Intoxicación y alergia al Anisakis: todo lo que debo saber

Autore: Dra. María Teresa Audicana Berasategui
Pubblicato: | Aggiornato: 13/11/2019
Editor: Yoel Domínguez Boan

Anisakis in quanto tale, è un parassita la cui larva adulta può essere rilevata con l' occhio nudo nella cavità addominale di molti pesci che vivono nel mare. Le sue dimensioni approssimative varia ma la sua lunghezza è compresa tra due e tre centimetri, e hanno un aspetto filiforme di un bianco-rosato. Appartiene alla famiglia dei cosiddetti vite cilindrica la cui forma adulta abita grandi mammiferi marini.

Di tutte le malattie che possono essere contratte da frutti di mare, la parassitosi principale che colpisce l'uomo occidentale sono quelli della famiglia Anisakis. Tuttavia, l'essere umano non è un ospite adatto per questo parassita, in modo che di solito non è completare il suo ciclo di vita negli esseri umani, non essendo in grado di sviluppare per raggiungere l'età adulta. Questo rende generalmente espulso o morire in periodi variabili da ore a 2 o 3 settimane.

 

Dov'è l'Anisakis?

L'Anisakis è un complesso parassita, e richiede un ciclo di vita per la riproduzione. Il parassita adulto di solito si trova nello stomaco di una varietà di mammiferi marini (foche, leoni marini ...) tra cui cetacei (balene, delfini, orche ...), vale a dire, l'ospite definitivo. Negli stomaci di questi mammiferi, la larva raggiunge l'età adulta e la maturità sessuale, in modo che le uova fecondate vengono passati al mare attraverso il tubo digerente attraverso le feci ospite. Le uova che ospitano la larva nel suo stato iniziale. Tale larve di maturare abbastanza prima parassitano altri pesci che passa attraverso altre ospite intermedio (euphausiids o minuscoli crostacei placnton). Pesci e mammiferi marini acquisiscono parassitismo nutrendosi di plancton o altri pesci in precedenza contaminate mangiano pesci e cefalopodi alloggiati Questi così il terzo stadio o L3 che sta colpendo umano e sappiamo come Anisakis.

 

Quali specie può contenere larve di Anisakis?

Ogni pesce marino è probabilità di essere infettati larve anisakid. Molti sono commerciale, come le aringhe, sardine, acciughe, eglefino, nasello, salmone, tonno, rombo e l'importanza coda di rospo, tra gli altri. La quantità di larve e la loro distribuzione nel pesce dipendenti dai loro habitat marini e le loro abitudini alimentari nei pesci che si nutrono di euphausiids (balaladilla, aringa, sgombro), le larve sono alloggiati principalmente nella cavità addominale e visceri, mentre in cui si nutrono di altri pesci sono di solito nei muscoli che circondano la cavità addominale del pesce. Alcuni stock ittici sono parassitati altamente nazionali, i campioni in particolare di nasello, una delle copie più consumati nel nostro paese. Altre specie, come sgombro gallinacei soffrono meno parassitismo, rappresentando quindi un rischio minore.

Larve di Anisakis può anche essere presente in cefalopodi, come calamari e polpi, ma non in bivalvi come le ostriche, vongole o cozze, o crostacei o di pesce di fiume.

 

Quali piatti di pesce comportano rischio di essere parassitato da anisakid?

casi Parasitación persone sono state segnalate in ogni continente e nei paesi occidentali è praticamente l'unico contaminazione del pesce da prendere in considerazione. Tuttavia, il parassitismo umana più comune tra gli esseri umani è Opistorchiasi, anche se si verifica solo nel sud-est asiatico.

In realtà, le infestazioni umane parassitizzate consumo di pesce sono associati con le abitudini alimentari tra cui mangiare pesce crudo o che non sono stati cotti a sufficienza. Le abitudini di consumo di pesce variano notevolmente a seconda della cultura culinaria di ogni territorio e le sue tradizioni.

Così, sono considerati il rischio di trasmissione di piatti anisakid sushi e sashimi giapponese, salati o aringa affumicata, gravlax nordico, lomi lomi hawaiano-, cebiche sudamericano o acciughe in aceto in modo tipico della Spagna, tra i tanti altrui. Tuttavia, questi piatti sono sicuri se a base di pesce che è stato congelato in precedenza.

tabella 1. Gli alimenti che possono contenere Anisakis. Fonte: proprio.

Che tipo di malattie possono causare avvelenamento Anisakis?

Mangiare Anisakis alimentari contaminati può essere prodotta quadri clinici, prima parassitismo del tubo digerente, e l' altro una reazione allergica i cui sintomi possono variare da orticaria allo shock anafilattico. Quando entrambe le situazioni coincidono, si parla di Anisakiasis gastroallergic. 

  • Il parassitismo o infestazione: è considerata una zoonosi (malattia umana trasmessa da animali) e viene in proposito acquisito dal mangiare pesce crudo o poco cotta o cefalopodi cotti che ospitano larve vive. 
  • Anisakiasis Gastroallergic: è definito come una tabella allergica acuta è accompagnata da sintomi digestivi gastrici, sintomi risultano di parassitismo e anticorpo risposta generata dal parassita. 
  • Anisakis allergia: è un quadro allergica acuta. Non si verifica nella popolazione generale e non richiede il pesce è crudo al momento del consumo. Di solito si verifica in soggetti adulti che non hanno mai avuto allergie ad altri alimenti. I sintomi più comuni sono la pelle, anche se ci sono anche casi di anafilassi. 
  • Altre malattie: è meno frequente. Hanno descritto rinocongiuntivite e asma occupazionale nelle pescherie e gestori di pesce sul posto di lavoro e la dermatite tra gli altri.
Sushi, sashimi giapponese, aringhe salate o affumicate, cebiche o acciughe sudamericani in aceto possono contenere Anisakis.

Quali sono i sintomi di una reazione allergica a questi parassiti?

Il più comune è una scatola allergica avviene tra la metà di un'ora e due ore dopo aver mangiato pesce. Essa si verifica più spesso in adulti tra i quaranta ei settanta anni. segni rilevabili sono i seguenti: 

  • Pelle: orticaria generalizzata con ponfi pruriginose, e, talvolta, genera un labbra gonfie o le palpebre. 
  • Nel tratto digestivo: dolore addominale, pienezza , o di pienezza, nausea, vomito e / o diarrea. 
  • Reticolo diffuso o anafilassi, con sintomi tipici di orticaria, prurito genitale e palmoplantar. Questi sintomi sono accompagnati da sintomi respiratori e gastrointestinali come vertigini, perdita di coscienza e senso di morte.

 

Quali sono i sintomi di parassitismo da Anisakis?

Una volta ingerito da esseri umani, le larve penetrano attraverso la mucosa del tratto digestivo. gastrica, intestinale, ectopica: tre forme cliniche si distinguono. 

  • forma gastrica: I sintomi compaiono meno di dodici ore dopo aver mangiato pesce contaminato. Coincide con il momento in cui la larva entra nel tratto digestivo. La persona interessata soffre di forti dolori nella parte superiore dell'addome, nausea e vomito. 
  • forma intestinale: sintomi compaiono tra le 48 e 72 ore dopo l'ingestione di pesce contaminato. Di solito sono costituiti da forti dolori addominali, vomito, nausea e modifica delle abitudini intestinali causando stipsi o diarrea. Come sintomi appendicite acuta. 
  • Extragastrointestinale o ectopica: raramente le larve sono in grado di perforare la parete gastrica o intestinale, raggiungendo la cavità addominale e la migrazione in posizioni diverse: peritoneo, polmone, pancreas, fegato ... Quando ciò si verifica, nei casi più gravi può essere necessario l'intervento chirurgico. A volte anche meno frequenti, le larve sono in grado di spostarsi verso l'alto dallo stomaco nel dell'orofaringe, con conseguente espulsione del larva con la tosse.

Per ulteriori informazioni sulla Anisakis e la possibile avvelenamento, consultare uno specialista in Allergologia .

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dra. María Teresa Audicana Berasategui
Allergologia

Dr. Audicana è uno specialista in Allergologia presso l'IMQ Amarica Medical Center è un esperto di alimentari e allergie infantili. All'interno allergie alimentari Dr. ha condotto una ricerca in allergia Anisakis. Bachelor of Science presso l'Università dei Paesi Baschi, ha lavorato sulla Resident Santiago Apostol Hospital e il Galdakaoko Hospital. E 'membro di Medicus Mundi, Società Spagnola di Allergologia e Immunologia Clinica.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..