Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Manuel Martínez Sarmiento
Urologia

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Valencia, il dottor Manuel Martinez Sarmiento è un medico specializzato in urologia. Attualmente lavora come urologo presso l'Ospedale di Valencia Casa Salute e membro del gruppo di uro-oncologia e laparoscopia Hospital dell'Università e del Politecnico La Fe di Valencia.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Il dibattito sul PSA continua: Vantaggi e svantaggi

La raccomandazione per PSA (antigene prostatico specifico) a tutti gli uomini sopra i 50 anni per lo screening o la diagnosi precoce del cancro alla prostata è sempre più in discussione. Tale indicatore, utilizzato da oltre 20 anni nella pratica clinica, è diventata una routine di analisi i medici di famiglia e le query urologi. Tuttavia, nonostante la sua generalizzazione, la recente comparsa di numerose pubblicazioni, la più recente del gruppo di lavoro degli Stati Uniti Preventive Services Task Force (USPSTF), riapre il dibattito sul suo uso.

Perché non fare o la diagnosi precoce del cancro alla prostata?

Ci sono un certo numero di motivi per la diagnosi precoce. Senza dubbio, il più significativo è che il cancro alla prostata è il tumore più comune nell'uomo, e che il trattamento precoce aumenta la sopravvivenza del tumore. Come nota, il 9% degli uomini oltre i 50 soffrono di cancro alla prostata (PAC), ma solo il 3% muore di conseguenza. Per consentire la diagnosi precoce di eseguire DRE e PSA particolarmente raccomandata. Prima dell'era PSA, solo il 30% dei tumori sono stati diagnosticati in una fase precoce, tumori cioè sono stati localizzati e potenzialmente curabile. Dopo l'introduzione del PSA queste percentuali sono cambiate drammaticamente, e ora la maggior parte dei tumori sono diagnosticati quando si trovano.

Lo svantaggio è che molti pazienti sottoposti a biopsie prostatiche inutili senza nemmeno un tumore, e quelli che lo fanno, il 50% ha rilevanza clinica, cioè sono overdiagnosed e trattamento eccessivo. Ciò significa che la probabilità di effetti collaterali del trattamento, in particolare a due; impotenza e incontinenza, una percentuale considerevole di pazienti con un tumore con una buona prognosi che non moriranno vengano trattati o meno. Pertanto, i principali svantaggi sono che PSA non è marcatore specifico per il cancro alla prostata, e non differenziare i tumori sono aggressivi, che possono mettere in pericolo la vita del paziente, di cui non sono.

Calante quantificazione della mortalità PSA PAC?

Nonostante l'uso diffuso di PSA e innumerevoli pubblicazioni nella letteratura scientifica, non abbiamo prove dirette di accreditare la diagnosi precoce del cancro alla prostata. Per questo sono stati gli studi necessari a lungo termine (oltre un decennio di follow-up) con un gran numero di pazienti in cui il cancro alla prostata mortalità nei pazienti che sono stati sottoposti a screening e la diagnosi precoce rispetto ai pazienti non essere confrontato (gruppo controllo). Nel 2009 due studi, uno americano (PLCO) con circa 80.000 pazienti e quello europeo (ERSPC) copre più di 150.000, che ha cercato di rispondere a questa domanda sono stati pubblicati. Tuttavia, i risultati non sono sicuramente chiarito la situazione.

Così, lo studio americano ha trovato alcuna differenza nella sopravvivenza tra i due gruppi, anche se, come critico, il 40% dei pazienti del gruppo di controllo ha subito qualche determinazioni del PSA, quindi questo "inquinamento polarizzazione" dubbi l'autenticità dei risultati. Lo studio europeo, con più pazienti, non indica, 9 anni di follow-up, una diminuzione del rischio di morte per CaP 20%. Tuttavia, per prevenire la morte da PCa, ci sono voluti 1.410 uomini per testare e diagnosticare e trattare 48. Un esempio è quello di evitare una morte è essenziale per il cancro al seno, 1.000 donne per testare e diagnosticare e trattare 10. Con oltre anni di monitoraggio, i risultati recentemente pubblicati sono migliori, soprattutto in un gruppo di pazienti svedesi, che supporta ulteriormente il ragionamento di quelli a favore della diagnosi precoce.

Perché continuare a utilizzare il PSA?

Nonostante i dubbi, il PSA rimane esiste la prova più efficace per rilevare il cancro alla prostata e per il monitoraggio quando già diagnosticata. La chiave è il loro uso razionale, come ea chi da applicare, e su una corretta interpretazione dei suoi valori. La sua prevalenza è portato costantemente a tutti gli uomini che frequentano una query è determinato, con la loro età senza especificarles i pericoli e benefici di tale analisi. L'ideale è quello di spiegare al paziente gli obiettivi di quantificazione, con i suoi pro e contro e, se determinato, di razionalizzare il loro impiego. Così, per esempio, non dovrebbe essere fatta o dovrebbe essere lasciato per determinare negli uomini più di 70 o 75 anni o comunque in pazienti con una aspettativa di vita meno di 10 anni, dal momento che in questi casi i vantaggi rilevare un tumore sono pochi.

Né è necessario, in molti casi, per quantificare ogni anno, come nei pazienti che hanno valori più bassi si rischio di sviluppare un tumore è praticamente nullo. Pertanto, in attesa di un indicatore migliore o appare di prova, il PSA continuerà ad essere utilizzato, la chiave è di farlo bene.

Urologia a Valencia
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione