Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Jordi Sasot Llevadot
Psichiatria infantile e Adolescenti

Si tratta di una eminenza in psichiatria e pediatria, attualmente dirige l'Unità paidopsychiatry del Teknon Medical Center e l'ex presidente della Società catalana di Psichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza. Inoltre, egli unisce il suo concerto con la carica di professore di Laurea Psichiatria Infantile e dell'Adolescenza presso l'Università Autonoma di Barcellona.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Il disordine Sindrome da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo neurobiologico complesso e ancora poco conosciuta.

Sebbene i primi studi risalgono ai primi anni del XX secolo, è dal 1962, quando la letteratura scientifica identifica questi pazienti con il nome di disfunzione cerebrale minima (Clemens SD, Peters JE, 1962), un concetto che viene modificato da 1965 (classificazione ICD-9) e il 1968 (la classificazione DSM II) con il nome di disturbo ipercinetico, introducendo il concetto attuale di disordine Sindrome da deficit di attenzione e iperattività nella classificazione DSM III da 80. Oggi usiamo il rating DSM 5.

Dal punto di vista eziologico, si stima che il 50% al 82% della varianza di questo disturbo è genetica (Goodman R, Stevenson J, 1989), Mardomingo MJ, 2002), (Barkley RA, 2005). I più importanti fattori ambientali sono il modo per educare i genitori, sistemi di interazione familiari e status socio-economico.

I sintomi di ADHD sono l'espressione finale di anomalie neurobiologici che sorgono principalmente nella corteccia prefrontale e circuiti fronto-striatali. Oggi e da questa conoscenza ha sviluppato un nuovo modello esplicativo di ADHD, che tenta di spiegare le loro basi cognitive, noto come modello dualistico di funzioni esecutive cognitive e motivazionali, conosciuta anche come modello di ritardo avversione (Sonuga-Barker EJ et al 2005). L'avversione al ritardo sostiene che i bambini e gli adolescenti con ADHD sono preferibilmente optano per ottenere gratificazione immediata, per quanto piccolo, sopra un bonus di maggiore entità e di vasta portata, ma in ritardo. All'interno di questo modello, impulsività avrebbe lo scopo di ridurre il tempo di ritardo per la gratificazione quando il bambino ADHD controlla il suo ambiente.

Quando non ha alcun controllo sull'ambiente, scegliere di staccare la spina e lasciare che il tempo andare oltre, cioè cerca di ignorare il ritardo. Questo modello è basato su circuiti di ricompensa del cervello cervello, modulata da catecolamine che collegano regioni frontali (cingolo anteriore e la corteccia orbitofrontale) al nucleus accumbens. L'amigdala è coinvolta anche in questo sistema, forse un ruolo nella definizione del significato di incentivi motivazionali. La dopamina svolge anche un ruolo chiave come neuromodulatore di ricompensa.

Le funzioni esecutive cognitive (circuito frontroestriado dorsali) sono i processi cognitivi che si occupano di controllo del comportamento goal-directed attraverso la pianificazione e l'esecuzione dei compiti e delle funzioni esecutive motivazionali (circuito frontroestriado ventrale) sono legati ai processi di slancio e premiare nell'attuazione delle azioni.

Sulla base delle osservazioni e risentono principalmente la corteccia prefrontale e il dorsale e ventrale circuiti frontroestriados regolazione condizione di attenzione, di memoria (tra le varie funzioni esecutive cognitive) e controllo inibitorio di lavoro.

Quindi ci alterazioni neuroanatomiche e genetiche, neurobioquímiques neurofisiologici, anche se in parte noto, che spiegano la patogenesi di questo disturbo. Pubblicazioni attuali sono immense: (Castellanos FX et al 2002), (Krainer AL, Castellanos FX 2006), (FX Castellanos et al 2008), (Varela EM et al 2007), (Shaw P. et al 2007), (Shaw P. Te 2009), (Fransson P, G Marrelec 2008), (Rutter M 2007), (Faraone SV e il 2001), (Li D et al 2006), (Faraone SV 2005), (Purper-Ouakil D et al 2005) (Cheuk DK, Wong V 2006).

Psichiatria infantile e Adolescenti a Barcelona
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione