Alzheimer, una lotta dura demenza

Autore: Dr. Pablo Casariego de Córdoba
Pubblicato: | Aggiornato: 10/10/2017
Editor: Top Doctors®

La malattia di Alzheimer (AD) è uno dei disturbi più comuni oggi, e "circa il 60% delle demenze sono dovute alla loro causa , " secondo il dottor Pablo Casariego, neurologo Unità Neuroscienze Madrid. La prevalenza della malattia varia con l'età, essendo di "2% tra 65-69 anni e circa il 60% in più di 90 anni."

"Il 10% delle cause del morbo di Alzheimer sono ereditari, il 30% hanno una storia familiare con EA e il restante 60% è considerato casi sporadici". Anche se le cause esatte non sono note, il loro effetto sui neuroni è chiaro perché, come si spiega il dottor Casariego, "i depositi non solubile di beta-amiloide e proteine tau proteine che uccidono i neuroni si verificano". Inoltre, altri fattori di rischio come "età, storia familiare, il sesso femminile, la storia di gravi lesioni testa, dislipidemia, l'inattività fisica e intellettuale, il fumo, la dieta a basso contenuto di frutta e verdura, tra gli altri."

Per il medico, l'attuale trattamento farmacologico di AD "è ingrato". Ci sono due tipi di farmaci che migliorano la "discretamente i sintomi e per un tempo molto limitato": inibitori dell'acetilcolinesterasi e memantina. Non - trattamento farmacologico è fondamentale per il Dott Casariego, è fatto con la riabilitazione cognitiva, corretto esercizio, corretta alimentazione e l'adattamento del loro ambiente. "Non dimenticate il trattamento delle complicanze (antidepressivi, antipsicotici, ecc) quando necessario", aggiunge.

Stanno sviluppando molti nuovi obiettivi per i farmaci per cercare di impedire la deposizione di beta-amiloide e tau, migliorando il metabolismo mitocondriale, per la produzione di vaccini contro l'amiloide beta-immunizzazione che agiscono sui recettori nicotinici, fattori di crescita, inibitore γ- secretasi, ecc

Si prevede che nel giro di pochi anni, il trattamento di questa "malattia devastante è cambiata molto in modo significativo". "Nel nostro centro concludiamo il medico stiamo studiando la molecola CL2-30893-012 che agisce attraverso i recettori dell'istamina anteriori migliorare la memoria episodica".   

Neurologia a Madrid
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr. Pablo Casariego de Córdoba
Neurologia

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


TOPDOCTORS utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la sua esperienza come utente nella nostra web e raccogliere dati statistici attraverso l'analisi dei suoi dati di navigazione. Se prosegue con la navigazione, ci dà il consenso all'uso dei cookie. Può modificare la configurazione dei cookie o trovare maggiori informazioni qui.