TOPDOCTORS utiliza cookies propias y de terceros para facilitar su experiencia como usuario de nuestra web y captar datos estadísticos mediante el análisis de sus datos de navegación. Si usted continúa con la navegación, entendemos que nos ofrece su consentimiento para el uso de cookies. Puede cambiar la configuración de cookies u obtener más información aquí.
Dr. Homid Fahandezh-Saddi Díaz

Dr. Homid Fahandezh-Saddi Díaz
Traumatologia

Dr. Homid Fahandezh Saddi Diaz, si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Saragozza. Ha fatto la sua residenza in chirurgia ortopedica presso Gregorio Maranon Hospital di Madrid. Si è specializzato in chirurgia della mano, microchirurgia e patologia dell'arto superiore. La sua formazione è stata condotta in centri di eccellenza sono rinomati come Sanitarium Nord a San Miguel de Tucuman (Argentina) con il Dr. José Rotella (discepolo di E. Zancolli) presso l'Istituto Kleinert con Luis Scheker e Harold Kleinert, e il Pulvertaff Mano Center con Carlos Heras Palou.

E 'membro di Unità e artroscopia arti superiori Alcorcón Foundation University Hospital e Responsabile della Banca delle ossa e dei tessuti del centro. E 'Direttore Medico di Trauma e Madrid Masters nella valutazione di corpo e danno psicologico.

Come recenti meriti internazionali, è co-autore di due opere premiate dalla American Academy (AAOS) in tecnica chirurgica e coautore di tre tecniche chirurgiche originali AAOS pubblicati nel catalogo.

La sua filosofia: la formazione continua, la ricerca e lo sviluppo di tecniche mini-invasive, sostenuto da una guida ecografica, che mirano a ridurre l'aggressività chirurgica e la velocità di recupero dei pazienti che cercano sempre l'eccellenza nel trattamento.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Capsulitis della spalla

Il termine spalla congelata o capsulite adesiva (CA), descrive una condizione caratterizzata da dolore e limitazione della mobilità della spalla attiva e passiva. L'eziologia o il grilletto stimolo iniziale è sconosciuto. Si ipotizza che meno trauma potrebbe avviare una risposta infiammatoria correttiva con maggiori fibroblasti e miofibroblasti creando uno squilibrio tra la fibrosi aggressivo e rimodellamento perdita collagene, producendo ritiro e rigidità della capsula. Il dolore precede tipicamente rigidità, suggerendo uno sviluppo di infiammazione alla fibrosi.

Profilo Paziente

Una prevalenza del 2-5% nella popolazione generale è stimata. Di solito colpisce le persone tra i 40 e 65 con una maggiore incidenza nelle donne e in dell'arto superiore non dominante. La loro presenza aumenta il rischio di sviluppare capsulite spalla controlaterale (34%). Ricorrenza nella stessa spalla è rara e simultaneo coinvolgimento bilaterale si verifica nel 14% dei casi. È più comune nei pazienti con diabete e malattie della tiroide.

Fasi capsuliti

Secondo Reeves capsulite adesiva ha tre fasi che si sovrappongono:

1) Fase doloroso. Si parte lentamente e dura per 2-9 mesi. Il dolore interferisce con il sonno, aumenta con il movimento del braccio e il paziente comincia a sentirsi mobilità limitata.

2) Fase rigido. Dura 3-12 mesi. Il problema principale è la mobilità limitata.

3) Fase di recupero, con una durata di 5-26 mesi.

Diagnosi

La diagnosi è principalmente clinica. L'esame dovrebbe includere la colonna cervicale. La spalla tipicamente ha limitato elevazione attiva e passiva, con meno di 120 e riduzione superiore al 50% in rotazione esterna. In fase iniziale può essere difficile distinguere la capsulite adesiva della tendinopatia di cuffia dei rotatori poiché la limitazione è minima e la forza muscolare può essere normale. Raramente sono necessari studi di imaging.

Trattamento

Anche se la storia naturale è a piena risoluzione, a volte non accade. Non vi è alcun accordo che ci permette di affermare quale sia il trattamento più efficace. Le opzioni includono: l'osservazione, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), i corticosteroidi per via orale, iniezioni di corticosteroidi, blocchi nervosi soprascapolari, distensione artrografica, manipolazione chiusa in anestesia e chirurgia.

Trattamenti che i risultati migliori si ottengono esercizi e iniezioni di corticosteroidi. Nelle prime fasi della CA, iniezione di corticosteroidi, ottiene i migliori risultati, si possono ridurre la sua storia di vita e permette una maggiore tolleranza all'esercizio. La maggior parte studi consigliano di esercizi di stretching. Il programma di esercizio eseguito in riabilitazione, contribuire a ridurre il dolore, migliorare la mobilità e la funzione. L'intervento dovrebbe essere l'ultima alternativa.

Traumatologia presso Madrid
Fonte: Articolo redatto in base all’esperienza e alla carriera del medico

Pubblicato da: Top Doctors®

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione