Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Teresa Roig Rovira
Psicologia

Teresa Roig ha un dottorato di ricerca in Psicologia, specialista in Psicologia Clinica e neuropsicologo con una formazione completa in entrambi accademico e professionale valutazione neuropsicologica e Riabilitazione, tele Cognitive in Acquired Brain Injury (ictus, tumori, lesioni alla testa, sclerosi multipla, ecc.); Attualmente è responsabile della Riabilitazione NeuroPsicoSocial dell'Institut Guttmann.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Danni cerebrali, una malattia con più vittime

I parenti di persone con danni cerebrali sono direttamente colpite da questa malattia, con grande impatto sulla famiglia. Nessuna famiglia è preparato per una lesione cerebrale, e le reazioni più frequenti che vanno da shock, panico, la negazione, la speranza e la realtà, per l'accettazione e la regolazione relativa. Tutte le malattie di danno cerebrale causato una crisi in famiglia, con un cambio di ruoli e modificato gli obiettivi del gruppo.

In un sistema famiglia colpita da questa malattia, possiamo trovare la figura del caregiver primario, che con la loro cura e del lavoro, permette al paziente di continuare a vivere in famiglia. A causa di sacrifici e rinunce, in molti casi il loro lavoro, il tempo libero o la vita sociale, familiare e più in particolare, il caregiver primario, deve essere aiutato e assistito.

Assistenza familiare

Coloro che hanno a cuore la persona con lesioni cerebrali sentono di essere sempre a disposizione, e la sua vita si trasforma in un ottovolante di emozioni. Queste famiglie devono ricevere informazioni, formazione e sostegno per come e quando agire prima che una situazione avversa. In questa assistenza sono considerate forme di assistenza come la formazione, il coinvolgimento, la consulenza e la terapia familiare, attraverso una serie di linee guida per fare il meglio per il paziente in ogni momento.

Programmi di supporto

Lo scopo di questi programmi è quello di fornire alle famiglie la comprensione delle conseguenze e dei cambiamenti che possono generare danni cerebrali. Si compone di quattro fasi.

Il primo di essi, luogo di incontro, uno spazio di briefing interattivo. Ecco i vari aspetti legati alla disabilità sono discussi. Nel laboratorio di rilassamento, invece, si insegna a rilassarsi e ridurre lo stress emotivo e fisico che coinvolge la situazione. Infine, nel gruppo psicoeducativo aspetti educativi e terapeutici sono combinati, mentre i gruppi sensibilizzati informazione ed educazione sulle conseguenze di danno cerebrale. Il tutto con l'obiettivo di migliorare la qualità della vita del interessata e famiglia della persona.

Psicologia a Barcelona
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione