TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dr. Jordi Sasot Llevadot
Psichiatria infantile e Adolescenti

Si tratta di una eminenza in psichiatria e pediatria, attualmente dirige l'Unità paidopsychiatry del Teknon Medical Center e l'ex presidente della Società catalana di Psichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza. Inoltre, egli unisce il suo concerto con la carica di professore di Laurea Psichiatria Infantile e dell'Adolescenza presso l'Università Autonoma di Barcellona.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Qual è il trattamento farmacologico dei vari sottotipi di ADHD?

Psicofarmaci sono il cardine del trattamento di ADHD, un disturbo che colpisce circa il 5% dei bambini e degli adolescenti e sintomi persistono in una percentuale elevata in età adulta.

Il trattamento psicofarmacologico di ADHD ha avuto inizio nel 1937, quando Bradley ha osservato che un derivato dell'anfetamina, benzedrina, migliorato iperattività in un gruppo di bambini con disturbi comportamentali.

Da allora, la ricerca di psicostimolanti ha continuato ad avanzare, è attualmente gruppo psychopharmacological di scelta nel trattamento di ADHD.

 

Psicostimolanti

Gli psicostimolanti sono farmaci psicoattivi che migliorano la cura, ridurre l'iperattività e aumentare il controllo degli impulsi. Il metilfenidato più utilizzato è, psicostimolanti farmacocinetica dipende dalla presentazione.

Il metilfenidato ad azione rapida assorbita in trenta minuti, che possono già essere mostrando effetti clinici, la concentrazione massima è raggiunta entro due ore e ha un effetto terapeutico di 3-4 ore, in alcuni casi, cinque ore (nei bambini o negli adolescenti rallentare) metabolizzatori.

Il metilfenidato ad azione prolungata permette una singola dose assunte al mattino concentrazioni plasmatiche rimangono stabili, avente una durata terapeutico secondo la presentazione del paziente e. Ci sono tre tipi di presentazione, metilfenidato a rilascio prolungato tecnologia osmotica (oro) e metilfenidato a rilascio prolungato (50/50 e 30/70). Presentazione osmotica metilfenidato ha una vita stabile e lunga, fino a 12 ore e gli altri 6/7 e 8/9 ore, rispettivamente.

Il metilfenidato è uno stimolante efficace e sicuro. Ora ci sono centinaia di studi in doppio cieco controllati verso placebo e efficace il 70-80% dei bambini e adolescenti con ADHD. Si noti che in bambini sotto i sei anni di risposta clinica può essere irregolare, con minore efficacia e effetti collaterali importanti.

Per iniziare il trattamento è essenziale per avere praticato una diagnosi medica precisa, basata non solo su valutazioni indirette di opinion questionari per genitori e insegnanti.

Iniziato e il trattamento, si deve fare una verifica adeguata, controllo del peso, l'altezza, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca. Nessun esame del sangue è obbligatoria, ma si consiglia di terminare l'esame cardiologico per escludere la presenza di malattie cardiache in pazienti con storia familiare di cuore. (L'American Academy of Pediatric Cardiology raccomanda in questo caso un elettrocardiogramma ed ecocardiogramma).

La durata del trattamento dipende dall'individuo. Si può praticare test di sospensione, ma non prima dell'anno. Può essere fatto riducendo la dose a metà per una settimana e valorizzare l'evoluzione senza farmaci, opinione scuola senza cognizione di causa, i due conseguenti settimane. Tuttavia sono un trattamento a lungo termine, essendo i pazienti molto rari che possono ritirare il farmaco nei primi anni di trattamento.

Psicostimolanti sono farmaci da somministrare giornalmente, senza sospendere le vacanze, come prima è stato fatto per volta con meno conoscenza di effetti collaterali. ("ADHD è un disturbo che colpisce la vita, non solo la scuola") più la corrente effetti del metilfenidato noto, dal recente lavoro di P. Shaw, la modifica dell'architettura cerebrale fácillitando e maturazione stimolante, determinano la necessità di un trattamento

Gli effetti indesiderati più comuni sono diminuzione dell'appetito e insonnia. Pubblicazioni attuali (Spencer TJ et al 2006 e Pliszka SR et al 2006 e Biederman et al 2010) confermano che il metilfenidato non diminuisce la statura di clinicamente significativo.

Altri effetti collaterali includono ansia, agitazione, nervosismo, mal di testa, stereotipie motorie, tic, aumento della frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, essendo molto più rari psicosi e mania indotta dal farmaco (Wolraich et al. 2007).

Quando abbiamo somministrato uno psicostimolante deve capire che ci sono ancora atteggiamenti di diffidenza di psicofarmaci, con false idee, malintesi e pregiudizi che spesso impediscono una corretta adesione. I genitori pensano che causa la dipendenza e la dipendenza, che alterano la personalità del bambino o adolescente o al contrario che psicostimolanti sono la soluzione a tutti i vostri problemi. E 'essenziale sottolineare tutti questi aspetti con la famiglia, e che il rispetto del requisito dipende da loro. Infine non dimenticate che i farmaci sono utilizzati in clinica pediatrica per oltre 60 anni.

 

Atomoxetina

Atomoxetine precedentemente tomoxetine, è un inibitore selettivo della ricaptazione della noradrenalina. Inizialmente indagato come un antidepressivo, bassa efficienza sollevato la ricerca di altre strategie terapeutiche, in modo che la sua applicazione è stata diretta in dieci anni sulle cause e il trattamento del disturbo Sindrome da deficit di attenzione e iperattività.

Il meccanismo di azione di atomoxetina non è noto in profondità. Eventualmente è correlato alla inibizione selettiva della ricaptazione della noradrenalina, aumentando l'attività di noradrenalina, e il suo ruolo nella regolazione bilanciamento noradrenergica e neurotrasmissione dopaminergica associata al disturbo, come studi neurobiologici e farmacologiche sostengono l'ipotesi che la ADHD è anche un disturbo noradrenergico è essenziale per bilanciare noradrenergica e attività dopaminergica.

Studi di neuroimaging quantitativi in ​​modelli animali mostrano che atomoxetina si lega in modo più efficace a "locus" associati con aree fronto-subcorticale di elevata presenza di neuroni noradrenergici che controllano l'attenzione e il motore del sistema di comportamento.

Atomoxetina può essere utilizzato dai sei anni di età. Los anche se gli effetti collaterali rari sono: mal di testa, mal di stomaco, perdita di appetito, vertigini e vomito. E 'importante controllare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, ma il follow-up di studi, questi valori tornano normali con la sospensione del trattamento, anche atomoxetina non modifica l'intervallo QT dell'ECG.

In sintesi Atomoxetina è un inibitore selettivo della ricaptazione della noradrenalina che è stato approvato dalla Food and Drug Administration americana per il trattamento del disturbo da deficit di attenzione con iperattività che ha dimostrato efficacia in studi clinici di breve durata nei bambini e negli adolescenti.

 

Altri farmaci utilizzati in Spagna per l'ADHD

Agenti adrenergici: clonidina, guanfacina (2015)

Antidepressivi Antidepressivi tricíclcos: reboxetina, bupropione

Anfetamine: Lisdexamfetamine (2014)

Acidi grassi: Omega 3 (EPA e DHA)

Infine, è importante notare che in future revisioni DSM considererà i vari sottotipi di ADHD anche identificare le variabili cliniche che soddisfano specifici trattamenti psicofarmacologici. (Martin A. et al 2007, Martin et al 2010).

Psichiatria infantile e Adolescenti presso Barcelona
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Top Doctors®

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione