TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.

Dr. Javier Brualla Coll
Neurofisiologia clinica

Dr. Brualla è un neurofisiologo inizialmente specializzata nella livello di unità sonno. Attualmente, essa appartiene al personale medico dell'ospedale Medimar Vithas internazionali ad Alicante. E 'autore e co-autore di numerose pubblicazioni a livello nazionale e internazionale, e ha partecipato a diverse conferenze di disturbi del sonno.

 

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Come sapere se si soffre narcolessia e quando vedere uno specialista

 

Narcolessia: che cosa è esso ?

La narcolessia è una malattia cronica caratterizzata da eccessiva sonnolenza diurna e improvvisi attacchi di sonno. Episodi o attacchi di sonno di solito durano da pochi secondi a diversi minuti e possono verificarsi in qualsiasi momento, in modo che finisce per incidere in modo significativo a tutte le attività quotidiane. Queste persone possono addormentarsi involontariamente al lavoro, a scuola, mentre stanno parlando con qualcuno, giocare, mangiare, o, il che è più pericoloso, mentre si guida una macchina o stanno movimentazione attrezzature o macchinari potenzialmente pericolosi.

I sintomi della narcolessia per identificare il rischio

I sintomi della narcolessia possono verificarsi a qualsiasi età (dalla prima infanzia a 45-55 anni), ma il più delle volte i primi sintomi compaiono tra i 10 ei 25 anni.

I sintomi tipici della narcolessia (non ha bisogno di essere tutti presenti) sono i seguenti:• L'eccessiva sonnolenza diurna (primo e il sintomo più comune). Le persone con narcolessia si addormentano senza preavviso, sempre e ovunque.• cataplessia o la perdita di tono muscolare bruscamente. Cataplessia è considerato l'unico segno specifico della narcolessia, ma non tutte le persone con narcolessia hanno cataplessia (si verifica nel 60-70% dei narcolettico). Questi episodi non sono associati con perdita di coscienza, sono episodi che di solito il paziente se ne ricorda e può descrivere in seguito. A volte sono costituiti esclusivamente di una sorta di sensazione soggettiva di debolezza incontrollabile che spesso innescato da forti emozioni come il riso, paura, sorpresa ...• paralisi del sonno presso l' all'inizio o risveglio dal sonno: è una temporanea incapacità di muoversi o parlare. Di solito brevi episodi di 1-2 minuti, ma molto doloroso.• allucinazioni ipnagogiche (quando ad addormentarsi) allucinazioni o hipnapómpicas (il risveglio). Di solito di solito visiva, come una specie di sogno molto reale e molto vivaci.• disturbi del sonno notturno con disturbi del sonno o la frammentazione. Circa la metà dei pazienti con narcolessia hanno difficoltà a dormire la notte.• Altri sintomi di accompagnamento: PAN ricorrenti nel corso della giornata, comportamento automatico, vuoti di memoria, ecc

 

Cause di narcolessia

Oggi è considerato narcolessia come una malattia autoimmune, anche se la causa esatta rimane sconosciuta. Il sistema immunitario all'infezione (per esempio, l'influenza virus dell'influenza) può finire errore attaccare da un gruppo di neuroni (situato in una regione del cervello chiamata l' ipotalamo) che producono un neurotrasmettitore chiamato ipocretina o orexina, un neurotrasmettitore che di solito aiuta a regolare la veglia e il sonno REM.

Come per la diagnosi di narcolessia

Nonostante frequente insorgenza precoce della malattia, la maggior parte dei pazienti con narcolessia non viene diagnosticata per molti anni (di solito non definitivamente diagnosticata fino a quando passano tra i 10 ei 15 anni dai primi sintomi.

Un esame clinico approfondito e la storia medica sono essenziali per la diagnosi. Tuttavia, questa mancanza di specificità dei sintomi della narcolessia rende test diagnostici più specializzati (che possono essere effettuate in qualsiasi Sleep Disorders Unit) per aiutare a stabilire la diagnosi definitiva generalmente necessario.

Ci sono due test che sono considerati essenziali per confermare la diagnosi di narcolessia:• La polisonnografia (PSG) o di sonno di studio: consiste in una prova notte prendendo le misure del più variabili su tutta la notte per vedere se si tratta di un sogno normale o un qualche tipo di disturbi del sonno.• Il test latenze Multiple Sleep (TLMS) è fatto durante il giorno, la mattina seguente, e si compone di quattro o cinque brevi sonnellini di 20 minuti, di solito in programma intervalli di 2 ore per misurare il livello di sonnolenza durante giorno. Vota la facilità di una persona a cadere addormentato o la latenza del sonno (un periodo di latenza di 5 minuti o meno è considerata altamente suggestivo di narcolessia), e se ci sono intrusioni di sonno REM (se una persona entra in sonno REM da almeno due questi sonnellini in programma, è anche considerato un segno positivo di narcolessia).

Anche se raramente utilizzato (solo per confermare i casi di diagnosi difficile) può essere anche determinare i livelli di CSF ipocretina da puntura lombare utile.

Se una persona tende a dormire più a lungo è a causa di narcolessia o ci possono essere altri problemi che impediscono la rottura?

L'eccessiva sonnolenza diurna, il sintomo più comune della narcolessia non riguardano solo questa malattia e può apparire anche in altre malattie, come infezioni, depressione, traumi cranici, tumori del sistema nervoso centrale, ecc. o altri disturbi del sonno, quali:- Sleep Apnea- disturbi del ritmo circadiano- Sindrome delle gambe senza riposo- Qualsiasi altro disturbo con la possibilità di interrompere sonno normale

Vari farmaci o sostanze d'abuso può anche causare una maggiore sonnolenza clinicamente simulare una narcolessia.

In precedenza, si dovrebbe sempre escludere che non vi è alcuna privazione del sonno cronica, un fatto che è diventato oggi una delle più comuni cause di eccessiva sonnolenza diurna.

Il trattamento della narcolessia e risultati

Non esiste una cura per la narcolessia, ma si tratta di una malattia gestibile con i farmaci e cambiamenti nello stile di vita. L'eccessiva sonnolenza diurna e cataplessia (il più invalidanti sintomi del disturbo) possono essere controllati nella maggior parte dei pazienti con trattamento farmacologico.

I farmaci più comunemente usati sono di solito metilfenidato, modafinil o di sodio oxabato. Tuttavia, nessuno dei farmaci attualmente disponibili consente alle persone con narcolessia mantenere uno stato di allerta in modo del tutto normale mantenuto. Pertanto, la terapia farmacologica è spesso accompagnata da misure non farmacologiche coerenti sulle tecniche comportamentali e di educazione per capire la malattia, che è necessaria sia per il paziente e le persone che interagiscono (come questi pazienti possono trarre beneficio e gran parte della il sostegno di familiari, amici, insegnanti, collaboratori, ecc).

Tra le misure più importanti del buon senso che i pazienti possono adottare per migliorare la qualità del sonno sono il mantenimento di un programma regolare il sonno, evitare di tabacco, alcool e bevande contenenti caffeina, e apportare alcune modifiche nello stile di vita (che possono includere in programma anche brevi sonnellini lungo meno di 20 minuti in modo da non interferire con il sonno notturno).

Bambini e adolescenti affetti da narcolessia possono tentare di adattarsi, per quanto possibile, i loro orari scolastici, personale della scuola informando le vostre esigenze.

Gli adulti possono provare a parlare e raggiungere un accordo con i loro capi o società circa la possibilità di cambiare i loro orari di lavoro e possono prendere brevi sonnellini se essi sono necessari, o eseguire le attività più impegnative quando sono in stato di allerta.

Questi pazienti sono inoltre invitati a prendere alcune precauzioni di sicurezza. Azioni che di solito sono sicuri, e scendere una rampa di scale o di guida può diventare potenzialmente molto pericoloso se si addormenta improvvisamente o perso il controllo muscolare. Le persone con sintomi narcolettici non trattati hanno una frequenza di circa 10 volte più probabilità di avere un incidente stradale rispetto alla popolazione generale. Al contrario, la frequenza degli incidenti tra i pazienti che hanno ricevuto un adeguato trattamento farmacologico è simile al resto della popolazione.

Le persone con narcolessia sono spesso giudicati ingiustamente pigro, poco intelligente, indisciplinati o immotivato. Tale stigma spesso aumenta la tendenza verso l'isolamento, quindi, il join gruppi di sostegno con altre persone che soffrono di questa malattia in grado di fornire assistenza importante, sia pratico ed emotivo.

 

Breve auto-test per verificare se si soffre da narcolessia

• Avete avuto attacchi di sonno durante il giorno anche avere abbastanza dormire la notte prima?• Avete mai addormentato durante il lavoro, mangiare o parlare con qualcuno?• Avete sentito allerta dopo un breve sonnellino, ma ben presto è tornato rapidamente ad apparire la sensazione di sonnolenza?

Se avete risposto sì a queste tre domande è probabile che si soffre di narcolessia. Consultare uno specialista in neurofisiologia clinica e / o medicina del sonno.

 

A cura di Patricia Crespo Pujante

Neurofisiologia clinica presso Alicante
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Publicado por: Patricia Pujante Crespo

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione