Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continua Politica dei cookies

Por Dr. Vicente Paloma Mora
Chirurgia plastica, estetica e riparatrice

Dr. Vicente Paloma Mora è un'autorità riconosciuta nella specialità di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica livello nazionale ed internazionale. Medico con lode in Medicina e Chirurgia e Premio Speciale presso l'Università di Navarra, nella sua carriera più di 25 anni è stato Direttore del Dipartimento di Chirurgia Plastica ed Estetica della Clinica Universitaria di Navarra, ha lavorato come specialista presso l'ospedale clinica di Barcellona e collabora con l'Ospedale San Juan de Dios a malformazioni cranio-facciali. Attualmente dirige una delle squadre di Chirurgia Plastica Barcellona Teknon Medical Center.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente

8 domande frequenti circa l'aumento del seno

FAQs ingrandimento del seno L'aumento del seno, come ogni trattamento chirurgico, si traduce nella persona che eseguirà l'intervento chirurgico qualche dubbio. Ecco le risposte alle domande più frequenti circa l'aumento del seno fatto in consultazione con uno specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica .

 

Quali sono le ragioni principali per sottoporsi a un aumento del seno?

Le ragioni che portano un paziente a questo tipo di intervento può essere effettuata più. Da un lato, le alterazioni dello sviluppo del seno e asimmetria della mammella, ipoplasia del seno, sindrome del seno tuberosa Polonia. D'altra parte, ci sono pazienti che vogliono la ricostruzione del seno dopo il cancro al seno e, infine, chi vuole più volume del seno per una migliore immagine di sé.

 

Qual è il periodo migliore per questa operazione fatta?

Ogni volta che si prende in considerazione le raccomandazioni del chirurgo, qualsiasi periodo dell'anno è bene sottoporsi a questo intervento chirurgico.

 

E 'possibile allattare dopo aver subito un aumento del seno?

Sì, è possibile, come l'aumento del seno non controindica l'allattamento al seno. Tuttavia, va notato che nel caso della protesi da parte del areola, tessuto cicatriziale nella ghiandola mammaria può ostacolare l'allattamento. L'eventuale diminuzione della sensibilità del capezzolo può, invece, ridurre lo stimolo e produzione latte è inferiore. Le protesi mammarie che vengono inseriti nel solco o l'ascella di solito non causano complicazioni durante l'allattamento.

 

Come a scegliere la taglia giusta?

La giusta dimensione è uno che soddisfa il volume desiderato del paziente, sempre nell'ambito delle possibilità suggerite dal chirurgo plastico per ottenere un risultato armonioso. La comunicazione tra lo specialista e il paziente, nonché uno studio approfondito preoperatoria, sono i capisaldi per ottenere i risultati desiderati.

 

Che tipo di protesi mammarie esistere?

Come per formare, la protesi può essere rotonda o anatomica. Inoltre, per quanto riguarda il materiale, in Spagna sono previste protesi in gel di silicone, mentre gli Stati Uniti sono anche utilizzati protesi saline.

 

Come per scegliere il giusto protesi?

Nel processo di selezione del giusto protesi seno, influenzando parametri come petto profilo e dimensioni di altezza mammaria. Anche se, sono veramente la volontà del paziente, accanto alla discrezione del medico specialista che determinano il volume finale.

 

Di che materiale è il più adatto?

Seno protesi in gel di silicone stanno contribuendo maggiore esperienza e sicurezza, oltre che offrono una consistenza simile a quella del tessuto del seno. Questo materiale può fornire una forma più anatomica e stabile. La varietà di forme che esistono, permettono di scegliere il più adatto per l'anatomia del modello di petto del paziente.

 

Come protesi mammarie sono poste?

Ci sono tre metodi comuni per il posizionamento di protesi mammarie: sottomammario, ascellare e attraverso l'areola. La scanalatura fornisce una cicatrice submamariano nascosta nel solco, senza la manipolazione ghiandola mammaria. L'approccio ascellare offre lo stesso vantaggio. Inoltre, mediante l'areola è necessario tagliare la ghiandola mammaria per il posizionamento dell'impianto. La scelta del percorso dipende, di nuovo, l'indicazione del chirurgo e preferenze del paziente.

 

A cura di Noelia García Pino

Publicado por: Noelia Pino García

Chirurgia plastica, estetica e riparatrice a Barcelona
Fonte: articolo redacttato sulla base dell'esperienza e della carriera professionale del medico
*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione