TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dra. Teresa Lluch Sebastián
Neurofisiologia clinica

Dr., Lluch è un esperto in neurofisiologia, e dirige il Laboratorio di Neuro fisiologia e Dream Murcia (LANFYSUM), un centro specializzato progettato per la diagnosi di varie malattie neuromuscolari o dormire, effettuando diverse prove con la più alta tecnologia . Dr. si è formata in diversi ospedali, per un soggiorno in Germania e partecipando anche a numerosi corsi e di ricerca, alcuni dei quali è l'autore. La sua brillante carriera lo rende un medico di prim'ordine.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Stimolazione Magnetica Transcranica per il trattamento di malattie neurologiche

stimolazione magnetica transcranica (TMS) è basato sulla induzione elettromagnetica per attivare neuroni corticali, stimolando la corteccia cerebrale. Valorizzare l'eccitabilità della corteccia saranno diagnosticati e l'applicazione terapeutica della tecnica per le malattie come la depressione, la distonia, il morbo di Parkinson, ictus o l'epilessia sono stimati.

La stimolazione magnetica transcranica: ciò che è e ciò che è

Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS) usa l'induzione elettromagnetica per attivare i neuroni corticali. Lo stimolatore è un condensatore che viene scaricata da una bobina e produce un campo magnetico. Questa applicata attraverso il cuoio capelluto, a sua volta induce un campo elettrico. Si tratta di un mezzo non invasivo per stimolare elettricamente la corteccia cerebrale e per valutare l'eccitabilità della corteccia motoria e il metodo tratto corticospinale.

Esso può essere applicato da impulsi singoli o treni di stimoli a frequenze variabili. Gli unici stimoli possono depolarizzare neuroni e produrre effetti misurabili. I treni di stimoli possono alterare l'eccitabilità corticale della zona stimolata e le relative aree remote attraverso connessioni funzionali e anatomiche stanno studiando la sua applicazione terapeutica.

Barkers progettati ed altri nel 1985 uno stimolatore elettromagnetico che stimolano raggiunto, in primo luogo, la corteccia motoria attraverso il cuoio capelluto.

Questa tecnica di stimolazione, a differenza elettrico, è indolore e non invasivo. 

Utilità di stimolazione magnetica transcranica e malattie trattamento

Ci sono due campi fondamentali di applicazione della stimolazione magnetica transcranica: diagnostiche e terapeutiche. Dal punto di vista della sua utilità diagnostica sei interessato a:

a) Valutazione del midollo spinale tempo di conduzione. È il tempo di guida dalla corteccia motoria di motoneuroni spinali alfa. È la differenza tra il tempo di guida dalla corteccia al muscolo e del motore periferico tempo di guida. La sua domanda di base è utilizzato nella diagnosi della malattia del disco secondaria a mielopatia, stenosi o scoliosi, tra l'altro. Può anche essere modificata in altre malattie, come la sclerosi laterale amiotrofica o la sclerosi multipla.

b) Valutazione della eccitabilità della corteccia motoria, determinando il periodo soglia motoria e il silenzio, che può essere modificato in alcune malattie che colpiscono il sistema nervoso centrale.

c) stimolazione magnetica transcranica e neurochirurgia. TMS può essere utilizzato per la valutazione preoperatoria delle aree specifiche del cervello.

I risultati di studi con EMT possono aiutare a individuare il livello di lesione lungo i diversi livelli del sistema motorio, distinguendo tra una lesione prevalentemente demielinizzante o assonale, o prevedere il motore risultato funzionale dopo l'infortunio. Le anomalie indicate dalla EMT non sono specifici di una malattia ed i risultati devono essere interpretati nel contesto con altri dati clinici.

Dal punto di vista delle applicazioni terapeutiche, gli stimoli treno applicazione di rTMS ha particolare interesse nel trattamento della depressione. Si applica un EMT treno di impulsi della stessa intensità in una particolare area del cervello e una frequenza che può variare da uno a 20 stimoli al secondo. Altre indicazioni possibili sono distonia, il morbo di Parkinson, il recupero dopo un ictus (stroke) e anche nel trattamento di epilessia refrattaria.

 

preparazione anticipata per Stimolazione Magnetica Transcranica

In linea di principio è un'esplorazione innocuo e non richiede alcuna preparazione tranne i soliti esami neurofisiologici, come la pulizia e l'assenza di creme nelle aree stimolo e registrazione. È conveniente, tuttavia, la spiegazione precedente dall'esperto in neurofisiologia clinica , per ridurre l'ansia iniziale del paziente, e anche cercare di intensità inferiori.

 

Possibili rischi di stimolazione magnetica transcranica per il paziente 's cervello e controindicazioni

Gli effetti avversi a seguito di un singolo impulso TMS sulla corteccia motoria sono molto strano. L'effetto potenzialmente negativo che ha causato più preoccupazione è stata finora l'epilessia, anche se il rischio è remoto.

Tuttavia, sì, ci sono controindicazioni al trattamento con EMT. In questo senso, sono controindicazioni assolute:

- Materiale metallico intracerebrale (clip per aneurisma)- pacemaker- Dovrebbe essere interrogato su qualsiasi dispositivo biomedicale impiantato- Attenzione con impianti cocleari

Essi sono controindicazioni relative:

- Ampie LCA (ictus)- TBI (trauma cranico)- La storia della neurochirurgia- Storia familiare di epilessia- La privazione del sonno- Gravidanza (in questo caso la stimolazione magnetica non influisce livello corticale, ma evitare lombare.

 

Gli effetti collaterali o sensazioni dopo il trattamento con EMT

L'effetto collaterale più comune è il mal di testa dovuto principalmente alla stimolazione muscolare ripetuta. Di solito si inizia 20-30 minuti dopo il trattamento con stimolazione magnetica transcranica e rispondono bene a antidolorifici usuali. Infine, vi è qualche rischio di perdita di udito temporanea e tinnito secondario, che vengono spesso utilizzati tappi o cuffie.

 

A cura di Patricia Crespo Pujante

Neurofisiologia clinica presso Murcia
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Patricia Pujante Crespo

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione