Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Juan García-Valdecasas Bernal
Otorinolaringoiatria

Dr. Garcia-Valdecasas Bernal ha ricevuto il dottorato in medicina con eccezionale Cum Laude, specializzato in Otorinolaringoiatria e Patologia cervico a Granada nel 2007. Ha lavorato come insegnante e docente di pratiche a livello universitario, e come ricercatore presso l'Ospedale Universitario San Cecilio de Granada. Ha completato la sua formazione all'estero, in particolare in Hannover MHH chirurgia otologica e chirurgia laser della laringe a Parigi. Inoltre, il medico è un membro della Associazione spagnola di Audiologia (AEDA) dal 2013. Ha realizzato più corsi in tutto lo stato.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Come sapere se si dispone di sinusite

La sinusite è un'infiammazione dei seni (spazi dietro la fronte, le ossa nasali, guance e gli occhi) che si verifica con un'infezione causata da un virus, un batterio o un fungo.

Questa malattia è molto comune in inverno, ma può anche essere causata da un'allergia o da variazioni di pressione dell'aria, come ad esempio quando si viaggia in aereo.

I sintomi della sinusite

Un sintomo comune di questa infezione è mal di testa (cefalea), ma spesso non diagnosticata correttamente e confusa con altri tipi di cefalea come emicrania o cefalea da tensione. Quindi, per distinguere correttamente la sinusite da altre malattie, si dovrebbe considerare quanto segue:

  • Dolore al viso, soprattutto sulla fronte, guance o all'interno dell'occhio
  • congestione nasale Molto freddo
  • muco bianco o verdastro denso e maleodorante
  • Perdita dell'olfatto
  • La febbre (non sempre)

 

trattamento della sinusite

Nei primi due o tre giorni, la sinusite è trattata con farmaci anti-infiammatori per alleviare i sintomi e lavaggi nasali e spray al decongestionante topico per rimuovere il muco.

Se dopo tre giorni la situazione non migliora o addirittura peggiora, è necessario visitare uno specialista in otorinolaringoiatria per diagnosticare correttamente la malattia e proporre un trattamento, che di solito è antibiotico (chirurgia è meno comune, dal momento che viene eseguita solo in casi complicati).

Otorinolaringoiatria a Granada
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione