Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. José María Mestres Sales
Angiologia e Chirurgia vascolare

Con oltre 30 anni di esperienza, è direttore medico di una clinica privata e anche detiene il Hospital de Sant Pau, Barcellona, ​​è anche un professore di Università Autonoma di dottorato di Barcellona. Questo medico è un punto di riferimento per aneurismi vascolari, la chirurgia carotidea, liquido crioesclerosis e stent.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Chirurgia dell'arteria carotidea

Le arterie carotidi, arterie vertebrali con sono responsabili per il trasporto di sangue al cervello. Le modifiche diminuiscono la quantità di sangue raggiunge il corpo, con tutte le conseguenze che ciò comporta. Malattie vascolari cerebrali sono oggi una delle principali cause di disabilità. Pertanto lo studio e la prevenzione è essenziale.

Se l'arteria carotide si trova? Qual è il ruolo?

L'arteria carotide è l'arteria principale al cervello, e la sua funzione è quella di fornire sangue arterioso al corpo. Ci sono due arterie carotidi (sinistra e destra). Entrambi iniziano al petto all'interno della aorta (dell'arco aortico) e trascorrere dal lato del collo (sotto il muscolo sternocleidomastoideo). Così qui sono conosciuti come carotide comune. A livello del ramo mandibolare in due rami: l'arteria carotide interna, che fornisce sangue al cervello, e l'arteria carotide esterna, che fornisce parte del viso e dei muscoli facciali.

Che tipo di disturbi possono soffrire? Come possono essere rilevati?

Come altre arterie, la carotide può soffrire di varie malattie. La stenosi o restringimento più frequentemente colpite. Di solito si verifica dopo anni di fumo, il diabete mellito, l'ipertensione o il colesterolo alto. Il rischio principale della stenosi carotidea è un deficit di apporto di sangue al cervello avviene in forma di embolizzazione cerebrale, dalla perdita di placca che provoca la stenosi, o riduzione del flusso di sangue nel cervello, noto come accidente cerebrovascolare (ictus o TIA).

Il modo più affidabile e più sicuro per rilevare stenosi carotidea è attraverso uno studio con ultrasuoni -doppler. Si tratta di un test non invasivo che viene eseguito a livello ambulatoriale nella stessa Angiologo query e Chirurgo Vascolare. Per misurare il grado di stenosi e caratteristiche della placca ateromasica e della sua evoluzione, e per determinare il trattamento più appropriato in ogni caso sarà.

In quali casi devono ricorrere alla chirurgia?

Dato il rischio di un deficit di ingresso arteriosa al cervello si verifica quando viene rilevata una stenosi carotidea, il trattamento deve essere iniziato a controllare i fattori di rischio e prevenire la sua progressione. Di solito la riparazione chirurgica è indicata quando la stenosi supera il 70% del lume restringimento della carotide, in quei casi asintomatici e quelli con sintomi (pazienti che hanno già subito un ictus o TIA a causa di una stenosi).

Qual è l'intervento chirurgico?

Chirurgia indicata in più di stenosi carotidea è endoarteriectomia carotidea. Si tratta di un intervento che viene eseguito in anestesia generale (il paziente addormentato). Un'incisione nel lato collo è praticata attraverso il controllo della biforcazione carotidea. Viene eseguita una apertura longitudinale dell'arteria, estrarre la placca che provoca la stenosi e pulizia del letto dell'arteria. Questa apertura è chiusa con una protesi o patch per prevenire ulteriori stenosi in futuro. In alcuni casi il sistema viene impiegato per impedire l'arteria durante la manipolazione diminuzione del flusso di sangue al cervello, chiamato shunt.

La procedura dura circa 90 minuti e dopo l'intervento chirurgico il paziente si risveglia in sala operatoria. Si passa le prime 24 ore in un reparto di terapia intensiva per il controllo immediato post-operatorio.

Vi è un'altra tecnica di rivascolarizzazione carotidea: lo stent carotideo. Pur essendo una tecnica meno aggressiva (un'incisione non deve praticare nel collo, si è posto da puntura di un'altra arteria, di solito in all'inguine), i risultati sono peggiori e sono riservati per i casi in cui l'intervento chirurgico può essere più complessa.

Ci sono rischi?

L'intervento è delicato e non ci sono rischi, ma è importante notare che il rischio di complicanze sono molto maggiori quando l'intervento non è realizzato. Oltre ai normali rischi di qualsiasi altro intervento (ematoma, infezione), il rischio principale di questa operazione è che si verifica una mancanza di apporto di sangue al cervello. Tuttavia, pur essendo una procedura delicata, i risultati di carotidea sono molto buone.

Come il paziente vuole per guarire completamente?

Dopo un intervento carotide, il paziente può andare a casa in 3 o 4 giorni dopo l'operazione. A 24 ore e si può camminare attraverso l'ospedale e seguire una dieta normale per via orale, e in casa si può gradualmente riprendere le normali attività fisiche. Anche se ogni caso è diverso dal solito è che dopo 2 settimane può tornare alla vita normale.

Angiologia e Chirurgia vascolare a Barcelona
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione