cardiopatia ischemica rimane la principale causa di morte

Autore: Dr.Prof. Francisco José Rodríguez Rodrigo
Pubblicato:
Editor: Anna Raventós Rodríguez

cardiopatia ischemica è una condizione del cuore causata da insufficiente apporto di sangue al muscolo cardiaco (miocardio), privando l'ossigeno e sostanze nutritive necessarie per il corretto funzionamento.

 

Cause di cardiopatia ischemica

Cause di cardiopatia ischemica sono molteplici , ma il più comune è la riduzione del diametro delle arterie che portano il sangue al il cuore (arterie coronarie), che causa una diminuzione nel flusso di flusso di sangue.

 

Nei paesi sviluppati la riduzione delle dimensioni arteriosa è generalmente dovuto alla formazione di depositi grassi patologici (ateromi) nella parete interna dell'arteria. Sono costituiti da grassi (LDL o colesterolo "cattivo"), che comprende le cellule infiammatorie e la coagulazione del sangue

 

Nel corso del tempo, l'arteria diventa un condotto rigido duro (arteriosclerosi) con diversi gradi di ristrettezza di luce che limita la portata o annullata se è completamente chiusa, causando la morte cellulare del tessuto (necrosi, infarto) con conseguenze cliniche molto gravi, sia per la qualità della vita per la sopravvivenza.

cardiopatia

Fattori di rischio per la cardiopatia ischemica

Capofila di questo processo includono l'età, fattori genetici ed esposizione prolungata al cd chiamati fattori di rischio cardiovascolare, tra i quali sono inadeguate abitudini igienico-alimentari (obesità, vita sedentaria), il consumo di tabacco, elevazione patologico la pressione sanguigna e il contenuto di grassi nel sangue (dislipidemia) o glucosio (diabete).

 

L'emergere di malattie cardiovascolari nei membri della stessa famiglia a un giovane età orientata verso una suscettibilità genetica - a volte si manifesta come una marcata elevazione del colesterolo nel sangue (ipercolesterolemia familiare) - che richiede misure estreme per prevenire e fattori di controllo rischio per migliorare l'aspettativa di vita.

 

cardiopatia ischemica, epidemia S. XXI

Può essere considerato un'epidemia del nostro secolo e rimane, rispettivamente, la principale causa di morte, che è più spesso espresso in uomo come infarto del miocardio e le donne come infarto cerebrale (ictus) per un maggiore coinvolgimento delle arterie coronarie o cerebrali. Dopo la menopausa, il rischio di malattie cardiovascolari aumenta significativamente eguagliando il maschile.

 

Le manifestazioni cliniche della malattia cardiovascolare sono molteplici e vanno dalla comparsa di dolore tipico al petto (angina), infarto del miocardio, insufficienza cardiaca o disturbi elettrici del cuore, che può causare morte improvvisa come primo sintomo della malattia.

 

E 'essenziale per promuovere un farmaco basato sulla prevenzione piuttosto che il trattamento, attraverso il controllo dei fattori di rischio dal momento che la progressione dall'infanzia e la diagnosi precoce delle malattie cardiovascolari per prevenire.

 

La prevenzione della cardiopatia ischemica

Dal punto di vista della prevenzione dovrebbe essere promossa attraverso piani di formazione geriatrica attuare misure dietetiche (dieta mediterranea, con il nostro olio d'oliva, pesce azzurro, noci, verdure e legumi), esercizio fisico regolare, controllare l'obesità I bambini (restrizione dell'uso di bevande zuccherate) e la cessazione di tabacco e altre droghe ricreative.

 

La diagnosi precoce di malattie cardiovascolari dovrebbe essere fatto attraverso esami sanitari periodici, in particolare quelli più vulnerabili, come ad esempio una storia di famiglia, l'età avanzata (da 40 anni negli uomini e nelle donne dopo la menopausa ) o alto carico di fattori di rischio.

 

Oggi, per individuare la malattia cardiovascolare al primissime fasi di cardiologi sono molto sofisticate tecniche di imaging, come ad esempio a tre - ecografia tridimensionale o angiografia coronarica TC, che può mostrare la prima ateroma sulla parete delle arterie. Si può anche fare una previsione di sviluppare malattie cardiovascolari nelle persone con una storia familiare, studiando alcuni marcatori genetici. Sempre una buona storia con un adeguato esame della pressione arteriosa e pulsazioni arteriose, cercare vascolari o toni cardiaci anormali (mormorio) o differenze di pressione del sangue alle estremità, che possa orientare la diagnosi di malattia arteriosa periferica sarà essenziale.

 

Il riconoscimento generale deve essere completato con un'analisi completa in cui la determinazione del livello di lipidi (colesterolo e trigliceridi) e il glucosio è incluso e un 12 - ECG. Sono anche molto utile l'esecuzione di un'ecografia cardiaca per valutare l'anatomia e la funzione del monitoraggio ECG cuore e test di stress (stress test) per rilevare dati iniziali insufficienza coronarica e di avviare l'esercizio, senza il rischio di complicanze.

 

Sospettando cardiopatia ischemica o evidenza clinica di esso da dell'esistenza di dati oggettivi, ci sono eccellenti misure diagnostiche complementari che vi permetteranno un approccio terapeutico specifico. Iniezione nelle arterie coronarie (coronarografia) utilizzando un catetere inserito nell'arteria radiale del polso permette visualizzazione completa della circolazione coronarica. Se un'area dell'arteria bloccato può essere dilatata gonfiando un palloncino (angioplastica) successivamente impiantare una rete metallica (stent) non richiusa. In alcuni casi si dovrebbe optare per la rivascolarizzazione chirurgica, l'esecuzione di ponti aortocoronarico sopra arteriosa blocco.

 

In ogni caso, i cambiamenti nello stile di vita e il controllo dei fattori di rischio specifici con obiettivi ambiziosi di controllo nelle persone più esposte ridurrà la probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari o fermare la sua progressione se esso esiste già, evitando le sue complicanze temibili, soprattutto infarto miocardico e ictus.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr.Prof. Francisco José Rodríguez Rodrigo
Cardiologia

Il Prof. Francisco José Rodríguez Rodrigo è un rinomato specialista in Cardiologia, con comprovata formazione accademica ed esperienza ospedaliera di oltre 30 anni, in costante contatto con gli ultimi progressi tecnologici.

È a capo del servizio di cardiologia dell'ospedale HM Montepríncipe e, in combinazione con lo stesso servizio dell'ospedale HM Torrelodones. Combina il suo lavoro professionale con l'insegnamento e ha diretto il lavoro di ricerca, ha insegnato corsi di dottorato e ha organizzato incontri scientifici, tavole rotonde e forum di sensibilizzazione cardiovascolare. È membro di diverse società e associazioni.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..