaci. I farmaci più comunemente usati per il dolore moderato sono farmaci non steroidei antinfiammatori (FANS), i più utili ibuprofene, naprossene o diclofenac Dexketoprofene, tra gli altri. In caso di forte dolore, i farmaci raccomandati sono chiamati triptani, più selettivo ed efficace rispetto alle precedenti. Quando il dolore è accompagnato da vomito, è opportuno fornire farmaci attraverso inalatori o iniettabili per garantire l'assorbimento.

Dobbiamo sottolineare l'importanza di limitare l'uso di analgesici, anti-infiammatori e chiamati triptani evitare analgesico cefalea da uso eccessivo, perché il consumo eccessivo porta allo sviluppo di dolore cronico e la risposta più poveri al trattamento preventivo. In generale non si dovrebbe usare analgesici, antinfiammatori e triptani, più di 8-10 giorni al mese.

Neurologia a Málaga
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione