Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Pablo Casariego de Córdoba
Neurologia

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

Alzheimer, una lotta dura demenza

La malattia di Alzheimer (AD) è uno dei disturbi più comuni oggi, e "circa il 60% delle demenze sono dovute alla loro causa", secondo il dottor Paul Casariego, esperto neurologo Scienze Neurologiche Unità da Madrid. La prevalenza della malattia varia con l'età, essendo di "2% tra i 65-69 anni e circa il 60% di età superiore a 90 anni".

"Il 10% delle cause della malattia di Alzheimer sono ereditari, il 30% aveva una storia familiare EA e il restante 60% è considerato casi sporadici". Anche se le cause esatte non sono note, il loro effetto sui neuroni è chiaro perché, come spiegato dal dottor Casariego, "depositi insolubili di beta-amiloide proteine ​​e tau proteina che uccide i neuroni prodotti". Ci sono altri fattori di rischio come "l'età, storia familiare, di sesso femminile, grave trauma cranico, dislipidemia, intellettuale e l'inattività fisica, il fumo, la dieta povera di frutta e verdura, tra gli altri."

Per il medico, il trattamento farmacologico attuale AD "è gratificante". Ci sono due tipi di farmaci che migliorano "discretamente i loro sintomi e per un tempo molto limitato": inibitori dell'acetilcolinesterasi e memantina. Il trattamento non farmacologico è fondamentale per il medico Casariego è fatto con la riabilitazione cognitiva, corretto esercizio, corretta alimentazione e il fitness del loro ambiente. "Non dimenticare il trattamento delle complicanze (antidepressivi, antipsicotici, etc.) quando necessario", aggiunge.

Essendo sviluppato molti nuovi bersagli per i farmaci per cercare di evitare che il deposito di amiloide beta o Tau, migliorando il metabolismo mitocondriale, per la produzione di vaccini contro l'amiloide-beta di immunizzazione che agiscono sui recettori nicotinici, fattori di crescita, inibitore γ- secretasi, etc.

Si prevede che nel giro di pochi anni, il trattamento per questa "malattia devastante è cambiata molto significativo." "Nel nostro ospedale il medico conclude che stiamo facendo uno studio di CL2-30893-012 molecola che agisce attraverso l'istamina anteriore migliorare la memoria episodica".

Neurologia a Madrid
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione