TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dr. Joan Vidal Samsó
Medicina Fisica e Riabilitazione

Dr. Vidal Samsó è leader nella specialità di Medicina Fisica e Riabilitazione. Capo della ferita del midollo spinale Unità dell'Institut Guttmann di Barcellona, ​​e s esperto nel trattamento del dolore neuropatico e spasticità, comprese le pompe Baclofen. E 'specializzata anche nel sesso, la disfunzione erettile e tecniche di riproduzione assistita, l'adattamento fisiologico e cambiamenti metabolici nel midollo spinale danneggiato. E 'vice presidente della Società Spagnola di Paraplegia dal 2004 e rappresentante spagnolo nella Società Internazionale di Paraplegia dal 2006.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Evoluzione del trattamento delle lesioni del midollo spinale e danni cerebrali

Lesioni del midollo spinale (SCI) è uno degli eventi più catastrofici e che coprono più gravi conseguenze, non solo a livello personale, ma anche nei settori della sanità, del lavoro e dell'economia. Inoltre, in casi lamayoría accade imprevedibile, producendo una perdita di funzioni motorie e sensoriali quasi sempre solito permanente e irreversibile e causando al paziente di paralisi parziale o completa degli arti, perdita di sensibilità al di sotto del livello di lesioni, la mancanza di controllo sui sfinteri, cambiamenti nella sfera sessuale e il rischio di gravi complicazioni per la vita.

In Spagna l'incidenza di LM traumatico è di circa 20-25 nuovi casi l'anno per milione di abitanti, che rappresenta che circa ogni anno circa 1000-1500 persone soffrono di una grave lesione del midollo spinale che causerà gravi sequele neurologiche. Di tutti gli infortuni che si verificano, il 50% è dovuto a incidenti stradali e colpiscono soprattutto gli uomini, con il 80% dei casi, contro il 20% delle donne e, indipendentemente dal sesso, più della metà sono I giovani sotto i 30 anni.

In questo numero di lesioni traumatiche devono aggiungere origine 30-40% in più di un medico (mielite, tumori, infarti midollari, ecc), l'aumento del numero di SIC per una cifra vicina ai 2.000 nuovi casi ogni anno.

Gli incidenti stradali sono una delle principali cause di mortalità nel mondo occidentale, e in Spagna, al quarto posto per incidenza, dopo le malattie cardiovascolari, tumori e malattie respiratorie. Inoltre, sono la principale causa di morte tra gli uomini sotto 34 anni e tra le donne sotto i 24 anni.

 

Un po 'di storia

Per secoli si è cercato di affrontare le gravi conseguenze di lesioni del midollo spinale e di numerosi articoli scientifici hanno descritto diversi aspetti ex. Tra i documenti sono il famoso papiro di Edwin Smith, scritto 5000 anni fa da un medico egiziano, che ha descritto con dovizia di particolari, i sintomi di lesioni del midollo spinale di lussazione cervicale o frattura vertebrale, "paralisi completa di tutti e quattro arti, mancanza di sensibilità, perdita di controllo della vescica, priapismo ed eiaculazioni seminali involontari ". Anche parlare di un fenomeno di congestione congiuntivale è stato fatto, oggi è noto che la vasodilatazione è dovuta da una paralisi del controllo vasomotoria in alta dorsale e lesioni cervicali. In relazione al trattamento e la prognosi della lesione, l'autore conclude il testo con una frase significativa: "un disturbo che non possono essere trattati".

Questo atteggiamento disfattista è protratto nel corso dei secoli nella mente dei medici professionisti. I chirurghi, durante la Prima Guerra Mondiale, chiaramente descritto il tragico destino della guerra feriti con lesionesmedulares: 80% è morto durante le prime due settimane. Solo sopravvissuto lesioni incomplete. La maggior parte delle lesioni al midollo spinale che sono sopravvissuti vivevano una vita tragica, senza speranza, senza lavoro e le complicazioni conmúltiples della società.

Il trattamento delle lesioni del midollo spinale ha subito cambiamenti significativi nel corso degli ultimi 60 anni, passando da una situazione di mortalità irrimediabilmente da oltre l'80% delle persone che soffrono un trauma midollare alla situazione attuale, in cui, grazie ai progressi in ambito medico-chirurgica mortalità di questi pazienti sono stati ridotti, avvicinando i valori della popolazione generale.

Non è stato fino al 1943, quando il governo britannico ha commissionato il dottor Sir Ludwig Guttmann, un neurochirurgo tedesco ebreo, l'organizzazione del primo Spinal Cord Injury Unità presso l'Ospedale del Ministero delle pensioni Stoke Mandeville, Aylesbury, nei pressi di Londra, come Preparazione sanitario prima della seconda guerra mondiale, poiché era previsto un numero elevato di feriti.

Si è aperto il 1 ° febbraio 1944, con 26 posti letto, introducendo il concetto, valido fino ad oggi, di fornire alle persone con lesioni spinali, paraplegici e tetraplegici, la cura completa a base di un'assistenza completa, a partire dal momento della creazione di lesioni alla dimissione dall'ospedale e la reintegrazione nella comunità come persone utili alla società. L'obiettivo principale non è solo evitare la morte per complicazioni, ma anche dare loro un motivo per superare la loro disabilità. In breve, il paziente deve essere trattato esaurientemente da un team multidisciplinare di prendersi cura non solo medica, ma anche gli aspetti psicosociali essenziali per una corretta riabilitazione socio-casa.

Alla fine della guerra, l'ospedale di Stoke Mandeville e aveva 100 posti letto ed è stato l'aumento progressivo del numero di posti letto negli ospedali, ad oggi, con più di 200 posti letto per la cura interdisciplinare di persone con lesioni spinali, sia traumatica e di origine medica.

Da progressi medici e chirurgici introdotti dal Dr. Guttmann, molti altri centri monografici sviluppati, sia in Europa che in Australia e negli Stati Uniti e in altre parti del mondo.

Negli Stati Uniti, il gruppo Munro, ComArr, Bors e Talbot ha intrapreso l'organizzazione di diverse unità di un approccio globale al paziente con lesioni del midollo spinale, verso la fine degli anni '40. Donald Munro, un ex neurochirurgo al Boston City Hospital, ha fatto numerosi contributi ancora oggi valido come rizotomia per il trattamento della spasticità grave resistenti ai trattamenti tradizionali. Il Veterans Administration (Amministrazione Veteran) ha creato le prime unità per la cura delle lesioni spinali in veterani militari Ospedali. Oggi, in questo paese un modello di cure specialistiche, organizzato dal servizio di gestione dei dati UAB-SCI in Alabama, certificare, periodicamente, ospedali specializzati nella gestione e il trattamento delle persone che hanno subito c'è un paraplegia o tetraplegia.

In Europa si sono formati negli anni '60 in Germania, Austria, Belgio, Francia, Olanda, Italia e Svizzera le prime unità. Nel nostro paese, il primo ospedale in SCI è stata fondata a Barcellona il 27 novembre 1965 da Guillermo González Gilbey, un paziente tetraplegico che è stato trattato in una fase iniziale a Stoke Mandeville. Il nuovo ospedale di Barcellona è stato chiamato Institut Guttmann, in onore del dottor Guttmann, e si è trasferito in un ospedale per le malattie veneree in cattive condizioni e doveva essere ristrutturata per ospitare un centro per paraplegici indipendenti. Il suo primo direttore fu il dottor Miguel Sarrias Domingo, chirurgo ortopedico ed ex allievo di Ludwig Guttmann, e l'unità è diventata operativa con 25 posti letto, fino a 96 posti letto, building capacità massima. Successivamente, nel maggio 2002, la Neuroriabilitazione dell'Ospedale attuale Institut Guttmann è stata inaugurata in Badalona, ​​un ospedale con oltre 150 posti letto, la metà dei quali dedicato all'assistenza della SCI e l'altra metà al trattamento dei postumi di lesioni sia cerebrale traumatica traumatico.

Successivamente, altre unità lungo la geografia spagnola e un nuovo centro di Toledo, l'Ospedale Nazionale per i paraplegici, con più di 200 posti letto, aperto nel 1974 creano. E oggi, nello Stato spagnolo ci sono due centri di casi e undici unità specializzate nel trattamento di LM, integrati negli ospedali generali all'interno dei servizi di riabilitazione.

Medicina Fisica e Riabilitazione presso Barcelona
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Top Doctors®

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione