Coronarica Patologia Interventional Cardiology

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 10/10/2017 18:03
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Cos'è cardiologia interventistica?

La cardiologia interventistica è il subspecialty di cardiologia dedicato alla diagnosi e trattamento della malattia coronarica e alcuni cardiopatia strutturale attraverso sottilissimi tubi chiamati cateteri. Differenza di chirurgia, che richiede una ferita e aprire la cassa per raggiungere il cuore, procedure interventistiche in questi cateteri sono inseriti attraverso un'arteria o vena della gamba o del braccio. Il catetere entra nel cuore seguendo il percorso dell'arteria / vena e permette la procedura diagnostica terapeutica e / o le arterie e strutture. Dal momento che questo tipo non comporta procedure a cuore aperto è considerata chirurgia mini-invasiva. Come un sub-specialità di cardiologia, medico cardiologo riceve una formazione specifica per l'uso di cateteri, mezzi di contrasto, fluoroscopia e tecniche di angioplastica e stenting delle arterie coronarie, che è la procedura più frequentemente eseguite .

Quali tipi di procedure esistono?

Possiamo classificare le procedure di cardiologia interventistica in due tipi principali: coronarici e non coronarici, a seconda se ci si concentra sulla diagnosi e il trattamento della malattia aterosclerotica delle arterie coronarie o no.

Procedure coronariche consistono di diagnosticare la presenza di una malattia delle arterie coronarie, che sono quelli che forniscono sangue al cuore a funzionare normalmente e in caso di essere malato può causare angina o infarto. Oltre alla possibilità di diagnosticare una malattia delle arterie coronarie, procedure coronariche danno la possibilità di trattare. Il trattamento si basa sull'introduzione nell'arteria malata di una rete metallica o polimero, chiamato stent, o impalcatura, che allarga il segmento malata e mantenere il vaso aperto. Questa particolare procedura chiamata angioplastica coronarica, che rappresentano il 90% di tutte le procedure di cardiologia interventistica.

Le procedure non-coronarica comprendono il trattamento della malattia cardiaca strutturale, come ad esempio la chiusura di comunicazioni anomale tra due parti del cuore (chiusura della comunicazione inter-atriale, forame ovale pervio aortica transcatetere impianto protesi o la riduzione di malfunzionamento della valvola impiantazione mitrale attraverso un morsetto, chiamato "MitraClip"). In particolare, l'impianto di protesi aortica percutanea è una procedura promettente nel trattamento di stenosi aortica senza chirurgia cardiaca e, anche se attualmente eseguita in pazienti con elevati rischi chirurgici, promette per anni di estendere il trattamento di pazienti più giovane.

Come i problemi sono trattati nelle arterie coronarie?

I problemi nelle arterie coronarie vengono trattati con una procedura chiamata angioplastica coronarica transluminale percutanea (PTCA), che è una forma non chirurgica molto efficace di trattamento per pazienti con certe forme di malattie cardiache. Si tratta fondamentalmente dilatare le stenosi (restringimento) che si trova nelle arterie che forniscono il cuore (coronarie), che sono stati precedentemente individuati dalla diagnostica cateterismo cardiaco. Tali restrizioni implicano l'esistenza di blocchi nelle arterie coronarie che impediscono il sangue normalmente andare al cuore e può portare ad angina o un attacco di cuore. Il meccanismo di risolvere l'occlusione coronarica con PTCA è altamente variabile. In quasi tutti i casi, viene utilizzato un catetere molto sottile, con un palloncino sulla punta, che si trova all'interno della stenosi. Quando la pressione di gonfiaggio del pallone, i rottura della placca e ristrettezza alleviati. Molto spesso è necessario integrare la procedura con successo, il collocamento di un metallico o rete polimerica, detto stent o scaffold, che supporta le pareti dei vasi e garantisce un buon risultato. L'approccio (forare all'inguine / braccio / gomito) è identico a quello utilizzato per la cateterizzazione sebbene cateteri sono generalmente un calibro leggermente più grande. L'angioplastica è spesso una procedura di cateterizzazione diagnostica alternativa, anche se può essere effettuata subito dopo quindi dovrebbe prendere questa possibilità.

Lo stent / scaffold (rete metallica / intracoronarica polimerico) è parte integrante del trattamento angioplastica e costituito da un tubo sottile di metallo o polimero, impiantato all'interno dell'arteria coronaria nel sito di ostruzione dilatato, fornisce supporto la parete arteriosa e aiuta a mantenere aperta l'arteria.

Dalla descrizione della tecnica di angioplastica coronarica nel 1977 dal dott. Andreas Gruentzig, percutanea coronarica angioplastica ha avuto un impatto enorme e si è affermata come un intervento chirurgico di bypass alternativa minimamente invasiva. Dopo l'introduzione del primo stent per prevenire la chiusura dell'arteria coronaria, già palloncino dilatato nel 1982 dal dott. Ulrich Sigwart, cardiologia interventistica è progredita molto rapidamente. Nel corso degli anni, la progettazione di stent è migliorata, raggiungendo oggi alla quarta generazione stent polimerici completamente riassorbibili entro due anni dopo il posizionamento, rispetto agli stent metallici che sono vita all'interno dell'arteria.

I fattori di rischio di malattia coronarica

I fattori di rischio per la malattia coronarica sono divisi in due categorie: modificabili e non modificabili. I fattori di rischio non modificabili sono l'età e l'essere maschio o femmina, e sono fattori su cui non si può agire con qualsiasi condotta di vita o farmaci. D'altra parte i fattori di rischio modificabili sono fattori su cui i medici e soprattutto pazienti possono agire, con cambiamenti di stile di vita o farmaci per tenerli sotto controllo e quindi riducono il rischio di malattie cardiache, sia in prevenzione primaria e secondaria. Questi fattori di rischio modificabili sono la pressione alta, colesterolo alto, tabacco da fiuto, il diabete, l'obesità e inattività fisica. È importante sottolineare che, a mantenere uno stile di vita sano diventa in alcuni casi sotto controllo questi fattori di rischio senza prendere alcun farmaco. Ciò richiede l'astensione da alcool e tabacco da fiuto, svolgere attività quotidiana fisica (camminare 30 minuti / giorno), una dieta ricca di frutta e verdura e grassi ridotta (carni soprattutto evitando e carni rosse), e mantenere un peso ottimale. Nei casi in cui, nonostante uno stile di vita sano non viene controllare questi fattori di rischio cardiovascolare, ora ci sono i farmaci con elevata efficienza come antipertensivi e statine, per esempio.

Cardiologia adulti presso Barcelona
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione
Dr. Salvatore Brugaletta

Dr. Salvatore Brugaletta
Cardiologia adulti

Questo specialista in Cardiologia ha una formazione in prestigiosi centri nazionali ed internazionali. È un esperto nel trattamento dell'aterosclerosi. Nel corso della sua carriera si è esibito più di 4.000 angiografie coronariche e circa 1.500 interventi coronarici percutanei. Attualmente lavora come un operatore medico specialista in Hospital Clinic di Barcellona attività.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.