Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dra. Anna Presas Porcell
Angiologia e Chirurgia vascolare

Dr. Dams Porcell è uno specialista in Angiologia e Vascolare laurea Chirurgia presso l'Università di Navarra. In actualida, d appartiene al servizio all'ospedale Josep Trueta e attività privata esercitata in Bofill Clinic. Insegna come professore associato presso l'Università di Girona dal 2011.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Piede diabetico colpisce i pazienti con malattia arteriosa periferica

Il piede diabetico è una complicanza del diabete mellito colpisce i pazienti con neuropatia periferica o arteriopatia periferica (PAD). L'EAP è presente in più del 50% dei pazienti con malattia ulcerosa e colpisce arterie distali.

piede diabetico

Il piede diabetico è una complicanza cronica del diabete mellito, che colpisce i pazienti con neuropatia periferica e / o arteriopatia periferica (PAD). piede diabetico deve essere considerato come un'entità con molteplici manifestazioni, tra cui l'ischemia, la neuropatia, problemi biomeccanici, l'infezione, la guarigione dei tessuti, tra l'altro. Pertanto l'assistenza sanitaria della stessa deve essere effettuata da un team multidisciplinare.

malattia arteriosa periferica è presente in oltre il 50% dei pazienti diabetici con ulcera. Colpisce, in particolare, alle arterie distali e simmetricamente e rapidamente progressive. Tuttavia, molti pazienti diabetici non avvertono i primi sintomi della malattia arteriosa periferica e quando debutta già si verifica come un tessuto dolente o necrotico. Così, la malattia arteriosa periferica deve essere sospettata e valutata in tutti i pazienti con ulcere distali, perché vasculopatia è un fattore di rischio per l'amputazione, e l'obiettivo in Chirurgia Vascolare è proprio per evitare di.

La classificazione di Amstrong è usato per correlare il grado di profondità dell'ulcera e influenzato tessuti con la fase della ferita (presenza di infezione, ischemia o entrambi), mostrando aumentato rischio di amputazione profonda è l'ulcera , e infezione e ischemia. Diversi recensioni concludono che questa classificazione è associata ad un aumento previsione di guarigione e il rischio di amputazione di lesioni del piede diabetico.

Il problema è tale che già nel 1989 diverse agenzie europee e l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha sviluppato la Dichiarazione di San Vincenzo per cercare di ridurre il tasso di amputazioni degli arti inferiori. Nei rapporti pubblicati hanno presentato la prova che l'attuazione di programmi di formazione, in particolare le unità multidisciplinari per la cura del piede diabetico può ridurre il tasso di amputazione. Nel nostro paese, strada- Pascual pubblica una riduzione minore di amputazioni primarie e anziani 57-81% negli uomini e dal 28 al 57% nelle donne tra il 1989 e il 1999, dopo il lancio di un programma per la cura del piede diabetico nel 1994.

Angiologia e Chirurgia vascolare a Girona
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione